Condividi la notizia

Rivendita di tabacchi

La tabaccaia contro il barista: il TAR Lazio dirime la lite

I requisiti per ottenere l'autorizzazione alla rivendita speciale in un bar interno ad un Centro sportivo.

Una titolare di rivendita ordinaria di tabacchi nel territorio di un Comune del viterbese si è rivolta al TAR denunciando l’illegittimità della determinazione con cui è stata accolta l’istanza, presentata da un controinteressato, volta all’istituzione di una rivendita speciale presso il bar di cui costui è titolare, situato all’interno del Centro Sportivo comunale, in sostituzione del patentino precedentemente detenuto, aggregato alla rivendita ordinaria della ricorrente.

A sostegno della proposta azione ha dedotto parte ricorrente l’assenza dei presupposti per l’istituzione della rivendita speciale e della soppressione del patentino, avuto particolare riguardo alla situazione di fatto in cui opera il bar, con conseguente affermata illegittimità della gravata determinazione dell’Agenzia delle Dogane sotto molteplici profili, ivi compreso il difetto di istruttoria e di motivazione in ordine alla sussistenza dei requisiti per l’istituzione della rivendita speciale.

Il TAR, ricostruito il quadro normativo vigente in materia (1.- art. 22 della legge n. 1293 del 1957 – recante l’organizzazione dei servizi di distribuzione e di vendita dei generi di monopolio;  2.- art. 53 del D.P.R. n. 1074 del 1958, recante il regolamento di esecuzione della L. n. 1293; 3.- D.M. n. 38 del 21 febbraio 2013, recante il regolamento della distribuzione e vendita dei prodotti da fumo di cui al D.L. n. 98 del 2011 n. 98, convertito nella L. n. 211 del 2011), con sentenza n. 3850 del 29 marzo 2016 (della II Sezione) ha rigettato il ricorso.

I giudici amministrativi, infatti, considerato che le rivendite speciali di generi di monopolio trovano fondamento in esigenze speciali di pubblico servizio che si pongono anche in assenza delle condizioni per l'istituzione di una rivendita ordinaria ovvero di un patentino, ha osservato che dalla normativa in esame vengono tipizzati i luoghi in cui è possibile l’istituzione di tali rivendite, cui si affianca una previsione – quale norma di chiusura a fattispecie aperta – riferita ad “altri luoghi” in cui si riscontri un'esigenza di servizio alla quale non può sopperirsi mediante rivendita ordinaria o patentino, dovendo conseguentemente ritenersi che la specificazione dei luoghi riveste carattere meramente esemplificativo e non tassativo.

Nei luoghi indicati dalla normativa l’istituzione delle rivendite speciali è subordinata, quindi, alla ricorrenza delle esigenze richieste dalla norma, essendo la localizzazione dell'esercizio dei generi di monopoli strumentale alle esigenze da soddisfare, che concorre a determinare i presupposti che rendono manifesta la difficoltà di approvvigionamento del prodotto per il consumatore a fronte dell’assenza delle condizioni per istituire una rivendita ordinaria o un patentino.

Difatti, nella sistematica della disciplina che regola la materia, l’individuazione a priori delle località –  es: stazioni ferroviarie, marittime, tranviarie, automobilistiche, delle aviolinee e di servizio automobilistico, caserme, case di pena, alberghi – ove è possibile l'istituzione delle rivendite speciali per la loro speciale ubicazione, se esonera l’Amministrazione dall’assolvimento dell’onere di una puntuale motivazione diversa da quella riferita alla specialità del luogo ove si colloca la rivendita, non esclude che rivendite speciali possano essere istituite anche in situazioni e località diverse, e precisamente ovunque siano riconosciute necessità di servizio alle quali non possa sopperirsi mediante rivendita ordinaria o patentino, salva restando l'esigenza di determinare, volta per volta, il presupposto che dà luogo all'approvvigionamento di quella delimitata cerchia di soggetti le cui esigenze vanno comunque soddisfatte, perché economicamente utili per il monopolio e funzionali alle esigenze dell’utenza.

Nelle considerazioni che precedono risiedono le ragioni che hanno condotto il TAR a ritenere la sussistenza, nella fattispecie in esame, delle condizioni che debbono sussistere per l’istituzione di una rivendita speciale, a nulla rilevando le concrete circostanze, pure enfatizzate dalla ricorrente, che caratterizzavano il bar del Centro sportivo (il cui accesso non era subordinato all’esibizione di tessere o biglietti di ingresso, l'assenza di ingressi diretti ed autonomi sulla pubblica via, la particolare conformazione dell’area su cui insiste il bar, gli orari prolungati di apertura dell’esercizio, ecc.).

La tendenziale autonomia ed indipendenza del mercato proprio della rivendita speciale - che ne costituisce presupposto indispensabile - non impedisce, difatti, l'esistenza di una qualche comunicazione fra i diversi segmenti di mercato riferiti a diverse utenze, senza che ciò determini tuttavia il venir meno della potenzialità della domanda connessa alla speciale ubicazione dei locali in cui la rivendita speciale deve essere istituita.

A fronte dell’esistenza di una specifica utenza – quale quella del Centro Sportivo sulla cui area insiste il bar del controinteressato – la normativa di riferimento prevede, quale preclusione all’istituzione della rivendita speciale, l’unico limite negativo della insussistenza delle condizioni per l’istituzione di una rivendita ordinaria o per il rilascio del patentino, circostanze queste di cui la gravata determinazione dà compiutamente atto.

Ed invero, ostativa alla possibilità di istituzione di una rivendita ordinaria è la mancanza di locali idonei per procedere ad una gara pubblica, mentre, rispetto al patentino precedentemente rilasciato, a fronte dell’esigenza di servizio pubblico connessa alla particolare ubicazione del locale, è indubbia la maggiore utilità per la clientela e la maggiore redditività per l’Amministrazione dall’istituzione di una rivendita speciale, tenuto conto che la stessa può fornire una più ampia scelta di generi di monopolio ed è soggetta al pagamento di un corrispettivo per la gestione, con conseguente maggior rispondenza agli interessi sottesi alla distribuzione dei punti vendita di generi di monopolio.

La concreta situazione di fatto, quindi, che vede l’insistenza del bar nell’area di pertinenza del Centro Sportivo con accesso esclusivo dalla struttura ospitante, attesta il collegamento funzionale dell’attività dello stesso rispetto all’utenza del centro Sportivo, idoneo ad integrare quelle esigenze di pubblico servizio cui risponde l’istituzione della rivendita speciale e la sussistenza dei relativi presupposti.

 

Rodolfo Murra

(30 marzo 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 gennaio 2016
Digitalizzazione | Informazioni in tempo reale su tutti gli aspetti fiscali per i viaggiatori e per i cittadini che acquistano prodotti attraverso i canali web.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2018
Opportunità di lavoro | Il profilo professionale richiesto è quello di Ingegnere, nell'articolo tutti i dettagli e i link al bando e alla domanda.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2015
TASSE E IMPOSTE | Sfondato il "muro" dei 5 euro per molte delle marche più diffuse. Nell'articolo il tariffario aggiornato pubblicato dai Monopoli di Stato.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Cassazione Penale | Opere precarie e momentanee, si può ricorrere all'autorizzazione semplificata, ma il titolo deve comunque essere ottenuto.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2014
Giochi e Scommesse | Parte l'operazione di contrasto all'illegalità. Quasi un terzo degli esercizi controllati risulta irregolare.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Fiscalità locale | La sentenza non definitiva del TAR Lazio del 4 agosto.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Fiscalità Locale | Caos generale e caos anche al TAR che rinvia all'udienza di merito.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2015
giustizia amministrativa | Con la sentenza della Sezione II del TAR Lazio del 23 febbraio 2015 viene definito ed "ampliato" il concetto di atto amministrativo ai fini dell'accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Scuola | Non ammessa all'esame di Stato l'alunna per troppe assenze. Il Tar Piemonte interviene: violato il "principio di proporzione dell'azione amministrativa".

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Fiscalità Locale | In questo momento si sta celebrando davanti alla Sezione II del TAR di Roma l'udienza cautelare per ottenere la conferma della sospensione del pagamento previsto per il 26 gennaio p.v.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Consiglio di Stato | Il Sindaco del Comune di Desio che imponeva ai bar di staccare la spina delle slot-machines in certi orari non ce l'ha fatta! I cittadini dovranno sopportare bar rumorosi e scolari assenteisti.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
OGM | Dopo il sabotaggio dell'azione del Corpo Forestale volta a distruggere coltivazioni illecite di mais ogm, l'imprenditore Fidenato dovrà vedersela contro la costituzione in giudizio della Regione Friuli presso il Tar onde annullare un suo ricorso pro ogm.

 
 
Condividi la notizia

3 gennaio 2015
Giustizia amministrativa | Nessuna situazione di estrema urgenza. Rigettata dal TAR Lazio con decreto del 2 gennaio 2015 la richiesta di misure presidenziali provvisorie contro la delibera n. 145/14. Sulla domanda cautelare fissata udienza al 28 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

5 marzo 2015
Giustizia amministrativa | L'Anci Lazio ed i Comuni del Lazio (vedi elenco) impugnano la classificazione ISTAT. Il TAR concede all'ISTAT venti giorni per depositare una dettagliata relazione in risposta alle contestazioni degli Enti Locali.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
Opportunità | Indetta la procedura per individuare 12 stagisti per il Tribunale Amministrativo Regionale Lazio per l'anno 2016. Scadenza domande ore 12 del 16 maggio 2016.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.