Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Comportamento colposo della P.A., e il riparto di giurisdizione sulla domanda risarcitoria

Le Sezioni Unite si pronunciano su un caso di un impianto industriale autorizzato e poi non più realizzato.

Una società ha convenuto davanti al Tribunale di Ancona la Regione Marche e la Provincia di Macerata al fine di accertare e dichiarare la responsabilità delle Amministrazioni convenute e di ottenere la condanna delle stesse al risarcimento dei danni provocati dalla mancata utilizzazione di un impianto, realizzato dalla società stessa, per la produzione di energia elettrica da biogas, ottenuto dalla digestione anaerobica di biomasse, impianto che aveva ottenuto tutte le autorizzazioni da parte delle Amministrazioni competenti. Ha dedotto la società attrice di essere stata indotta dal comportamento colposo delle Amministrazioni ad un incolpevole affidamento sulla realizzabilità e l’utilizzazione dell’impianto e pertanto di aver affrontato gli ingenti costi necessari per la sua realizzazione e la messa in funzione. Ma, in seguito al successivo annullamento dell’autorizzazione, era stata costretta al definitivo abbandono dell’iniziativa economica venendo così a subire un gravissimo e ingiusto pregiudizio patrimoniale.

Si sono costituite le Amministrazioni convenute e hanno eccepito il difetto di giurisdizione dell’autorità giudiziaria ordinaria.

L’attrice, prospettando il proprio interesse a una definizione immediata della questione di giurisdizione, ha proposto ricorso per regolamento preventivo chiedendo che le Sezioni Unite della Corte di cassazione affermassero la sussistenza della giurisdizione del giudice ordinario.

La giurisprudenza delle Sezioni Unite ha ripetutamente affermato che l’attrazione della tutela risarcitoria dinanzi al giudice amministrativo può verificarsi soltanto qualora il danno patito dal soggetto che agisce nei confronti della pubblica amministrazione sia conseguenza immediata e diretta della dedotta illegittimità del provvedimento che ha impugnato. Mentre si è al di fuori della giurisdizione amministrativa se viene in rilievo una fattispecie complessa in cui l’emanazione di un provvedimento favorevole, che venga successivamente annullato in quanto illegittimo, si configura solo come uno dei presupposti dell’azione risarcitoria che si fonda altresì sulla capacità del provvedimento di determinare l’affidamento dell’interessato e la lesione del suo patrimonio che consegue a tale affidamento e alla sopravvenuta caducazione del provvedimento favorevole.

Il caso odierno ricade, secondo l’ordinanza che ha deciso il proposto regolamento (n. 22435 del 24 settembre 2018), pienamente in questa ipotesi. In particolare non è stato ritenuto idoneo ad attrarre la controversia in esame nella giurisdizione del giudice amministrativo il richiamo della legislazione speciale che attribuisce competenza giurisdizionale esclusiva all’Autorità giudiziaria amministrativa in materia di energia.

Anche nell’ipotesi dell’attribuzione di un settore di competenza alla A.G.A. permane, infatti, la linea di discrimine fra azioni risarcitorie dipendenti dall’illegittimità dell’atto e azioni risarcitorie dipendenti dall’affidamento derivato dal comportamento della pubblica amministrazione, rimanendo privo di rilievo che tale comportamento sia più o meno direttamente connesso all’esercizio dell’attività appartenente al settore di competenza esclusiva.

Nel secondo caso il soggetto leso denuncia non già la lesione del suo interesse legittimo pretensivo bensì quella della sua integrità patrimoniale derivata dall’affidamento incolpevole sulla legittimità dell’attribuzione favorevole poi caducata. Viene quindi in rilievo in questa ipotesi non solo la situazione lesa, che peraltro è riferibile a un diritto soggettivo e non a un interesse legittimo, ma anche la natura stessa del comportamento lesivo che non consiste tanto ed esclusivamente nella illegittimità dell’agire della P.A. ma piuttosto nella violazione del principio generale del neminem laedere.

 

Rodolfo Murra

(2 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 maggio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 9449 del 10.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Previdenza sociale | La Corte di Cassazione con ordinanza n. 25688/2014 ha rimesso gli atti al Primo Presidente per l'assegnazione alle Sezioni Unite, della questione, considerata di particolare importanza.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Acquisizione sanante | Sull'art. 42 bis T.U. la Prima Sezione della Corte di Cassazione rimette gli atti al Presidente.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2016
Corte di Cassazione | Le Sezioni Unite della Suprema Corte definiscono il riparto di giurisdizione in materia di diritto all'assunzione.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Danno erariale | Era imputato per detenzione, assunzione e spaccio di doping nel ciclismo. Un danno per l’'immagine dell'Arma dei Carabinieri. Ma la Corte dei Conti dichiara inammissibili le richieste di risarcimento per prescrizione dei reati.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2015
Depenalizzazione | A distanza di un mese dall'entrata in vigore già tre questioni interpretative.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Corte di Cassazione | Il principio ribadito dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 19683 del 3.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

21 marzo 2016
Tributi Locali | Superato il contrasto giurisprudenziale. Il principio sancito dalle Sezioni Unite nelle sentenza n. 5078 del 15.3.2016.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Corte di cassazione | A rischio l'inviolabilità del domicilio e dei luoghi di privata dimora. L'ordinanza della Sesta Sezione Penale n. 13884/2016.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
Corte di Cassazione | Nessun limite nella privata dimora in caso di procedimenti relativi a delitti di criminalità organizzata, anche terroristica e associazione per delinquere.

 
 
Condividi la notizia

12 maggio 2016
Corte di Cassazione | Il requisito dell'autonoma organizzazione nel principio di diritto sancito nella sentenza n. 9451 del 10.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2014
CORTE DI CASSAZIONE | Le problematiche applicative del decreto c.d. Salva Italia relative al proseguimento dell'attività lavorativa fino al 70° anno di età sono all’'esame del Primo Presidente della Corte.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2015
Distanze tra costruzioni | Quid iuris nel caso in cui il regolamento edilizio comunale nulla dica sulla distanza dal confine ma imponga distanze tra costruzioni maggiori di quelle codicistiche?

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Incidenti stradali | Segnalazione dei due opposti orientamenti. Sul contrasto giurisprudenziale fissata per il 29 ottobre 2015 l'udienza in Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

9 ottobre 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Terza Sezione n. 19993 del 6.10.2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.