Condividi la notizia

Regione Friuli Venezia Giulia

Condannato il Consigliere regionale misericordioso con i soldi pubblici

Acquistava pesce fresco e lo giustificava per fini politici-istituzionali. Comprava pane, latte e dolci e li giustificava per fini misericordiosi. Per divulgare l'attività e programmi sosteneva spese per pranzi, cene o consumazioni presso bar o ristoranti, persino il 31 dicembre presso un rifugio montano in Val Badia.

“La beneficienza si fa con il denaro proprio e non con il denaro pubblico”: affermazione chiara, di buon senso che troverebbe d’accordo chiunque. Se però a pronunciarla è la Corte dei Conti allora c’è qualcosa che non và!

La vicenda coinvolge il “solito” Consigliere regionale che utilizza i contributi pubblici per fini personali.

I contribuiti destinati ai Gruppi consiliari, secondo il Regolamento adottato dalla Regione Friuli Venezia Giulia nel 1996, devono essere impiegati per le spese: di funzionamento (iniziative di divulgazione, cancelleria, acquisto libri e quotidiani, polizze assicurative per le auto di servizio, rimborso trasferte dei consiglieri e rappresentanza nell’interesse del gruppo), di aggiornamento, di studio e documentazione.  Per giustificarle, poi, occorre allegare “un’adeguata esternazione delle circostanze e dei motivi che hanno giustificato l’esborso in relazione all’esigenza dell’ente”, nonché una puntuale dimostrazione documentale degli aspetti soggettivi, temporali e modali della spesa stessa. Sul tema, recentemente si è pronunciata la Corte Costituzionale (sentenza n.39 del 6 marzo 2014),  che ha affermato quanto sia fondamentale il dovere di questi di dare conto delle modalità di impiego del denaro pubblico in conformità alle regole di gestione dei fondi e “alla loro attinenza alle funzioni istituzionali”.

Il Consigliere, invece, applicava a suo dire una “prassi generale” dei Gruppi consiliari, finalizzata ad una rendicontazione generica e superficiale delle spese a valere sui fondi pubblici. L’ottenere rimborsi a carico del bilancio regionale per spese senza delle valide giustificazioni, gli è costato caro. La condotta è stata ritenuta, dal Collegio, gravemente colposa e per talune spese dolosa; ciò non l’ha reso esimente da responsabilità.

I particolari sulle spese sono davvero sconcertanti: acquistava pesce fresco il 24 e il 27 dicembre, e lo giustificava per fini politici-istituzionali; comprava pane, latte e dolci e li giustificava per fini misericordiosi; per divulgare, poi, attività e programmi sosteneva spese per pranzi, cene o consumazioni presso bar o ristoranti, di cui tre effettuate il 31 dicembre 2010 presso un rifugio montano in Val Badia.

Il Collegio ha, inoltre, valutato il “contributo causale” del Presidente del Gruppo consiliare e dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio, su entrambi grava l’onere di vigilare sulla corretta utilizzazione delle risorse pubbliche. Queste carenze sono determinate rispettivamente nella misura del 10% per il primo ed in quella del 5% per il secondo. Ne consegue che dall’importo di € 19.215,09 va detratta la somma di € 2.882,26 pari all’apporto causale nella produzione del danno erariale.

In definitiva, la Corte dei conti, sez. giur. Friuli Venezia Giulia, ha ritenuto responsabile, il Consigliere, del danno causato alla Regione per una somma pari a € 16.332,83, oltre che al pagamento delle spese di giudizio di €797,50.

 

Gianmarco Sadutto

(13 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

23 luglio 2014
Friuli Venezia Giulia | Danno erariale per le spese pazze del consigliere regionale. Il tutto giustificato per fini politico – istituzionali.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia contabile | Punita una società ed il suo 'dominus occulto' per il mancato versamento nelle casse comunali dei tributi riscossi. Condannati anche gli amministratori di diritto.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2014
Danno all'immagine e all'erario | La Corte dei Conti ha affermano la responsabilità di un dipendente dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Danno erariale | La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Corte dei Conti | Condannato il Sindaco e il segretario comunale nella sentenza della Sezione giurisdizionale Centrale di Appello del 22.7.2015 n. 451.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Legittimità e regolarità | Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera delle Sezioni Riunite.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2014
Autorità vigilanza sui contratti pubblici | Segnalazione alla Corte dei Conti del Nuovo Centro Congressi EUR. Troppi costi, troppi subappalti, tempi raddoppiati

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Legge di stabilità 2015 | Le attività devono essere finanziate da terzi e risultare del tutto neutre per il bilancio, mentre resta fermo il divieto assoluto di attribuire incarichi di studio e consulenze. Il parere della Sezione Regione Emilia Romagna del 10.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Legge di stabilità 2015 | Le attività devono essere finanziate da terzi e risultare del tutto neutre per il bilancio, mentre resta fermo il divieto assoluto di attribuire incarichi di studio e consulenze. Il parere della Sezione Regione Emilia Romagna del 10.4.2015.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.