Condividi la notizia

Convalida dell'arresto

Cassazione: il cittadino può arrestare il delinquente colto in flagranza di reato

Quando la nozione di "inseguimento" ad opera della forza pubblica comprende anche l'arresto di chi è "trattenuto" dal cittadino nella sentenza n. 13001/2016.

Forse non tutti sanno che il codice di procedura penale all'art. 383 autorizza ogni persona a procedere all'arresto in flagranza, quando si tratta di delitti perseguibili di ufficio. In tal caso la persona che ha eseguito l'arresto deve senza ritardo consegnare l'arrestato e le cose costituenti il corpo del reato alla polizia giudiziaria, la quale redige il verbale della consegna e ne rilascia copia.
 
La sopra riportata procedura va, però, puntualmente ossequiata altrimenti si rischia che l'arresto effettuato dall'eroico cittadino venga vanificato dal provvedimento del giudice che non convalida l'arresto. 
 
È quanto accaduto presso il Tribunale di Rimini, anche se la Corte di Cassazione ha sostanzialmente rimediato all'inconveniente dettando principi importanti.
 
Ma veniamo alla storia, una come tante altre, di borseggi, scippi, furti che avvengono quotidianamente in strada o sui mezzi pubblici, condotte delittuose che metteno a rischio la serenità e l'incolumità dei cittadini.
 
Il maldestro ladro aveva infilato la mano nella borsetta di una signora, ma il tentativo di furto veniva sventato dal proprietario di un bar che tratteneva il ladro fino all'arrivo dei Carabinieri che procedevano all'arresto. 
 
Tutto bene quel che finisce bene! Non è così perché il ladro non finisce in galera in quanto il Tribunale, in sede di giudizio direttissimo, non convalidava l'arresto ritenendo che non ricorressero le ipotesi previste dall'art. 383 e 380 del codice di procedura penale che autorizzano l'arresto obbligatorio in fragranza di reato rispettivamente operato da cittadini (art. 383 c.p.p) e dalla forza pubblica (art. 380 c.p.p). 
 
Tutto ruota attorno alla cosidetta flagranza di reato e all'arresto obbligatorio!
 
In buona sostanza, nella vicenda in esame il Tribunale ha ritenuto che l'imputato, era solo stato "trattenuto" dal proprietario dell'esercizio pubblico in attesa dell'arrivo, per altro immediato, dei Carabinieri, che avevano poi provveduto (autonomamente) all'arresto (ex art. 381, comma 2, lett. g, c.p.p.). Ciò era deducibile, secondo i giudici di prime cure, anche dall'assenza delle procedure sopra indicate previste per l'arresto da parte di persone diverse dagli operanti di polizia giudiziaria.
 
Il procuratore della Repubblica non ci sta e ricorre prontamente alla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 13001/2016 (Presidente D'ISA - udienza 24.2.2016), ha annullato il provvedimento rinviando gli atti al Tribunale per l'ulteriore corso.
 
In tema di arresto - precisa la Suprema Corte - secondo la giurisprudenza consolidata, "la nozione di quasi flagranza di cui all'art. 382 c.p.p., non va intesa rigidamente e, comunque, avendo riguardo esclusivamente al criterio quantitativo del lasso temporale dalla commissione del fatto. Ciò in quanto la previsione dell'arresto di chi sia "sorpreso con cose o tracce dalle quali appaia che egli abbia commesso il reato immediatamente prima" trova fondamento nell'esigenza di un legame materiale della persona con il fatto".
 
Deve cioè esistere "una stretta connessione temporale tra il reato e la sorpresa con tracce dello stesso", sì che l'azione per raggiungere ed arrestare l'autore dell'episodio criminoso possa ritenersi svolta senza soluzione di continuità.
 
Inoltre, la nozione di "inseguimento" ad opera della forza pubblica comprende ogni attività di indagine e ricerca finalizzata alla cattura dell'indiziato di reità, quand'anche la stessa si protragga nel tempo, purché non subisca interruzioni dopo la commissione del reato.
 
Applicando tali principi alla vicenda in esame nella quale l'imputato venne "trattenuto" dal proprietario del bar in cui si sono svolti i fatti sino all'arrivo dei Carabinieri che procedettero al suo arresto, la Corte ha ritenuto che tale situazione realizza l'"inseguimento" dell'indagato nei termini sopra precisati. 
 
Per la Corte non ci sono dubbi, l'esigenza del legame materiale della persona con il fatto, presidiato anche dall'esigenza che non vi sia soluzione di continuità tra la sua commissione e la reazione dei consociati, è pienamente ravvisabile nelle circostanze che accompagnarono l'arresto dell'imputato. 
 
In conclusione, il giudice negando la convalida dell'arresto ha fatto malgoverno dei principi innanzi enunciati.
 
Morale della favola, ogni qualvolta il cittadino procede ad un arresto per reati procedibili d'ufficio è necessario che venga rispettata la procedura che prevede la consegna delle cose costituenti il corpo di reato e del delinquente all'Autorità giudiziaria con redazione di un apposito verbale, in mancanza l'arresto in flagranza potrà essere convalidato solo se, come accaduto nel caso di specie, l'arresto dell'autore dell'episodio criminoso da parte degli agenti possa ritenersi svolto senza soluzione di continuità ovvero senza interruzioni tra la commissione del fatto di reato e l'arresto e, quindi, ricondotto alla nozione di "inseguimento".
  
Enrico Michetti

La Direzione

(3 aprile 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 ottobre 2014
Corte di Cassazione | La Prima Sezione della Suprema Corte con sentenza n. 43394 del 16 ottobre 2014 supera il contrasto giurisprudenziale in materia di "quasi flagranza" di reato. Niente arresto in "quasi" flagranza se avviene dopo l'acquisizione di informazioni da parte di terzi.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza della Suprema Corte pubblicata il 22 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | La sentenza sulla nuova causa di esclusione della punibilità per “particolare tenuità del fatto”.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quinta Sezione nella sentenza n. 42337 del 6.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Abusi edilizi | Confermata dalla Corte di Cassazione la condanna per violazione dell'art. 44 D.P.R. n. 380/2001 in caso di realizzazione di una tettoia in legno senza permesso di costruire.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.