Condividi la notizia

Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

In vigore il “Codice del Terzo settore”

Con il Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 si completa l'attuazione della legge 106/2016.

Entra in vigore oggi 3 agosto 2017 il Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 noto come "Codice del Terzo settore". Con il provvedimento si completa l'attuazione della legge 106/2016 "Delega al Governo per la riforma del terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale".

Nelle parole del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, la soddisfazione per il raggiungimento del traguardo: "Prende vita oggi un importante progetto di innovazione sociale con cui puntiamo a interpretare in modo più efficace e dinamico le aspettative dei cittadini più deboli e bisognosi di sostegno". Il Ministro, nella sua dichiarazione, ha ricordato il punto di partenza e posto in luce l'ampiezza della platea che è al centro del Codice: "Una riforma fortemente voluta dal Governo - realizzata in collaborazione con il Forum per il Terzo settore - con cui diamo la giusta attenzione a una risorsa straordinaria del nostro Paese, andando incontro anche alle esigenze dei 300.000 operatori del sociale, universo in cui operano 1 milione di lavoratori e 5 milioni di volontari. Ora, grazie alle nuove misure dedicate all'impresa sociale e al buon equilibrio che abbiamo costruito sulla natura dei soggetti, sui loro compiti e obblighi, chi opera nel Terzo settore potrà farlo in modo più efficace e trasparente". Una riforma impegnativa per le Istituzioni che - attraverso norme di sostegno fiscale e di sviluppo di progetti innovativi - vogliono dare impulso alla crescita di un Terzo settore radicato nelle comunità e capace di affrontare sfide ambiziose.

La filosofia del provvedimento - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 179 del 2 agosto 2017, nel Supplemento Ordinario n. 43 - è chiara fin dall'articolo 1 del Decreto 117/2017: "sostenere l'autonoma  iniziativa dei cittadini  che concorrono, anche in forma associata, a perseguire il bene comune, ad elevare i livelli di cittadinanza attiva, di  coesione  e  protezione sociale,  favorendo  la  partecipazione,  l'inclusione  e  il   pieno sviluppo della persona, a valorizzare il potenziale di crescita e  di occupazione lavorativa". Il Codice, che "provvede al riordino e  alla  revisione  organica  della  disciplina  vigente  in materia di enti del Terzo settore" ha radici importanti e si lega all'attuazione degli articoli 2, 3, 4, 9, 18 e 118, quarto comma, della Costituzione.

"Abbiamo svolto un'opera di riordino della copiosa legislazione esistente e pure introdotto novità di rilievo", ha dichiarato il Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, Luigi Bobba - che ha ricordato il percorso che ha portato agli attuali risultati: "Dopo circa tre anni di lavoro, oggi è un giorno importante; siamo allo stesso tempo alla conclusione di un percorso e all'avvio di una nuova fase. L'applicazione della riforma è una pagina ancora da scrivere e tutti, associazioni, enti, istituzioni, imprese, investitori sociali e anche singoli cittadini saranno i protagonisti di questa nuova sfida".

Un ruolo essenziale e centrale nella nuova regolazione sarà quello del Registro Unico del Terzo settore, strumento che sarà avviato, gestito e aggiornato dalle Regioni ma che utilizzerà un'unica piattaforma nazionale. L'obiettivo è il superamento della frammentazione e dell'opacità dei troppi registri oggi esistenti: l'accesso al Fondo progetti, al cinque per mille e agli incentivi fiscali sarà possibile soltanto attraverso l'iscrizione al Registro.

La riforma passa anche dall'impresa sociale, riguardo la quale l'Italia si è dotata di una normativa particolarmente innovativa con l'ampliamento dei campi di attività (commercio equo, alloggio sociale, nuovo credito, agricoltura sociale, ecc.); possibile, seppur parziale, distribuzione degli utili e incentivi all'investimento di capitale per le nuove imprese sociali: il 30% dell'investimento potrà essere fiscalmente deducibile o detraibile analogamente a come avviene oggi per le startup innovative tecnologiche.

Infine il cinque per mille, altro snodo fondamentale in materia, per il quale si è portata a compimento la riforma strutturale iniziata con la Legge di Bilancio 2015, che ha attribuito risorse in misura stabile per 500 milioni l'anno.


Leggi il testo del Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 "Codice del Terzo Settore"

Leggi il testo del decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale"

Vai alle slide di riepilogo su Codice del Terzo Settore, impresa sociale e cinque per mille 

Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, comunicato del 3 agosto 2017

Paolo Romani

(3 agosto 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 luglio 2014
Attività di Governo | La riforma del terzo settore voluta dal Governo si fa sempre più vicina.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2014
Pubblica Amministrazione | Avviata consultazione pubblica con i portatori di interesse del terzo settore, per avere contributi su ipotesi di riforma

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2017
Riforma | L'obiettivo è rafforzare il servizio civile quale strumento di difesa non armata della Patria, di educazione alla pace e di promozione dei valori fondativi della Repubblica.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2016
Ministero del lavoro | L'Anac ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale le "Linee guida per l'affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali".

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Volontariato | Pubblicato l'avviso per lo svolgimento del servizio civile nazionale inserito nel programma Garanzia Giovani

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Giovani e politiche giovanili | Reclutamento dal prossimo ottobre di 37000 giovani per un innovato impegno nel servizio civile (con rimborso).

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Lavoro e volontariato | Stipulato accordo tra Ministro del Lavoro, Presidente ANCI e Forum del terzo settore

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2017
Giovani | Pubblicata la circolare, che consentirà di elevare il livello qualitativo del Servizio civile universale e di renderlo maggiormente rispondente alle nuove sfide.

 
 
Condividi la notizia

11 luglio 2014
Terzo Settore | Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera ad una riforma snella, di soli sette articoli, che ridisegna completamente i compiti e le modalita' operative del Terzo Settore in Italia

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2015
PCM | Dei circa 36.000 in programma, per il 2015, sono al via i primi 29.972 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale.

 
 
Condividi la notizia

13 maggio 2014
Terzo settore | Costituire un nuovo Welfare partecipativo. Premiare i comportamenti donativi o prosociali dei cittadini e delle imprese.

 
 
Condividi la notizia

23 dicembre 2015
Mef | I contributi del Fondo sono assegnati, con vincolo di destinazione, ad Associazioni e Fondazioni del Terzo settore che svolgono attività di assistenza e solidarietà a favore dei soggetti in difficoltà economica, nonché a Confidi.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Opportunità | Le domande vanno presentate entro il 20.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2016
progetto europeo IVO4ALL | Assegno mensile di 433,80 euro oltre ad un'indennità di 15 euro per ogni giorno di effettiva permanenza all'estero. Vitto e alloggio durante la permanenza all'estero e il periodo di formazione linguistica in Italia. Scadenza 9 marzo 2016.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Anticorruzione | Termine fino al 10 settembre 2015 per inviare le osservazioni sulle Linee Guida per l'affidamento di servizi.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.