Condividi la notizia

corte di Cassazione

Separazione: l'assegnazione della casa coniugale in caso di comodato d'uso gratuito

I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9.2.2016 n. 2506.

 La Corte di Cassazione, Sezione Terza Civile nella sentenza del 9.2.2016 n. 2506 ha risolto la problematica sollevata dalla proprietaria di un immobile che aveva concesso quest'ultimo in comodato d'uso gratuito al figlio, censurando la sentenza della Corte d'appello che aveva ritenuto che l'immobile fosse stato concesso per soddisfare le esigenze di vita familiare e che, quindi il recesso del comodante, fosse impossibile in quanto trattandosi di contratto che non aveva un termine ne esplicito, ne implicito, la comodante poteva recedere ad nutum ex art. 1810 c.c. 
 
In particolare, la  Corte di Cassazione nella sentenza in esame ha ritenuto fondato il motivo, richiamando a tal fine la decisione delle Sezioni Unite che hanno stabilito che "il coniuge affidatario della prole minorenne, o maggiorenne non autosufficiente, assegnatario della casa familiare, può opporre al comodante, che chieda il rilascio dell'immobile, l'esistenza di un provvedimento di assegnazione, pronunciato in un giudizio di separazione o divorzio, solo se tra il comodante e almeno uno del coniugi (...) il contratto in precedenza insorto abbia contemplato la destinazione del bene a casa familiare. Ne consegue che, in tale evenienza, il rapporto, riconducibile al tipo regolato dagli artt. 1803 e 1809 cod. civ., sorge per un uso determinato ed ha - in assenza di una espressa indicazione della scadenza - una durata determinabile per relationem, con applicazione delle regole che disciplinano la destinazione della casa familiare, indipendentemente, dunque, dall'insorgere di una crisi coniugale, ed è destinato a persistere o a venir meno con la sopravvivenza o il dissolversi delle necessità familiari (...) che avevano legittimato l'assegnazione dell'immobile". (Sez. U, Sentenza n. 20448 del 29/09/2014, Rv. 633004). 
 
La decisione appena ricordata ha distinto due tipi di comodato: 
 
1. quello destinato a soddisfare stabili esigenze abitative familiari, destinato a protrarsi sinchØ perdurano le suddette esigenze, ai sensi dell'art. 1809 c.c.; 
 
2. quello senza fissazione di termine, nemmeno implicito, ovvero non destinato a soddisfare stabili esigenze abitative della famiglia, soggetto invece all'art. 1810 c.c., e quindi a risolversi ad nutum del comodante. 
 
Nel caso di specie, la Corte d'appello ha accertato in fatto che l'appartamento - secondo quanto riferito dai testimoni - fu concesso in comodato "per il tempo necessario a trovare un altro alloggio" e dunque non per soddisfare stabilmente le esigenze di vita familiare. Dunque la Corte d'appello è incorsa in un tipico errore di sussunzione, applicando l'art. 1809 c.c. (che disciplina il comodato con termine implicito) ad una fattispecie cui doveva invece applicarsi l'art. 1810 c.c. (comodato senza fissazione di termine). 
 
In conclusione, la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso con con rinvio alla Corte d'appello, affinché, applicato al caso di specie l'art. 1810 c.c., si pronunci sulla sussistenza o meno d'un valido recesso, e pronunci le conseguenti statuizioni. 
 
Fonte: Corte di Cassazione
 
Enrico Michetti

La Direzione

(21 febbraio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 maggio 2015
Viminale | In attesa della pubblicazione in G.U. della legge sul c.d. "divorzio breve", la circolare n. 6/15 interviene su negoziazione assistita, accordi di separazione e divorzio davanti al Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2015
Corte dei Conti | Legittima la stipulazione in assenza di oneri a carico del Comune (che rimane proprietario dell'immobile) ed in presenza di un interesse pubblico, per ragioni di sicurezza, al mantenimento sul territorio della caserma.

 
 
Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Nel decreto del 9 gennaio 2015 tutte le formule per la redazione degli atti in materia di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

14 settembre 2014
"Negoziazione assistita" | Sara' possibile separarsi e divorziare senza rivolgersi al Tribunale, ma solo in caso di accordo consensuale e in mancanza di figli minorenni o, in alcuni, anche di maggiorenni.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2015
Corte di Cassazione | Cambia la giurisprudenza. Importanti principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza n. 6855/2015.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Poesia di agosto | di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2015
Argentina | Poesia di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Giustizia amministrativa | I rapporti economici e l'affidamento dei figli stabiliti nelle sentenze di divorzio possono essere modificati per fatti nuovi, quindi c'è interesse all'ostensione dei documenti reddituali per la tutela dei diritti al mantenimento.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Basta andare due volte davanti all'Ufficiale di Stato civile, anche senza avvocato. La circolare ministeriale sui nuovi adempimenti.

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.