Condividi la notizia

Salute

La legge che vieta il fumo nei locali pubblici compie 15 anni

Il 10 gennaio 2015 entrava in vigore la legge 3/2003 (art. 51: tutela della salute dei non fumatori") che ha cambiato radicalmente le abitudini di fumatori e non.

L’Italia è stata il primo grande paese europeo a regolamentare il fumo in tutti i locali chiusi pubblici e privati, compresi i luoghi di lavoro e le strutture del settore dell’ospitalità. La legge è stata considerata in tutta Europa un modello di efficace intervento di salute pubblica. 

Sulla scia dell’Italia, in Europa e nel mondo sono state introdotte legislazioni a tutela dal fumo passivo, in alcuni casi anche più restrittive (non prevedendo, ad esempio, la possibilità di attrezzare sale per fumatori).

Lo ricorda il Ministero della Salute con un comunicato pubblicato sul proprio sito istituzionale.

L’Italia è stata il primo grande paese europeo a regolamentare il fumo in tutti i locali chiusi pubblici e privati, compresi i luoghi di lavoro e le strutture del settore dell’ospitalità. La legge è stata considerata in tutta Europa un modello di efficace intervento di salute pubblica. 
Sulla scia dell’Italia, in Europa e nel mondo sono state introdotte legislazioni a tutela dal fumo passivo, in alcuni casi anche più restrittive (non prevedendo, ad esempio, la possibilità di attrezzare sale per fumatori).

Dal 2005 al 2020

A quindici anni dall’entrata in vigore della legge, il bilancio può essere considerato complessivamente positivo:

  • diminuiscono i fumatori nella popolazione di 14 anni e più pari, passando da 23,8% a 19,0%
  • diminuiscono le vendite dei prodotti del tabacco del 32% nel 2018 rispetto al 2004
  • la percezione del rispetto del divieto di fumo è pari al 91,9% per i locali pubblici e al 93,9% per i luoghi di lavoro, in miglioramento anche nelle Regioni meridionali.

Permangono tuttavia segnali di allerta, in particolare per quanto riguarda la diffusione del fumo nelle fasce di età giovanili, con le percentuali più alte tra i 20-24 anni, sia per gli uomini (32,4%) che per le donne (22,2%) e per la popolazione generale (27,7%), e la elevata prevalenza dei 15enni che dichiarano di aver fumato sigarette almeno un giorno nell’ultimo mese, con una marcata differenza di genere (24,8% nei ragazzi, 31,9% nelle ragazze).

Controlli Nas

Dal 2005 al 2020 i Carabinieri per la tutela della salute Nas hanno compiuto oltre 55 mila controlli in tutta Italia, presso stazioni ferroviarie, ospedali, ambulatori, musei e biblioteche, aeroporti, uffici postali, sale scommesse, discoteche, pub e pizzerie, rivendite di tabacchi, che hanno evidenziato il sostanziale rispetto della norma. 

  • 55mila controlli dal 2005 al 2020
  • 1,8% multe a fumatori per infrazione al divieto
  • 3,5% multe per cartelli e sale non a norma.

Uso delle sigarette elettroniche

Lo ricorda il Ministero della Salute con un comunicato pubblicato sul proprio sito istituzionale.

L’Italia è stata il primo grande paese europeo a regolamentare il fumo in tutti i locali chiusi pubblici e privati, compresi i luoghi di lavoro e le strutture del settore dell’ospitalità. La legge è stata considerata in tutta Europa un modello di efficace intervento di salute pubblica. 
Sulla scia dell’Italia, in Europa e nel mondo sono state introdotte legislazioni a tutela dal fumo passivo, in alcuni casi anche più restrittive (non prevedendo, ad esempio, la possibilità di attrezzare sale per fumatori).

Dal 2005 al 2020

A quindici anni dall’entrata in vigore della legge, il bilancio può essere considerato complessivamente positivo:

  • diminuiscono i fumatori nella popolazione di 14 anni e più pari, passando da 23,8% a 19,0%
  • diminuiscono le vendite dei prodotti del tabacco del 32% nel 2018 rispetto al 2004
  • la percezione del rispetto del divieto di fumo è pari al 91,9% per i locali pubblici e al 93,9% per i luoghi di lavoro, in miglioramento anche nelle Regioni meridionali.

Permangono tuttavia segnali di allerta, in particolare per quanto riguarda la diffusione del fumo nelle fasce di età giovanili, con le percentuali più alte tra i 20-24 anni, sia per gli uomini (32,4%) che per le donne (22,2%) e per la popolazione generale (27,7%), e la elevata prevalenza dei 15enni che dichiarano di aver fumato sigarette almeno un giorno nell’ultimo mese, con una marcata differenza di genere (24,8% nei ragazzi, 31,9% nelle ragazze).

Controlli Nas

Dal 2005 al 2020 i Carabinieri per la tutela della salute Nas hanno compiuto oltre 55 mila controlli in tutta Italia, presso stazioni ferroviarie, ospedali, ambulatori, musei e biblioteche, aeroporti, uffici postali, sale scommesse, discoteche, pub e pizzerie, rivendite di tabacchi, che hanno evidenziato il sostanziale rispetto della norma. 

  • 55mila controlli dal 2005 al 2020
  • 1,8% multe a fumatori per infrazione al divieto
  • 3,5% multe per cartelli e sale non a norma.

Uso delle sigarette elettroniche

Aumenta la diffusione delle sigarette elettroniche e dei prodotti di nuova generazione da inalazione senza combustione (“Heat non Burn”), che nel 2019 sono arrivati a rappresentare il 4% del mercato. La letteratura scientifica non è ancora conclusiva in merito alle conseguenze sulla salute dell’uso di tali prodotti, alla loro minore nocività, alla opportunità del loro utilizzo per favorire la cessazione dal fumo, ma le evidenze disponibili non sembrano essere sufficienti a dimostrare che l’uso di tali prodotti sia associato ad un’effettiva riduzione del rischio.

Occorre pertanto continuare ad impegnarsi per mantenere e migliorare i risultati conseguiti, non solo attraverso un’azione incisiva e coordinata da parte di tutti gli operatori sanitari, ma soprattutto attraverso un sempre maggiore impegno intersettoriale, come prospettato da “Guadagnare salute” e rimarcato nei Livelli essenziali di assistenza, nella condivisa consapevolezza che il contrasto al tabagismo rappresenti un obiettivo prioritario del Paese e non solo del Sistema sanitario.

Per approfondire:

Aumenta la diffusione delle sigarette elettroniche e dei prodotti di nuova generazione da inalazione senza combustione (“Heat non Burn”), che nel 2019 sono arrivati a rappresentare il 4% del mercato. La letteratura scientifica non è ancora conclusiva in merito alle conseguenze sulla salute dell’uso di tali prodotti, alla loro minore nocività, alla opportunità del loro utilizzo per favorire la cessazione dal fumo, ma le evidenze disponibili non sembrano essere sufficienti a dimostrare che l’uso di tali prodotti sia associato ad un’effettiva riduzione del rischio.

Occorre pertanto continuare ad impegnarsi per mantenere e migliorare i risultati conseguiti, non solo attraverso un’azione incisiva e coordinata da parte di tutti gli operatori sanitari, ma soprattutto attraverso un sempre maggiore impegno intersettoriale, come prospettato da “Guadagnare salute” e rimarcato nei Livelli essenziali di assistenza, nella condivisa consapevolezza che il contrasto al tabagismo rappresenti un obiettivo prioritario del Paese e non solo del Sistema sanitario.

Per approfondire:

Dal 2005 al 2020

A quindici anni dall’entrata in vigore della legge, il bilancio può essere considerato complessivamente positivo:

  • diminuiscono i fumatori nella popolazione di 14 anni e più pari, passando da 23,8% a 19,0%
  • diminuiscono le vendite dei prodotti del tabacco del 32% nel 2018 rispetto al 2004
  • la percezione del rispetto del divieto di fumo è pari al 91,9% per i locali pubblici e al 93,9% per i luoghi di lavoro, in miglioramento anche nelle Regioni meridionali.

Permangono tuttavia segnali di allerta, in particolare per quanto riguarda la diffusione del fumo nelle fasce di età giovanili, con le percentuali più alte tra i 20-24 anni, sia per gli uomini (32,4%) che per le donne (22,2%) e per la popolazione generale (27,7%), e la elevata prevalenza dei 15enni che dichiarano di aver fumato sigarette almeno un giorno nell’ultimo mese, con una marcata differenza di genere (24,8% nei ragazzi, 31,9% nelle ragazze).

Controlli Nas

Dal 2005 al 2020 i Carabinieri per la tutela della salute Nas hanno compiuto oltre 55 mila controlli in tutta Italia, presso stazioni ferroviarie, ospedali, ambulatori, musei e biblioteche, aeroporti, uffici postali, sale scommesse, discoteche, pub e pizzerie, rivendite di tabacchi, che hanno evidenziato il sostanziale rispetto della norma. 

  • 55mila controlli dal 2005 al 2020
  • 1,8% multe a fumatori per infrazione al divieto
  • 3,5% multe per cartelli e sale non a norma.

Uso delle sigarette elettroniche

Aumenta la diffusione delle sigarette elettroniche e dei prodotti di nuova generazione da inalazione senza combustione (“Heat non Burn”), che nel 2019 sono arrivati a rappresentare il 4% del mercato. La letteratura scientifica non è ancora conclusiva in merito alle conseguenze sulla salute dell’uso di tali prodotti, alla loro minore nocività, alla opportunità del loro utilizzo per favorire la cessazione dal fumo, ma le evidenze disponibili non sembrano essere sufficienti a dimostrare che l’uso di tali prodotti sia associato ad un’effettiva riduzione del rischio.

Occorre pertanto continuare ad impegnarsi per mantenere e migliorare i risultati conseguiti, non solo attraverso un’azione incisiva e coordinata da parte di tutti gli operatori sanitari, ma soprattutto attraverso un sempre maggiore impegno intersettoriale, come prospettato da “Guadagnare salute” e rimarcato nei Livelli essenziali di assistenza, nella condivisa consapevolezza che il contrasto al tabagismo rappresenti un obiettivo prioritario del Paese e non solo del Sistema sanitario.

Per approfondire:

Fonte: Ministero della Salute, comunicato 10 gennaio 2020

Paolo Romani

(15 gennaio 2020)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 maggio 2014
Istituto superiore di sanità | Meno fumatori, ma più donne. Dimezzati i fumatori della sigaretta elettronica, raddoppiati quelli delle sigarette fatte a mano

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Salute | La Direttiva 2014/40/UE è stata recepita in Italia con 5 mesi di anticipo con il Decreto Lgs. n.6 del 12.1.2016

 
 
Condividi la notizia

29 marzo 2019
Mipaaft | L'accordo conferisce stabilità al settore.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
Corte Europea | Una vittoria per le piccole aziende produttrici di tabacco a prezzi supercompetitivi. Per i Giudici europei non si può applicare un’'accisa più alta per le Sigarette “low-cost”. La scelta Italiana distorce la concorrenza e il mercato interno.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
Ministero della Salute | Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto Legislativo in materia, in recepimento della Direttiva UE.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Regione Friuli Venezia Giulia | Acquistava pesce fresco e lo giustificava per fini politici-istituzionali. Comprava pane, latte e dolci e li giustificava per fini misericordiosi. Per divulgare l'attività e programmi sosteneva spese per pranzi, cene o consumazioni presso bar o ristoranti, persino il 31 dicembre presso un rifugio montano in Val Badia.

 
 
Condividi la notizia

30 marzo 2016
Rivendita di tabacchi | I requisiti per ottenere l'autorizzazione alla rivendita speciale in un bar interno ad un Centro sportivo.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2016
Ministero della Salute | Immagini shock sui pacchetti di sigarette e nuovi divieti.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2015
TASSE E IMPOSTE | Sfondato il "muro" dei 5 euro per molte delle marche più diffuse. Nell'articolo il tariffario aggiornato pubblicato dai Monopoli di Stato.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2019
Istituto Superiore di Sanità | I dati 2018 dell'indagine internazionale Global Youth Tobacco Survey raccolti per l’Italia.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Cassazione Penale | Opere precarie e momentanee, si può ricorrere all'autorizzazione semplificata, ma il titolo deve comunque essere ottenuto.

 
 
Condividi la notizia

28 novembre 2016
Miur | Quest'anno i 500 euro potranno essere spesi generando sull’a piattaforma buoni di spesa.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Giustizia Amministrativa | Non rientra nelle competenze dei Comuni disciplinare la salute privata dei cittadini. La sentenza del TAR Lombardia n. 3039/2014.

 
 
Condividi la notizia

22 luglio 2014
Restauro fontana di trevi | L’ appello degli esercenti della zona: "Calo turisti e incassi quasi dimezzati. È stato di calamità commerciale".

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Consiglio di Stato | Il Sindaco del Comune di Desio che imponeva ai bar di staccare la spina delle slot-machines in certi orari non ce l'ha fatta! I cittadini dovranno sopportare bar rumorosi e scolari assenteisti.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.