Condividi la notizia

Suprema Corte

Cassazione irremovibile sull'eliminazione del "troppo e del vano"

Ricorsi inammissibili se eccedentari. La decisione della terza Sezione del 29 gennaio 2021.

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione con ordinanza depositata in data 29 gennaio 2021 ha dichiarato inammissibile un ricorso perché il modo in cui il ricorrente ha inteso assolvere all'onere di esposizione del fatto, previsto  dall'artidolo 366 n. 3 del codice di procedura civile, è marcatamente eccedentario ovvero in eccedenza rispetto al bisogno atteso che la parte dell'esposizione consta di 57 pagine contenenti, con la tecnica dell'assemblaggio, la riproduzione di atti processuali del giudizio di merito.

Sul punto la Suprema Corte ha osservato che il requisito -a pena di inammissibilità richiesto dal citato art. 366, 1° co. n. 3, c.p.c.- della sommaria esposizione dei fatti di causa non risulta soddisfatto allorquando, come nella specie, vengano nel ricorso pedissequamente riprodotti (in tutto o in parte) atti del giudizio di merito in contrasto con lo scopo della disposizione di agevolare la comprensione dell'oggetto della pretesa e del tenore della sentenza impugnata, in immediato coordinamento con i motivi di censura essendo necessario che vengano riportati nel ricorso gli specifici punti di interesse per il giudizio di legittimità con eliminazione del "troppo e del vano", non potendo gravarsi la Corte del compito, che non le appartiene, di ricercare negli atti del giudizio di merito ciò che possa servire al fine di utilizzarlo per pervenire alla decisione da adottare.

In siffatta materia la consolidata giurisprudenza ha, altresì, statuito che la dichiarazione con la quale il ricorrente qualifichi espressamente una parte del ricorso come sede destinata all'esposizione del fatto, ma ometta di collegare a tale esposizione le ragioni giuridiche sulla base delle quali la domanda è stata introdotta, non assolve al requisito della esposizione sommaria dei fatti prescritto a pena di inammissibilità del ricorso in quanto non consente una conoscenza chiara e completa dei fatti di causa sostanziali e processuali.

Conclude la Corte che i requisiti di formazione del ricorso rilevano, infatti, ai fini della relativa giuridica esistenza e conseguente ammissibilità, assumendo pregiudiziale e prodromica rilevanza ai fini del vaglio della relativa fondatezza nel merito, che in loro difetto rimane invero al giudice imprescindibilmente precluso.

Paolo Romani

Per approfondire vai all'ordinanza.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

 

 

La Direzione

(1 febbraio 2021)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 novembre 2020
Giustizia | La differenza tra rapina tentata e consumata. I principi ribaditi dalla Suprema Corte nella sentenza del 20 novembre 2020.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Legge Pinto | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 3 settembre 2015 n. 17572.

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2021
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione Penale.

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2020
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 16.11.2020.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2021
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione Penale del 31 dicembre 2020.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2021
Giustizia | Il principio sancito dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 1.4.2021.

 
 
Condividi la notizia

24 giugno 2020
Giustizia | La pronuncia della Corte di Cassazione del 23 giugno 2020.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2021
Facebook | La sentenza della Corte di Cassazione del 16 dicembre 2020.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2021
Giustizia | La Corte di Cassazione esclude il delitto di peculato.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2021
Corte di Cassazione | I principi sull'onore della prova sanciti nella sentenza del 29 dicembre 2020.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

5 febbraio 2015
Processo amministrativo | L'utilizzo dell'indirizzo di posta elettronica certificata solo per le comunicazioni di cancelleria. La sentenza del TAR Abruzzo, Pescara Sez. I del 3 febbraio 2015 n. 49.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2015
Giustizia Amministrativa | Sulle controversie in materia di formazione dei vari tipi di graduatorie, comprese quelle ad esaurimento, decide il giudice ordinario. La sentenza del TAR Lazio dell'8.1.2015.

 
 
Condividi la notizia

14 novembre 2018
Riforme | I principi sanciti nella sentenza del 13 novembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2021
Giustizia | La sentenza del Consiglio di Stato sulle barriere architettoniche negli uffici professionali.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.