Condividi la notizia

Senato

Aboliti gli studi di settore: al via gli indici di affidabilità

Premialità per i contribuenti più affidabili, anche con esclusione o riduzione dei termini per gli accertamenti. Le novità della legge di conversione del decreto fiscale.

La Pulce e il Prof Locandina
Ascolta La Pulce e il Prof sull'argomento
L'Abolizione degli Studi di Settore - Puntata 52 - Stagione II
 

Con 162 si, 86 no e un astenuto, nella seduta di giovedì 24 novembre, il Senato ha approvato definitivamente il disegno di legge di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 ottobre 2016, n. 193, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili.

In particolare, nelle more della pubblicazione della legge di conversione sulla Gazzetta Ufficiale, tra le novità si segnala la norma che stabilisce la soppressione degli studi di settore, in sostituzione dei quali sono introdotti, dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2017, con D.M., indici sintetici di affidabilità fiscale, cui sono collegati livelli di premialità per i contribuenti più affidabili, anche in termini di esclusione o riduzione dei termini per gli accertamenti, al fine di stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari ed il rafforzamento della collaborazione tra l'Amministrazione finanziaria e contribuenti. È il Ministro dell'economia e delle finanze che individua con decreto indici sintetici di affidabilità fiscale cui collegare livelli di premialità per i contribuenti più affidabili.

Ma cos'è l'indice di affidabilità fiscale, il cd indicatore di compliance?

Per cercare di comprendere il cambiamento abbiamo approfondito la materia analizzando i dossier pubblicati dalla Camera e dal Senato e, nello specifico, nelle schede di lettura del Servizio studio del Senato si evidenzia quanto illustrato dalla Sose in una presentazione su "STUDI DI SETTORE - E(ri)voluzione dell’istituto sperimentazione di innovazioni metodologiche" per il quale 'L’indicatore di compliance è un dato sintetico che fornisce, su scala da uno a dieci, il grado di affidabilità del contribuente. Se il contribuente raggiunge un grado elevato avrà accesso al sistema premiale che prevede oggi, l’esclusione da alcuni tipi di accertamento e una riduzione del periodo di accertabilità. Il nuovo indicatore sarà articolato in base all’attività economica svolta in maniera prevalente, con la previsione di specificità per ogni attività o gruppo di attività.

Verrà costruito sulla base di una metodologia statistico-economica innovativa che prende in considerazione molteplici elementi: 

- gli indicatori di normalità economica (finora utilizzati per la stima dei ricavi) diventeranno indicatori per il calcolo del livello di affidabilità;

- invece dei soli ricavi saranno stimati anche il valore aggiunto e il reddito d’impresa;

- il modello di regressione sarà basato su dati panel (8 anni invece di 1) con più informazioni e stime più efficienti;

- il modello di stima coglierà l’andamento ciclico senza la necessità di predisporre ex-post specifici correttivi congiunturali (cd correttivi crisi);

- una nuova metodologia di individuazione dei modelli organizzativi consentirà la tendenziale riduzione del numero, una maggiore stabilità nel tempo e assegnazione più robusta al cluster.

Al singolo contribuente saranno comunicati, attraverso l’Agenzia delle Entrate, il risultato dell’indicatore sintetico e le sue diverse componenti, comprese quelle che appaiono incoerenti. In questo modo il contribuente sarà stimolato ad incrementare l’adempimento spontaneo e incentivato a interloquire con l’Agenzia delle Entrate per migliorare la sua posizione sul piano dell’affidabilità.

In estrema sintesi le 10 principali novità saranno:

1. Indice sintetico di affidabilità/compliance: Rappreseta il posizionamento di ogni contribuene sulla base di a serie di indicatori significativi ( su scala da 1 a 10);

2. Indicatori di normalità economica: Finora utilizzati per la stima dei ricavi/compensi diventano indicatori per il calcolo del livello di affidabilità/compliance;

3. Stima di più "bassi imponibili": Si stima il valore aggiunto è su questa base i ricavi/compensi e il reddito;

4. Dati panel: Stima del modello di regressione su dati panel ( 8 anni invece di 1), che contengono più informazioni e producono stime più efficienti e più precise;

5. Modelli organizzativi (cluster): Nuova metodologia di individuazione dei modelli organizzativi. Tendenziale riduzione del numero, maggiore stabilità nel tempo e assegnazione più robusta del contribuente al cluster;

6. Unica regressione: Non più una regressione per ogni cluster ma un'unica regressione in cui la probabilità di appartenenza ai cluster è una delle variabili esplicative;

7. Nuovo modello di stima: Stima del valore aggiunto per addetto con utilizzo di una funzione di produzione di tipo cobb–douglas informa logaritma: maggiore interpretabilità economica dei coefficienti stimati (elasticità rispetto al valore aggiunto) è migliore aderenza dei risultati alla realtà economica;

8. Ciclo economico: il nuovo modello di stima coglie l'andamento ciclico e quindi non è più necessario predisporre ex-post specifici correttivi congiunturali (cd correttivi crisi);

9. Effetti individuali: I risultati sono personalizzati per singolo contribuente sulla base degli effetti individuali calcolati con il nuovo modello di stima;

10. Semplificazione del modello dati: Riduzione delle informazioni presenti nel modello dati.

Enrico Michetti 

 

 

 

La Direzione

(24 novembre 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 maggio 2015
Agenzia delle Entrate | Il Provvedimento delle Entrate riguarda i settori delle manifatture, dei servizi, delle attività professionali e del commercio.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2016
Agenzia delle Entrate | Approvati in veste definitiva i modelli da inviare in via telematica. Il focus. La semplificazione in cantiere e le altre novità.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2016
Agenzia delle Entrate | Pubblicate le versioni provvisorie per la comunicazioni dei dati. Consultabile anche l'andamento pluriennale.

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Agenzia delle entrate | Prorogata al 7 luglio la dichiarazione dei redditi. Interessati tutti i contribuenti con gli studi di settore.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
MEF | Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che è stato firmato dal premier Matteo Renzi è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Agenzia delle Entrate | Le nuove istruzioni per accedere al beneficio a seguito di definizione per acquiescenza all'avviso di accertamento oppure di adesione all'avviso di accertamento.

 
 
Condividi la notizia

25 ottobre 2016
fiscalità | Arriva il nuovo ente "Agenzia delle Entrate - Riscossione". Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto legge n. 193/2016.

 
 
Condividi la notizia

27 gennaio 2015
Agenzia delle Entrate | Termini delle notifiche delle cartelle di pagamento, pagamento a rate, compensazione, fermo amministrativo, pignoramento e iscrizione di ipoteca, queste ed altre le novità approfondite dal Fisco.

 
 
Condividi la notizia

7 gennaio 2016
Enti Locali | Il Comunicato dell'Autorità Nazionale Anticorruzione sull’applicazione dell’art. 33, comma 3-bis del Codice dei Contratti Pubblici.

 
 
Condividi la notizia

23 gennaio 2016
Adempimenti fiscali | Chi, che cosa e come nella tabella elaborata dall'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2014
Agenzia delle Entrate | Parte il tour 2014 dell'Agenzia delle Entrate per fornire assistenza ai cittadini. La prima tappa nel Piemonte, l'ultima in Emilia Romagna

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2014
Cultura | Visite gratuite a Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

 
 
Condividi la notizia

20 gennaio 2015
Lavori edili | Tutto quello che c'è da sapere sul Bonus Ristrutturazioni nelle faq aggiornate dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

27 luglio 2015
Lotta all'evasione internazionale | L'Agenzia delle Entrate, in relazione all'Accordo Fatca, ha comunicato che i dati 2014 vanno trasmessi entro il 31 agosto prossimo.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2015
Dipartimento delle Finanze | Il MEF sottolinea che i dati forniscono alcune indicazioni sull'andamento dell'’economia e sulle misure assunte dal Governo.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.