Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Rissa tra tifoserie opposte: si configura il reato se non si evita lo scontro

La Suprema Corte analizza un caso di presunta aggressione di una fazione di tifosi ai danni di un'altra.

In occasione di un incontro di calcio della massima serie, nel settembre del 2009, le due tifoserie avverse, prima dell’inizio della disputa, venivano a contatto e si scatenava una zuffa. Uno dei partecipanti veniva imputato del reato di rissa e condannato sia in primo che in secondo grado.

In sede di ricorso per cassazione il condannato il ricorrente sollevava questioni di rito ma si doleva soprattutto del giudizio di merito, lamentando violazione di legge e vizio di motivazione con riferimento alla ritenuta sussistenza del delitto di rissa, posto che la stessa sentenza impugnata aveva asserito trattarsi di un'aggressione dei tifosi di una fazione ai danni di quelli dell’altra.

Con sentenza n. 12801 del 22 marzo 2019 la Suprema Corte (V Sezione penale) ha rigettato il ricorso.

Invero, il motivo con cui il ricorrente ha avversato la decisione quanto alla ritenuta sussistenza del delitto di rissa è stato ritenuto aspecifico perché ha del tutto ignorato la ricostruzione emersa dalla sentenza impugnata, secondo cui i tifosi della squadra ospite (ai quali apparteneva il ricorrente stesso) sia pure bersaglio di lancio di sassi da parte di quelli della squadra ospitante (che si erano appostati ed avevano preso a colpire l'autobus che trasportava i primi ed addirittura le auto della Polizia che lo scortavano), non avevano tenuto un atteggiamento meramente difensivo, per esempio attendendo un intervento risolutivo da parte delle forze dell'ordine presenti, ma erano scesi dall'autobus, anche variamente armati, ed avevano iniziato uno scontro corpo a corpo.

E' evidente che lo schema comportamentale ricostruito dalla sentenza impugnata non vede una parte — i tifosi della squadra di casa — aggredire e l'altra — quelli della compagine ospite — difendersi, ma uno scontro vicendevole, divenuto aggressione bilaterale nel momento in cui la tifoseria cui apparteneva il ricorrente, senza alcuna necessità di farlo e potendo evitare di esporsi direttamente a pericolo scendendo dall'autobus, ha intrapreso un'azione eteroaggressiva indotta, ma non necessitata, da quella della controparte e, quindi, priva della matrice difensiva di cui dice il ricorrente.

Di fronte a queste razionali argomentazioni, il ricorso porta avanti una propria versione alternativa e soggettivamente orientata che omette di contrastare i passaggi argomentativi della Corte di merito, seguendo, così, un'impostazione in spregio agli insegnamenti della giurisprudenza di legittimità che ha di recente ribadito un concetto già accreditato nella giurisprudenza della Suprema Corte: secondo cui i motivi di ricorso per cassazione sono inammissibili non solo quando risultino intrinsecamente indeterminati, ma altresì quando difettino della necessaria correlazione con le ragioni poste a fondamento del provvedimento impugnato.

Non solo: secondo i magistrati di Piazza Cavour il ricorso non si è confrontato con la motivazione della decisione avversata che, in termini del tutto logici, ha chiarito che l'imputato si trovava tra i tifosi ospiti sbarcati dall'aereo e poi caricati sull'autobus il che, considerato che tutti gli occupanti del mezzo parteciparono alla rissa (avvenuta alla presenza delle forze dell'ordine, che scortavano l'autobus), costituisce motivazione effettiva e razionalmente strutturata per giungere a ricondurre anche al ricorrente la responsabilità dell'occorso.

Rodolfo Murra

(26 marzo 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 febbraio 2019
Antitrust | Chiusa l'istruttoria sul pacchetto Calcio. Accertata pubblicità ingannevole e pratica aggressiva.

 
 
Condividi la notizia

10 settembre 2015
Ministero della Salute | È stato pubblicato il provvedimento che consente ai comuni ed ai i servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali di organizzare percorsi formativi.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Antitrust | Il procedimento riguarda la Lega di Serie A, Infront Italy s.r.l, Sky Italia s.r.l., R.T.I S.p.A. e Mediaset Premium S.P.A.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Ribaltata la decisione del TAR di tornare al vecchio format.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2014
Tra gladiatori e campioni di football | L'idea era stata lanciata dal Presidente della Roma Pallotta; ma l'esigenza di tutela del monumento non sembra -comunque- essere l'unico problema.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2018
Tribunale Federale Nazionale | Le squadre ricorrenti vantavano solo un "interesse semplice" alla conclusione della procedura.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

18 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Non é applicabile il D.L. n. 115/2018 ai procedimenti sportivi definiti prima della sua entrata in vigore.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Trascorso troppo tempo dall'inizio del campionato. Ora la palla passa al TAR che deciderà solo a marzo 2019.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
Calcio Serie A | Il Presidente della Lega A Beretta parla di "nuove tecnologie" per migliorare il nostro calcio, che in realta' affonda sempre di piu'

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2015
Calcio e sicurezza | Il presidente della Federazione calcio Tavecchio ha illustrato al Ministro Alfano le misure adottate per avvicinare allo sport giovani e famiglie.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2016
Antitrust | Condannate Sky, Mediaset Premium, Lega Calcio e Infront. Alterata la gara per i diritti sul Campionato di A per il triennio 2015-2018, del giugno 2014.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Federazione Italiana Gioco e Leghe calcio | Negato dal Giudice amministrativo nella sentenza del 22 dicembre l'acceso ai documenti per controllare il modus operandi della Federazione.

 
 
Condividi la notizia

1 giugno 2014
STRAGE IN NIGERIA | Nuovo attentato di Boko Haram in Nigeria, il gruppo islamico ha colpito durante una partita di calcio. La missione è ripristinare un califfato islamico e la sharia.

 
 
Condividi la notizia

28 agosto 2014
Integratori di calcio | L'Agenzia Italiana per il Farmaco ha diramato l'editoriale di Ian R. Reid, della Facoltà di Scienze Mediche e della Salute dell’Università di Auckland (New Zealand) sulla correlazione tra supplementi di calcio e rischio cardiovascolare.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.