Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Accessibili i documenti che condannano il Comune

Parita' di armi nel processo. Il diniego di ostensione diventa quasi una confessione. I principi sanciti nella sentenza del 23 marzo 2015.

Grosso errore quello di negare l'accesso ai documenti motivando tale diniego sulla circostanza che i documenti richiesti possono essere utilizzati contro l'Amministrazione in un processo e, quindi, si tratterebbe di un controllo indiretto sul materiale probatorio utilizzato dall’Amministrazione in una causa.
 
Per il Consiglio di Stato una tale affermazione è addirittura qualificabile quasi come una confessione dell'Amministrazione.
 
La vicenda 

Un’impresa formulava al Comune domanda di accesso agli atti amministrativi e ai documenti relativi a determinati contratti di appalto, specificamente indicati, a essa affidati ed eseguiti nel periodo dal 1979 al 1984.

Il Comune respingeva l’istanza, considerandola preordinata a effettuare un controllo indiretto sul materiale probatorio utilizzato dall’Amministrazione in una causa per risarcimento del danno instaurata contro l’impresa richiedente all’esito di un giudizio penale contro quest’ultima per i reati di turbativa d’asta, truffa e corruzione in relazione alle aggiudicazioni delle gare d’appalto per i lavori nel settore strade del Comune.

L’impresa impugnava l’atto di diniego, proponendo un ricorso che il T.A.R. per la Lombardia, sez. I, che  veniva accolto con sentenza 10 settembre 2014, n. 2336.

Il Tribunale regionale ha ritenuto fondata la pretesa della ricorrente in quanto correlata a un interesse sostanziale qualificato e differenziato, quale quello della difesa in giudizio del proprio diritto al pagamento di pretesi crediti residui. 

 

La decisione del Consiglio di Stato

Il Comune ha proposto appello contro la sentenza del TAR e la Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 23 marzo 2015 ha ritenuto determinante, ai fini del rigetto del gravame, la circostanza -evidenziata dal Comune e ripetuta anche nell’appello- che finalità dell’accesso sarebbe stata essenzialmente l’esigenza di acquisire elementi utilizzabili contro l’Amministrazione nella causa di risarcimento del danno.

In questi termini, ad avviso del Consiglio di Stato "l’affermazione è quasi confessoria".

Se l’accesso è almeno potenzialmente correlato alla posizione che l’impresa richiedente intende far valere in giudizio, l’art. 24, comma 7, primo periodo, della legge n. 241 del 1990 (“Deve comunque essere garantito ai richiedenti l'accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici”) ne assicura l’integrale soddisfazione. 

"Il soggetto pubblico richiesto non può andare oltre una valutazione circa il collegamento dell’atto - obiettivo o secondo la prospettazione del richiedente - con la situazione soggettiva da tutelare e quanto all’esistenza di una concreta necessità di tutela, senza poter apprezzare nel merito la fondatezza della pretesa o le strategie difensive dell’interessato".

Il Comune, peraltro, è controparte dell’impresa in una lite, nell’economia della quale possono assumere rilievo gli atti richiesti. Dunque, precisa il Collegio, l’esigenza, di rilievo costituzionale, di assicurare la parità delle armi nel processo vale a rendere ancora più solida la pretesa della parte appellata.

Dalle considerazioni che precedono, discende che - come anticipato - l’appello del Comune è stato respinto.

Per acquisire gratuitamente il testo della sentenza richiederla via mail a info@gazzettaamministraiva.it

Enrico Michetti

La Direzione

(24 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 marzo 2015
Giustizia Amministrativa | Acquista valenza di documento e non è corrispondenza privata l'e-mail inviata al Presidente di un'Ente se il Presidente ha poi provveduto a rendere edotti gli uffici dell'amministrazione dell'esistenza di tale informativa.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2015
Motivazione | I principi stabiliti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 20 marzo 2015. E' sufficiente che l'atto sia acquisibile utilizzando il procedimento di accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2018
TAR CALABRIA | Ribadita, in una fattispecie in materia di edilizia, l'autonomia dell'azione per ottenere l'accesso agli atti.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2015
Giustizia Amministrativa | I principi sanciti nella sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia del 10.4.2015 n. 176.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2015
Diritto di accesso | La curiosa controversia tra una Cassa edile ed il suo ex Presidente. La sentenza del Consiglio di Stato del 17.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Contratti pubblici | Il rapporto tra la normativa generale in tema di accesso e quella particolare dettata in materia di contratti pubblici nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del 24 marzo 2014.

 
 
Condividi la notizia

8 aprile 2016
Spese rappresentanza | Il TAR contempera il diritto di accesso di due consiglieri comunali - che hanno presentato istanza per ottenere tutte le spese sostenute dall'ex Sindaco - con le esigenze di non aggravamento dell'apparato amministrativo. Necessaria l'indicazione di quali tipo di spese assoggettare a richiesta.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

10 settembre 2014
Diritti dei lavoratori | Il Consiglio di Stato si pronuncia a favore del diritto all’informazione anche per i sindacati non rappresentativi a livello nazionale.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Accesso ai documenti | Il Consiglio di Stato si pronuncia in una contesa tra imprese farmaceutiche nella sentenza del 31.3.2016 n. 1261.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Motivazione per relationem | La Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 5 dicembre 2014 precisa che è sufficiente indicare gli estremi degli atti e metterli a disposizione su richiesta dell'interessato.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.