Condividi la notizia

Tribunale Federale Nazionale

Serie B di calcio: legittima la revoca dell'aggiudicazione del Commissario

Le squadre ricorrenti vantavano solo un "interesse semplice" alla conclusione della procedura.

La Serie B resta a 19 squadre, almeno per il momento. Lo ha stabilito il Tribunale Nazionale Federale, respingendo i ricorsi presentati da cinque squadre di Lega Pro avverso la decisione del Commissario straordinario della Figc di revocare l’atto di aggiudicazione provvisoria. Con quest’ultimo, Fabbricini aveva stabilito di “fissare i criteri e le procedure per l’integrazione del Campionato di Serie B”.

La vicenda parte da lontano ed esattamente dalla delibera datata 30 maggio 2018, con la quale il Commissario straordinario avviava la procedura per il ripescaggio delle squadre, aventi i requisiti per disputare il campionato cadetto. Tra ricorsi di chi chiedeva l’illegittimità di questa delibera (nella parte in cui estrometteva dal ripescaggio le società sanzionate per ragioni economiche) e controricorsi di chi ne chiedeva la conferma, veniva stabilito nel 27 luglio il termine ultimo per presentare domanda di ammissione al campionato di Serie B.

Le sette pretendenti aspiravano alle caselle lasciate libere da tre squadre della serie cadetta a cui non era stata concessa la Licenza Nazionale.

Il 13 agosto arrivava, tuttavia, il colpo di scena. A fronte dei molteplici ricorsi e alla irremovibilità della Lega di B di voler ridurre il format del campionato da 22 a un massimo di 20 squadre (divenute poi 19 per le motivazioni di cui sopra, relative alla mancata concessione della Licenza), il Commissario Straordinario ritornava sui propri passi, revocando la precedente delibera del 30 maggio.

D’intesa con la Lega di B, veniva inoltre modificato l’art. 49 delle NOIF, portando il numero di squadre di B per la stagione in corso da 22 a 19.

Le squadre ricorrenti non accettavano tali provvedimenti e li impugnavano dinanzi al Collegio di Garanzia. Quest’ultimo si dichiarava incompetente, rinviando il tutto all’attenzione degli organi di giustizia federale.

E così, in seguito al successivo ricorso di cinque squadre cadette, il Tribunale Nazionale Federale, con Comunicato n. 22, entrando questa volta nel merito, giungeva alla dichiarazione di inammissibilità dei ricorsi.

Tutto questo poiché, secondo il Tribunale sia la Figc (nella scelta di revocare l’iniziale aggiudicazione) sia la Lega di B godono di ampia discrezionalità nella gestione e nell’organizzazione dei campionati. In particolare, secondo il TFN i suddetti provvedimenti “non sono sindacabili sotto il profilo della loro legittimità da questo Tribunale, se non per manifesta illogicità che, nel caso di specie, non sembra sussistere”.

E i diritti eventualmente violati dei ricorrenti che già pregustavano (o se non altro speravano) in un ripescaggio in serie B?

In presenza di ragioni di pubblico interesse – aggiunge l’organo federale di primo grado, rimandando alla sentenza del Tar Piemonte, sez. II, 17 luglio 2017, 861 - non è neanche da classificare come attività di secondo grado, atteso che, nei confronti di tale determinazione, l’aggiudicatario provvisorio vanta solo un’aspettativa non qualificata o di mero fatto alla conclusione del procedimento…”.

Tutto ciò anche alla luce del fatto – conclude il TFN – che “nel caso di specie non è stata emanata alcuna graduatoria ufficiale” e quindi “non è dato conoscere ufficialmente neanche quali sarebbero state le Società concretamente interessate al positivo provvedimento di integrazione in quanto in possesso dei requisiti legittimanti la concessione della licenza”.

In buona sostanza, i ricorrenti, secondo il Tribunale, vantavano un interesse semplice alla conclusione della procedura e non un diritto soggettivo.

La serie B, partita ormai lo scorso 24 agosto, resta dunque a 19 squadre. E nonostante la battaglia dei ricorrenti prosegua sia a livello di giustizia sportiva (Corte d’Appello Federale) sia a livello di quella ordinaria, la strada sembra ormai tracciata.

Matteo Raimondi

(3 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 agosto 2018
Consiglio di Stato | La storia di un calciatore prima condannato e poi assolto dalla giustizia sportiva: gli spetta il risarcimento del danno?

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2014
3 MAGGIO DI FOLLIA | Disposta l'autopsia sul tifoso del Napoli ferito il 3 maggio, prima di Juve-Napoli. Si temono ritorsioni alla ripresa del Campionato. Cordoglio unanime.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2016
Antitrust | Condannate Sky, Mediaset Premium, Lega Calcio e Infront. Alterata la gara per i diritti sul Campionato di A per il triennio 2015-2018, del giugno 2014.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2015
Calcio e sicurezza | Il presidente della Federazione calcio Tavecchio ha illustrato al Ministro Alfano le misure adottate per avvicinare allo sport giovani e famiglie.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Federazione Italiana Gioco e Leghe calcio | Negato dal Giudice amministrativo nella sentenza del 22 dicembre l'acceso ai documenti per controllare il modus operandi della Federazione.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
TAR LAZIO | Il giudice amministrativo dichiara inammissibile il ricorso dell'arbitro Pietro Crescenti e prende atto della rinuncia dell'arbitro Stefano Gadda. Difetto di giurisdizione, e' questione interna alla giustizia sportiva.

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2018
Tribunale Federale Nazionale | A differenza del diritto penale il verificarsi dell'evento costituisce solo una circostanza aggravante.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2014
Gazzetta Ufficiale | Per far coincidere le iniziative programmate per il 9 e 10 giugno di celebrazione dei 100 anni di costituzione del Coni in via eccezionale la Giornata dello Sport e' stata posticipata all'8 giugno.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Antitrust | Il procedimento riguarda la Lega di Serie A, Infront Italy s.r.l, Sky Italia s.r.l., R.T.I S.p.A. e Mediaset Premium S.P.A.

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2017
Pubblica utilità | I finanziamenti sono destinati alla costruzione o al completamento di impianti sportivi che si trovano nelle aree periferiche delle città.

 
 
Condividi la notizia

12 maggio 2014
Sport velici | Competizione estrema e spettacolare e' il Campionato Mondiale Youth & Master della classe Formula Kite che dal 12 al 18 maggio si terrà a Cagliari. Presenti atleti da tutto il mondo.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2014
Corte di Cassazione | Entrare sul terreno di gioco è reato anche dopo il fischio finale dell'arbitro. Il principio espresso dalla Suprema Corte nella sentenza del 17 novembre 2014 in materia di manifestazioni sportive.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2016
Palazzo Chigi | Il Presidente del Consiglio e il Presidente del CONI Malagò hanno presentato il piano.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2014
Tra gladiatori e campioni di football | L'idea era stata lanciata dal Presidente della Roma Pallotta; ma l'esigenza di tutela del monumento non sembra -comunque- essere l'unico problema.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.