Condividi la notizia

Corte di Cassazione

"Saluto Romano": tifosi salvati dalla prescrizione

Il "saluto fascista" è una manifestazione che rimanda all'ideologia fascista e a valori politici di discriminazione razziale e di intolleranza. La sentenza n. 20450/2016.

Si è conclusa una lunga querelle giudiziaria che ha coinvolto alcuni tifosi per aver fatto dagli spalti - all'incontro di calcio Italia-Georgia, svoltosi a Udine il 10/09/2008 valido per la partecipazione ai campionati mondiali di calcio - il "saluto fascista", anche noto come "saluto romano", per tutta la durata dell'inno nazionale italiano, compiendo in tal modo una manifestazione esteriore tipica di un'organizzazione politica perseguente finalità vietate ai sensi dell'art. 3 della legge 13 ottobre 1975, n. 654. 
 
Condannati in primo e secondo grado per il reato previsto dalla legge 25 giugno 1993, n. 205, a distanza di otto anni la vicenda giudiziaria si è definitivamente conclusa con la sentenza della Suprema Corte di Cassazione Sezione Prima Penale n. 20450/2016 (Presidente: Siotto - udienza: 8.3.2016).
 
I tifosi l'hanno scampata, ma solo perché la Cassazione ha rilevato che il reato contestato, essendo stato accertato il 10/09/2008, deve ritenersi estinto per intervenuta prescrizione, interamente decorsa alla data del 10/03/2015. 
 
Nel merito, tuttavia, la Corte non ha mancato di sottolineare, come correttamente i giudici di appello avevano sostenuto, che il "saluto fascista" o "saluto romano" costituisce una manifestazione che rimanda all'ideologia fascista e a valori politici di discriminazione razziale e di intolleranza, evidenziando che la fattispecie contestata non richiede che le manifestazioni siano caratterizzate da elementi di violenza, svolgendo una funzione di tutela preventiva.

La Direzione

(25 maggio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

9 agosto 2014
Violenza negli Stadi | Dura mano del Ministero dell'Interno, Alfano: "Lo Stato non accetterà più che violenti, non tifosi, ma facinorosi, possano ancora avvicinasi agli stadi". Ai recidivi misure di sorveglianza applicate ai mafiosi.

 
 
Condividi la notizia

28 novembre 2014
Violenza negli stadi | Dopo i gravi episodi di violenza che si sono verificati al termine dell'incontro Atalanta-Roma del 22 novembre scorso il Ministro Alfano firma il provvedimento che vieta la trasferta per tre mesi ai tifosi neroazzurri.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2015
Misure di prevenzione | Il Consiglio di Stato si pronuncia sui disordini registrati prima di Napoli-Juve del 2013.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Tifosi violenti | Per il TAR Veneto sono sufficienti elementi oggettivi” di “condotta finalizzata alla partecipazione attiva ad episodi di violenza".

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2015
Giustizia amministrativa | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 22 maggio 2015.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Federazione Italiana Gioco e Leghe calcio | Negato dal Giudice amministrativo nella sentenza del 22 dicembre l'acceso ai documenti per controllare il modus operandi della Federazione.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Corte di Cassazione | Prostitute socialmente pericolose? Quando il questore può emettere il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio. E i clienti commettono reato?

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Consiglio dei Ministri | Aumentate le pene del delitto di corruzione propria anche per aumentare i tempi di prescrizione del reato. Migliorato lo strumento della confisca allargata. Patteggiamento solo con restituzione del profitto del reato.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

4 aprile 2016
corte di Cassazione | Il penale scatta anche in caso di sistema informatico pubblico se si "spia" nella casella di colleghi protetta da password, con l'aggravante se a farlo è il superiore gerarchico.

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2016
Corte di Cassazione | Non basta la DIA se la demolizione e ricostruzione di un edificio presistente dà luogo a "nuova costruzione". L'ordinanza della Settima Sezione Penale n. 32086 del 25 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2014
Corte di Cassazione | Entrare sul terreno di gioco è reato anche dopo il fischio finale dell'arbitro. Il principio espresso dalla Suprema Corte nella sentenza del 17 novembre 2014 in materia di manifestazioni sportive.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.