Condividi la notizia

Tribunale Federale Nazionale

Il tentativo di alterare una gara configura illecito sportivo?

A differenza del diritto penale il verificarsi dell'evento costituisce solo una circostanza aggravante.

Può bastare il tentativo di alterare una gara, senza la realizzazione dell’evento, a configurare il reato di illecito sportivo da parte del tesserato e la responsabilità oggettiva della società di riferimento?

E’ il caso che si è trovato a dibattere il Tribunale Federale Nazionale, in seguito al deferimento da parte del Procuratore Federale di un noto attaccante di serie A e della sua società di appartenenza.

Il primo era chiamato a rispondere della violazione dell’art. 7, commi 1 e 2, del CGS, per avere, prima della partita decisiva per la promozione in serie A dello scorso 18 maggio 2018, posto in essere (tramite messaggistica Whatsapp) atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il risultato finale della gara stessa. Tutto ciò tentando di ottenere da due calciatori avversari un “minor impegno agonistico”.

La società deferita, invece, doveva rispondere di responsabilità oggettiva ai sensi degli artt. 7, comma 2, e 4, comma 2, del CGS.

Sulla base di questi capi di accusa, la Procura chiedeva una squalifica di 4 anni e un’ammenda di Euro 50.000 per il calciatore e per la società una penalizzazione di punti 2 da computarsi sulla classifica del campionato 2017/18 (Serie B) o, in subordine, una penalizzazione di punti 6 da scontarsi nel campionato 2018/19 (Serie A).

La difesa dell’attaccante puntava a “derubricare” i messaggi inviati a degli “atti meramente scherzosi”. Tono ironico, a detta della difesa, sottolineato, in particolare, dal quarto e ultimo sms. La denuncia dell’accaduto da parte dei calciatori destinatari dei messaggi e della relativa società alla Procura Federale, sempre a detta della difesa, avrebbe trovato inoltre giustificazione in “un eccessivo zelo” dettato dal “particolare contesto ambientale del momento”.

Ciò premesso, la difesa contestava la violazione dell’art. 7 CGS (illecito sportivo), concedendo al massimo, in via subordinata, unicamente la violazione dell’art. 1 CGS (principi probità e correttezza).

Il Tribunale Federale Nazionale con Comunicato Ufficiale n. 9 (del luglio 2018) respingeva nel merito le richieste della difesa, sostenendo che al fine della configurazione del reato di illecito sportivo, a differenza del diritto penale, non occorre la realizzazione dell’evento e neanche il superamento del ragionevole dubbio.

Invero, il Tribunale Federale precisava che l’intento del Legislatore, con l’art. 7 CGS, era quello di introdurre una figura di illecito a “consumazione anticipata”, che si realizza cioè anche con il solo tentativo.

Il TFN riconosceva, tuttavia, per il calciatore l’attenuante della mancanza di precedenti specifici, mentre per la società, pur dovendo rispondere di responsabilità oggettiva per il comportamento del proprio tesserato, considerava “estremamente afflittiva” una penalizzazione nel campionato 2017/18 (con conseguente mancata promozione in serie A).

Per questi motivi, il Tribunale condannava l’attaccante alla squalifica di anni 2 e la società ad una penalizzazione di punti 5 da scontare nel campionato di serie A 2018/19.

Avverso la decisione in commento, società e calciatore hanno immediatamente preannunciato ricorso alla Corte Federale d’Appello. E questa, in effetti, ha tolto la penalità comminando solo un’ammenda alla società di calcio.

Matteo Raimondi

(30 settembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 agosto 2018
Consiglio di Stato | La storia di un calciatore prima condannato e poi assolto dalla giustizia sportiva: gli spetta il risarcimento del danno?

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2018
Tribunale Federale Nazionale | Le squadre ricorrenti vantavano solo un "interesse semplice" alla conclusione della procedura.

 
 
Condividi la notizia

18 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Non é applicabile il D.L. n. 115/2018 ai procedimenti sportivi definiti prima della sua entrata in vigore.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2015
Calcio e sicurezza | Il presidente della Federazione calcio Tavecchio ha illustrato al Ministro Alfano le misure adottate per avvicinare allo sport giovani e famiglie.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
TAR LAZIO | Il giudice amministrativo dichiara inammissibile il ricorso dell'arbitro Pietro Crescenti e prende atto della rinuncia dell'arbitro Stefano Gadda. Difetto di giurisdizione, e' questione interna alla giustizia sportiva.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2014
Gazzetta Ufficiale | Per far coincidere le iniziative programmate per il 9 e 10 giugno di celebrazione dei 100 anni di costituzione del Coni in via eccezionale la Giornata dello Sport e' stata posticipata all'8 giugno.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Ribaltata la decisione del TAR di tornare al vecchio format.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Antitrust | Il procedimento riguarda la Lega di Serie A, Infront Italy s.r.l, Sky Italia s.r.l., R.T.I S.p.A. e Mediaset Premium S.P.A.

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2017
Pubblica utilità | I finanziamenti sono destinati alla costruzione o al completamento di impianti sportivi che si trovano nelle aree periferiche delle città.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2014
Corte di Cassazione | Entrare sul terreno di gioco è reato anche dopo il fischio finale dell'arbitro. Il principio espresso dalla Suprema Corte nella sentenza del 17 novembre 2014 in materia di manifestazioni sportive.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2016
Palazzo Chigi | Il Presidente del Consiglio e il Presidente del CONI Malagò hanno presentato il piano.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2014
Tra gladiatori e campioni di football | L'idea era stata lanciata dal Presidente della Roma Pallotta; ma l'esigenza di tutela del monumento non sembra -comunque- essere l'unico problema.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2018
MINISTRO PER LO SPORT | Sbloccati 100 mln per interventi di riqualificazione degli impianti sportivi

 
 
Condividi la notizia

17 settembre 2014
La nuova educazione fisica | Due ore di educazione fisica settimanali, un tutor sportivo all'interno della scuola e giochi sportivi in inverno ed a fine anno. Al via la nuova educazione fisica nelle scuole primarie.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.