Condividi la notizia

Terzo Settore

Rivoluzione nel Volontariato: la Riforma coinvolge cinque milioni di persone

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera ad una riforma snella, di soli sette articoli, che ridisegna completamente i compiti e le modalita' operative del Terzo Settore in Italia

Nella consueta conferenza stampa organizzata dopo la riunione del Consiglio dei Ministri, il Premier ha dichiarato, prima di tutto, la sua grande soddisfazione per l’accordo raggiunto nella Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama sulla riforma del Titolo V della Costituzione e su quella del Senato “non elettivo”.

Matteo Renzi ha detto di non avere “preoccupazioni per il voto dell’Aula”. Quanto ai risultati della riunione dell’Esecutivo, ha annunciato che nei tempi programmati la Riforma della P.A. andrà a regime, consentendo -tra le altre cose- “la consegna a domicilio dei certificati, senza costringere i cittadini a fare file interminabili”.

Il punto centrale della riunione del CdM, tuttavia, è stata l’approvazione della Delega al Governo  per la Riforma del Terzo Settore e la disciplina del Servizio Civile nazionale ed universale, dopo una consultazione con le associazioni del settore sulle linee guida che erano state annunciate al “salone del Volontariato Italiano”.

E’ una riforma che coinvolge ben cinque milioni di persone -che nelle intenzioni dell’Esecutivo dovrebbe entrare in vigore nel 2015- e che si pone come obiettivo la semplificazione della legislazione vigente in materia, al momento alquanto farraginosa ed improduttiva, rispetto ai fini che si era prefisso il Legislatore.

Il ddl contiene una serie di interventi su vari fronti, che saranno affidati a decreti legislativi che dovranno essere adottati dal Governo nei sei mesi successivi all’entrata in vigore della norma.

Le imprese sociali potranno ripartire gli utili, nei limiti che saranno specificamente indicati, e saranno autorizzate a raccogliere fondi su internet, riformando quasi tutta la disciplina contenuta del d.lgs. 155/2006, che non ha consentito il raggiungimento degli scopi prefissati, tanto è vero che sono nate solo 852 imprese sociali, a causa di tutta una serie di vincoli, come -appunto- il mancato riconoscimento di incentivi fiscali ed il divieto di distribuire utili ed avanzi di gestione.

Il ddl di riforma è un provvedimento snello, di soli sette articoli, che ridisegna completamente i compiti ed i modelli operativi del Terzo Settore in Italia, ampliandone i campi di attività e superando i limiti sopra accennati.

Si punta anche alla diffusione di “titoli di solidarietà”, i c.d. “social bond”, cioè quei titoli a rendimento garantito con una quota riservata a soggetti del Terzo Settore.

Viene riformato anche il servizio civile, per il quale si prevede “una programmazione almeno triennale dei contingenti di giovani, anche stranieri”. Nei programmi ci saranno esperienze all’estero (anche fuori UE) ed il servizio “farà curriculum, sia nel percorso istruzione che in ambito lavorativo”.

Diventerà permanente il meccanismo del cinque per mille (ora finanziato ogni anno nella Legge di Stabilità) e cambierà la fiscalità. Si pensa anche di assegnare gli immobili inutilizzati o confiscati alla criminalità organizzata agli enti del Terzo Settore, con modalità da approfondire.

Sarà, infine, istituito il registro unico di settore, per favorire la massima trasparenza e la “piena conoscibilità” del terzo Settore su tutto il territorio nazionale.

 

Moreno Morando

(11 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 maggio 2014
Pubblica Amministrazione | Avviata consultazione pubblica con i portatori di interesse del terzo settore, per avere contributi su ipotesi di riforma

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
Attività di Governo | La riforma del terzo settore voluta dal Governo si fa sempre più vicina.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2017
Riforma | L'obiettivo è rafforzare il servizio civile quale strumento di difesa non armata della Patria, di educazione alla pace e di promozione dei valori fondativi della Repubblica.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Volontariato | Pubblicato l'avviso per lo svolgimento del servizio civile nazionale inserito nel programma Garanzia Giovani

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Lavoro e volontariato | Stipulato accordo tra Ministro del Lavoro, Presidente ANCI e Forum del terzo settore

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2017
Giovani | Pubblicata la circolare, che consentirà di elevare il livello qualitativo del Servizio civile universale e di renderlo maggiormente rispondente alle nuove sfide.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Giovani e politiche giovanili | Reclutamento dal prossimo ottobre di 37000 giovani per un innovato impegno nel servizio civile (con rimborso).

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2016
Ministero del lavoro | L'Anac ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale le "Linee guida per l'affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali".

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2017
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali | Con il Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 si completa l'attuazione della legge 106/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2015
PCM | Dei circa 36.000 in programma, per il 2015, sono al via i primi 29.972 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2015
Giubileo della Misericordia | 433,80 euro di assegno mensile per 12 mesi. Domande entro il 25 gennaio 2016 ore 14:00.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2016
PCM | I termini per partecipare: 25 gennaio, 8 febbraio e 15 febbraio 2016.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2014
Terzo settore | Conclusa la tre giorni di Lucca del Cnv Centro Nazionale Volontariato

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Anticorruzione | Termine fino al 10 settembre 2015 per inviare le osservazioni sulle Linee Guida per l'affidamento di servizi.

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2015
Assistenza | Il Ministero del Lavoro ha pubblicato le nuove linee di indirizzo 2015 ai fini della presentazione di proposte sperimentali.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.