Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Segretari comunali: il calcolo dell'indennità di fine servizio

Per i Segretari assunti prima del gennaio 1996 non si computano le voci stabilite dalla contrattazione collettiva.

Un segretario comunale in servizio fino al 31 agosto 2004 (ed assunto prima del 10 gennaio 1996), conveniva in giudizio davanti al Tribunale civile l'INPDAP, chiedendo che fosse riconosciuto il suo diritto all'inclusione, nel trattamento di fine servizio, di molte voci retributive (quali, l’indennità di posizione, l’assegno ad personam ed incremento indennità di direzione sulla base del c.c.n.l. segretari comunali e provinciali per il quadriennio 1998-2001).

Il Tribunale accoglieva il ricorso mentre la Corte d'appello, in riforma di tale decisione, respingeva l'azionata domanda; riteneva la Corte territoriale che la soluzione della questione non potesse prescindere dalla disciplina dettata dall'art. 11, comma 5, della L. n. 152 del 1968 (prevista per i dipendenti degli Enti locali) per la quale la retribuzione contributiva rispetto alla quale commisurare l'indennità premio di servizio, ai sensi dell’art. 4 della citata L. n. 152 del 1968, è costituita solo dagli emolumenti ivi testualmente considerati, la cui elencazione ha carattere tassativo.

Per la cassazione di tale decisione ha proposto ricorso l’ex Segretario comunale. L’INPS, quale successore ex lege dell'INPDAP, è rimasto contumace.

La Corte, sezione Lavoro, con ord.za n. 7655 del 19 marzo 2019, ha rigettato il ricorso.

Il Collegio ha rilevato che, con riguardo alla base di calcolo dell'indennità premio di servizio, la L. 8 agosto 1995, n. 335, all’art. 2, disciplina diversamente il trattamento di fine servizio a seconda che il dipendente pubblico sia stato assunto dopo il 1° gennaio 1996, ovvero prima di tale data; per i lavoratori assunti prima del 10  gennaio 1996, ed è questo il caso sottoposto al giudice di legittimità, il comma 7 del medesimo art. 2 demanda totalmente alla contrattazione collettiva nazionale, nell'ambito dei singoli comparti, la definizione delle modalità di applicazione della disciplina in materia di trattamento di fine rapporto.

Distinta disciplina è, poi, prevista dal comma 9 dello stesso art. 2 che prevede, dal 10  gennaio 1996, l'inclusione di tutte le voci stipendiali (come previsto dall'art. 12 della L. n. 153/1969), ai fini della retribuzione contributiva e pensionabile, ma non certo ai fini dell'indennità di fine servizio.

Rimane, pertanto, irrilevante il fatto che, dal 1996, la L. n. 335 del 1995, abbia reso omnicomprensiva la base da calcolare ai fini dei contributi e delle pensioni, perché ciò vale solo in questo specifico settore, e tale disciplina, in assenza di una volontà contrattuale, non può incidere sulla regolamentazione del rapporto di lavoro, ai fini dell'indennità di fine servizio, che è rimessa esclusivamente alla autonomia collettiva.

Posto che il T.U. n. 165/2001, all’art. 69, comma 2, ossia la fonte legale che disciplina il pubblico impiego privatizzato, dispone che "in attesa di una nuova regolamentazione contrattuale della materia, resta ferma per i dipendenti di cui all'art. 2, co. 2, la disciplina vigente in materia di trattamento di fine rapporto", da ciò consegue che per i pubblici dipendenti assunti prima del 10  gennaio 1996, il sistema resta quello che vigeva nei singoli settori prima della legge di privatizzazione.

Infatti, il c.c.n.l. dei segretari comunali e provinciali per il quadriennio normativo 1998 - 2001 e per il biennio economico 1998 - 1999 prevede, all'art. 37, che la struttura della retribuzione dei segretari comunali e provinciali si compone di svariate voci, fra cui: "a) trattamento stipendiale; ...g) diritti di segreteria; ...". All'art. 56 è precisato che "la retribuzione annua da prendersi a base per la liquidazione del trattamento di fine rapporto di lavoro del segretario ricomprende le seguenti voci: - trattamento stipendiale di fascia; (...) - diritti di segreteria"; in nessuna disposizione del citato c.c.n.l. è stata allora prevista la computabilità nella indennità di fine servizio delle voci (indennità di posizione, assegno ad personam e incremento indennità di direzione) che il dipendente pretendeva fossero siano incluse nella base di calcolo.

La contrattazione collettiva ha, pertanto, disciplinato la struttura della retribuzione nonché la composizione del trattamento di fine rapporto, non intervenendo sulla struttura del trattamento di fine servizio.

La Corte ha quindi ribadito che, pur dovendosi riconoscere, da un lato, la costante funzione previdenziale di tutte le attribuzioni patrimoniali collegate alla cessazione del servizio e, dall'altro, la sostanza di retribuzione differita, la natura giuridica previdenziale (o assistenziale) è tuttavia determinata dal dato strutturale di un'obbligazione posta a carico ad opera di disposizioni inderogabili di legge, non del datore di lavoro, ma di Enti gestori, appunto, di forme obbligatorie di previdenza e assistenza, che sono finanziati mediante versamento di contributi (a carico dei soggetti del rapporto di lavoro): obbligazione che, di conseguenza, non è inerente al rapporto di lavoro, ma al distinto, rapporto previdenziale di cui il primo rappresenta soltanto il presupposto.

Ne consegue che non assumono rilievo, ai fini della determinazione della suindicata indennità premio di servizio, l'indennità di posizione, l'assegno ad personam e l'incremento indennità di direzione trattandosi di voci retributive non ricomprese tra gli emolumenti specificamente indicati dalla L. n. 152/1968.

Ed infatti la Corte ha sottolineato che tale indennità premio di servizio è commisurata alla retribuzione contributiva e, a norma della citata L. n. 152/1968, è costituita solo dagli emolumenti testualmente menzionati dall'art. 11, comma 5, della legge medesima, la cui elencazione ha carattere tassativo e la cui dizione “stipendio o salario” richiede un'interpretazione restrittiva, alla luce della specifica menzione, come componenti di tale voce, degli aumenti periodici di anzianità, della tredicesima mensilità e del valore degli assegni in natura.

Nello stipendio o nel salario, da valere quale retribuzione contributiva utile al computo dell'indennità premio di servizio vanno, dunque, inclusi soltanto gli aumenti periodici, la tredicesima mensilità e gli assegni in natura, e non anche altri emolumenti seppure aventi carattere indubbiamente retributivo non siano al suddetto fine espressamente menzionati.

Mattia Murra

(2 aprile 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 agosto 2014
Corte dei conti | I giudici contabili siciliani, dopo aver condannato al risarcimento il sindaco, riconoscono, in secondo grado, la responsabilità amministrativa anche del segretario comunale.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Corte di cassazione | Se la donazione è palesemente fasulla va esclusa la ricorribilità della teoria del falso innocuo.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Cassazione | Secondo la Corte è corretta l'imputazione di falso ideologico e di peculato.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Corte dei Conti | Per svolgere le funzioni di Direttore generale non occorre una nomina specifica nè oneri economici aggiuntivi.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2015
Giustizia Amministrativa | Netta separazione dell'Ufficio da tutto l'apparato amministrativo dell'Amministrazione, principi e necessità dell'iscrizione all'elenco speciale annesso all'albo degli avvocati. I principi sanciti nella sentenza del TAR Lombardia, Milano del 16 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
INPS | I lavoratori del pubblico impiego come i lavoratori del settore privato, possono costruirsi una trattamento di previdenza complementare aderendo ad un fondo negoziale o ad una delle forme di previdenza individuali.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2014
Messi di Conciliazione | Se viene soppresso dal Comune il ruolo di messo ed attribuite tali prestazioni ai Vigili Urbani non è dovuta l'indennità di trasferta

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Corte dei Conti | Condannato il Sindaco e il segretario comunale nella sentenza della Sezione giurisdizionale Centrale di Appello del 22.7.2015 n. 451.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte Cassazione nell'ordinanza del 10 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2018
Sezioni Unite | La Cassazione regola la contestata giurisdizione escludendo il TAR.

 
 
Condividi la notizia

19 novembre 2015
INPS | Con la Circolare n. 184/2015, l'Istituto ha fornito un riepilogo organico della opzione prevista dall'articolo 3 del D.M. 2 maggio 1996, n.282.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Infiltrazioni mafiose | È sufficiente che sussista, per colpa dello stesso amministratore, una situazione di cattiva gestione della cosa pubblica, aperta alle ingerenze esterne e asservita alle pressioni delle associazioni criminali. La sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
COVIP | Presentata in data odierna presso il Palazzo della Cancelleria in Roma la relazione sull'esercizio 2013 della Commissione di vigilanza sui fondi pensione.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2014
Reati contro la Pubblica Amministrazione | Corte di Cassazione: reato di peculato per il dipendente di una società concessionaria della gestione di un parcheggio comunale o di altro ente pubblico che si appropria delle somme versate dai conducenti di automezzi fruitori del parcheggio.

 
 
Condividi la notizia

19 agosto 2014
Trasparenza e governance Enti | Possibile il commissariamento dell'istituto previdenziale del comune di Roma IPA.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.