Condividi la notizia

Coppie

Unioni civili e convivenze di fatto: il regime patrimoniale e la scelta del cognome

Il Nuovo studio del Consiglio Nazionale del Notariato.

Sul sito del Consiglio Nazionale del Notariato è stato pubblicato l'ultimo studio sulla pubblicità dei regimi patrimoniali nell’unione civile e nella convivenza di fatto. La scelta del cognome nell’unione civile. Aspetti di rilevanza notarile - Studio n. 4-2019/P.

In particolare, viene precisato che la Legge 20 maggio 2016, n. 76, entrata in vigore il 5 giugno 2016, istituisce e regolamenta l’unione civile fra persone dello stesso sesso e introduce una disciplina delle “convivenze di fatto”.  

Dopo la sua entrata in vigore i rapporti “affettivi di coppia” caratterizzati da “stabilità” disciplinati dal nostro ordinamento sono: 

- il matrimonio che resta consentito solo fra persone di sesso diverso. La disciplina del matrimonio, finalizzata a regolare il rapporto di coppia caratterizzato per sua natura da “stabilità” e “vincolatività”, rappresenta il paradigma normativo di riferimento anche per le unioni civili; 

- le unioni civili, consentite solo fra persone dello stesso sesso;

- le convivenze di fatto, che possono riguardare sia coppie eterosessuali che coppie omosessuali, che sono unioni caratterizzate da stabilità (comma 36) ma da minor vincolatività. 

All’interno delle “speciali” convivenze di fatto regolate dalla legge n. 76/2016, poi, emerge la distinzione fra convivenze di fatto non regolate da contratto di convivenza e le convivenze di fatto regolate da contratto di convivenza. Questa distinzione assume particolare rilievo in relazione ai “regimi patrimoniali” della coppia convivente. 

Le discipline dettate per le unioni civili, da un lato, e per le convivenze di fatto, dall’altro, sono sostanzialmente diverse ed evidenziano una diversa “qualità” giuridica del rapporto regolato in considerazione dell’assenza nella “convivenza di fatto” della fattispecie genetica “qualificante” (matrimonio o unione civile), che determina in capo alle parti il sorgere di uno specifico “status” personale e familiare. 

Questa diversa struttura del rapporto si riflette sulle scelte compiute dal legislatore riguardo ai regimi patrimoniali. La legge in commento, infatti, al comma 13 estende i regimi coniugali, così come previsti dal codice civile agli art. 159 e ss, alle unioni civili mentre affida al contratto di convivenza, e alla sua opponibilità ai terzi, la scelta della comunione dei beni (non regime legale, pertanto, ma regime contrattualmente adottato) per i conviventi di fatto. 

Lo studio si propone di esaminare i regimi patrimoniali nelle unioni civili, la loro instaurazione, la loro modifica e relativa la cessazione, nonché la loro opponibilità affidata agli atti dello stato civile. In questo ambito si individuano i certificati dello stato civile ai quali la pubblicità dei regimi patrimoniali delle unioni civili è affidata, e le relative annotazioni.
Viene, poi, esaminato il sistema di pubblicità previsto per il regime della comunione dei beni che, in base al comma 53, lettera c) della Legge n. 76/2016, può essere contenuto nel contratto di convivenza. 

La possibilità di adottare contrattualmente il regime della comunione dei beni nelle “speciali” convivenze di fatto disciplinate dalla legge in commento, è una scelta normativa di difficile collocazione sistematica essendo evidenti le difficoltà, sia teoriche che pratiche, legate alla sua instaurazione, ma soprattutto alla sua modifica, alla sua cessazione e alla sua opponibilità ai terzi, affidata all’inadeguato strumento delle dichiarazioni e certificazioni anagrafiche. 

Anche in relazione a questo regime patrimoniale contrattuale, delle convivenze di fatto, lo studio cerca di individuare i documenti anagrafici ai quali fare riferimento, sempre tenuto conto della strutturale inadeguatezza dell’anagrafe ad assolvere la funzione di opponibilità, che il legislatore ha voluto affidarle con il comma 52 della legge in commento. 

Infine alcune considerazioni vengono svolte riguardo alla scelta del cognome comune nelle unioni civili

Tutti i lavori approvati dal Consiglio Nazionale del Notariato sono consultabili nella sezione TROVA STUDIO.   

 

Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato

La Direzione

(17 maggio 2021)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 novembre 2019
Istat | Stabilizzazione delle unioni civili tra coppie delle stesso sesso dopo un picco iniziali. Lieve aumento dei matrimoni.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
Coppie omosessuali | Reso noto ieri il testo che istituisce le civil partnership, le unioni fra coppie omosessuali che il governo Renzi intende varare in autunno.

 
 
Condividi la notizia

12 maggio 2016
Parlamento | La Camera ha definitivamente approvato la proposta di legge n. 3634-A, già approvata dal Senato.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2014
Matrimoni gay | Il provvedimento ha provocato reazioni opposte, ma l'atto non comporta alcun riconoscimento giuridico degli effetti civili del matrimonio.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2017
Pubblica utilità | Riconosciuti gli stessi diritti che spettano ai coniugi, dalla rendita in caso di infortunio mortale alle misure una tantum.

 
 
Condividi la notizia

15 gennaio 2017
Consiglio dei Ministri | Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

25 settembre 2014
Riforme | Approvato il testo unificato dei progetti di legge in materia di attribuzione del cognome materno ai figli.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2017
Sostegno al reddito | La circolare dell'Inps n. 84 del 5 maggio 2017.

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2018
Funzione pubblica | Novità su unioni civili, tutela per le donne che subiscono violenza, maggiori diritti per chi è sottoposto a trattamenti salvavita.

 
 
Condividi la notizia

4 febbraio 2015
Servizio Civile | Firmato dai Ministeri del Lavoro e degli Esteri il decreto attuativo previsto dalla legge di stabilità 2014 per l'istituzione dei Corpi civili di pace

 
 
Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Nel decreto del 9 gennaio 2015 tutte le formule per la redazione degli atti in materia di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2015
Stato civile | La Cassazione lo ha stabilito nei confronti di una coppia già sposata che ha deciso di mantenere fermo il rapporto affettivo.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Istat | I matrimoni durano circa 16 anni. Le unioni più recenti durano meno, mentre le unioni religiose sono le più stabili.

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2021
Decreto rilancio | Lo Studio del Notariato.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2014
Sicurezza Nazionale | I Garanti europei della privacy, riunitisi a Bruxelles, chiedono ai Governi maggiore trasparenza

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.