Condividi la notizia

Ulteriori chiarimenti

Patente e libretto dovranno coincidere?: le risposte alle domande dei nostri lettori

Le FAQ sui nuovi obblighi di aggiornamento delle carte di circolazione dei veicoli.

L’obbligo di aggiornamento delle carte di circolazione suscita ancora numerosi dubbi. In considerazione dell'imminenza della data del 3 novembre p.v. di applicazione delle nuove disposizioni e delle sanzioni previste si è ritenuto opportuno, stante la complessità della normativa e la grande confusione che regna in rete, di rispondere ai numerosi quesiti pervenuti in redazione formulati dopo la pubblicazione dell'articolo dal titolo "Patente e libretto dovranno coincidere? Facciamo chiarezza!", raccogliendoli nelle FAQ di seguito trascritte. 

 

La Circolare ha un’applicazione retroattiva? Cosa succede per tutti gli atti compiuti prima del 3 novembre?

La Circolare non è retroattiva e riguarda solo gli atti posti in essere a decorrere dal 3 novembre 2014. Gli utenti interessati hanno la “possibilità di provvedere all’aggiornamento delle carte di circolazione e dell’Archivio Nazionale dei Veicoli anche con riferimento agli atti insorti anteriormente al 3 novembre 2014, ed in specie quelli posti in essere tra il 7 novembre 2012 ed il 2 novembre 2014. In tal caso, tuttavia, l’eventuale omissione non dà luogo alla applicazione delle predette sanzioni.”

 

Ho una ditta SRL e un auto intestata alla ditta, come devo comportarmi con il libretto di circolazione visto che l’auto la usiamo sia io che mia moglie?

La Circolare sul punto è chiara: «sono esentati da tale obbligo i componenti del nucleo familiare, purché conviventi». Sarà una facoltà del comodatario aggiornare la carta di circolazione, non c’è uno specifico divieto. Si prevede l’inapplicabilità delle sanzioni previste.

 

Cosa succede se faccio usare ad una persona esterna al nucleo familiare la mia auto?

Se l’auto rientra tra gli autoveicoli c.d. aziendali dovrà provvedere all’aggiornamento della carta di circolazione. Si realizzerebbe, in questo caso, la condizione della disponibilità temporanea di un veicolo da parte di un soggetto diverso dall’intestatario. Secondo quanto previsto dalla Circolare “per un periodo superiore a 30 giorni, sono previsti obblighi di comunicazione finalizzati all’aggiornamento dell’Archivio Nazionale dei Veicoli e della carta di circolazione”.

 

Le disposizioni della Circolare si applicano a tutti i veicoli?

No. Sul punto il Ministero esclude “i veicoli in disponibilità di soggetti che effettuano attività di autotrasporto sulla base di: - iscrizione al REN o all’albo degli autotrasportatori; - licenza per il trasporto di cose in conto proprio; - autorizzazione al trasporto di persone mediante autobus in uso proprio o mediante autovetture in uso di terzi (ad esempio taxi e ncc)”. Con riferimento ai predetti veicoli, infatti, verranno emanate apposite disposizioni.

 

Per quanto riguarda i rimorchi di massa complessiva inferiore alle 3,5 tonnellate, come ci si deve comportare?

Questi rimorchi si legge nella circolare sono stati “esonerati dal regime dei beni mobili registrati ( v. l’art. 1 del r.d. 29 luglio 1927, n. 1814, come modificato dall’art. 10 della legge 8 luglio 2003, n. 172)”. Tuttavia, le disposizioni del Ministero si applicano “anche ai rimorchi di massa complessiva inferiore alle 3,5 t.”.

 

Che tipo di documentazione occorre per le variazioni della denominazione o della ragione sociale dell’ente intestatario della carta di circolazione?

Vi sarà l’emissione di un apposito tagliando. Nella Circolare si chiarisce che: “Alla domanda di rilascio del tagliando di aggiornamento deve essere allegata a seconda dei casi: - la dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante l’avvenuta variazione della denominazione o della ragione sociale della società iscritta nel registro delle imprese, specificando che la variazione stessa deriva da atti, anche di trasformazione o di fusione societaria, che non hanno dato luogo alla creazione di un nuovo soggetto giuridico distinto da quello originario e, pertanto, non è soggetta a trascrizione nel pubblico registro automobilistico; - la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (art. 47, d.P.R. n. 445/2000) attestante l’avvenuta variazione della denominazione dell’ente, non iscritto nel registro delle imprese, specificando che la variazione stessa deriva da atti che non hanno dato luogo alla creazione di un nuovo soggetto giuridico distinto da quello originario e, pertanto, non è soggetta a trascrizione nel pubblico registro automobilistico; - l’attestazione di versamento di € 16,00 sul c.c.p. n. 4028 (imposto di bollo dovuta per l’istanza) e di € 9,00 sul c.c.p. n. 9001 (diritti di motorizzazione).

 

Il mio ente è intestatario di una pluralità di veicoli, cosa devo fare?

L’aggiornamento della denominazione sulla carta di circolazione di un veicolo “non produce automaticamente anche l’aggiornamento” per tutti gli altri veicoli. Pertanto, si dovrà chiedere per ciascun veicolo l’aggiornamento. La Circolare chiarisce sul punto che “ trattandosi di una pluralità di operazioni omogenee da effettuare in capo ad un medesimo soggetto, sono ammesse istanze cumulative, secondo le disposizioni generali in materia, con conseguente esborso di un’unica imposta di bollo (per l’istanza) e di n diritti di motorizzazione quante sono le carte di circolazione da aggiornare”. Quindi si pagherà un’unica imposta di bollo, da 16 euro, per l’istanza e 9 euro per ogni veicolo per i quale dovrà essere aggiornata la carta di circolazione.

 

Quali sono i casi in cui c’è la variazione delle generalità della persona fisica intestataria della carta di circolazione?

Per generalità della persona fisica il Ministero intende: il norme, il cognome, la data di nascita, il luogo di nascita, il luogo di residenza. Queste variazioni possono dipendere: “da provvedimenti dell’autorità giudiziaria o degli uffici anagrafici che dispongono correzioni del nome, del cognome, del luogo e della data di nascita; - da variazioni toponomastiche, concernenti la denominazione del Comune o della Provincia di nascita o di residenza  e la denominazione o la numerazione civica della strada in cui è ubicata la residenza”. Si aggiunge che secondo quanto riportato nella Circolare le variazioni relative alla toponomastiche prevedono il rilascio del tagliando di aggiornamento “in esenzione sia di imposta di bollo sia dei diritti di motorizzazione”, si dovrà allegare soltanto la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. Per quanto riguarda il trasferimento della residenza “ la nuova procedura non si applica” questi casi continuano “ad essere gestiti secondo le procedure in uso all’uopo predisposte”.

 

Quali sono i soggetti legittimati all’utilizzo del veicolo in comodato?

Non ci sono prescrizioni al riguardo, i veicoli “possono essere concessi in comodato sia a persone fisiche che a persone giuridiche”.

Gianmarco Sadutto

(28 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

27 ottobre 2019
Corte di Cassazione | Le sanzioni per danno alle cose, l'arresto per danno alle persone e la sospensione della patente.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
NUOVO CODICE DELLA STRADA | I deputati dicono "sì" alle nuove norme. Multe e decurtazione dei punti "graduali", più strumenti di controllo alle forze dell'ordine in strada, più severità per i minorenni

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2014
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE DEI TRASPORTI | Dal 3 novembre dovranno essere apportate modifiche sulle carte di circolazione. Le sanzioni sono salatissime da 705 a 3500 euro.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Enti locali | Un'indagine di Adnkronos sui bilanci dei comuni italiani rivela che per molti enti gli introiti dalle sanzioni per le violazioni al codice della strada restano una voce fondamentale.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2014
Guida in stato di ebrezza | Con alito vinoso ed equilibrio precario va in Commissariato per denunciare il furto dell'auto.Sospesa la patente, il TAR annulla il verbale

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Dematerializzazione | Resta solo il dovere di portare a bordo il certificato relativo, pena l'applicazione delle sanzioni amministrative previste dall'art. 180 del Codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Ambiente | Multe salatissime per chi non commercializza buste biodegradabili. Anci, compito delle amministrazioni comunali informare cittadini e negozianti.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2014
Autorità Nazionale Anticorruzione | Vigilanza collaborativa e sanzioni alle stazioni appaltanti che non provvedono a fornire tempestivamente le informazioni richieste. Queste ed altre le novità in arrivo.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2019
CONSIGLIO DI STATO | In appello viene censurata l'ingerenza del TAR nella materia.

 
 
Condividi la notizia

18 aprile 2016
Agenzia delle entrate | La riscossione dei proventi contravvenzionali da parte degli organi della polizia stradale. Il trattamento fiscale nella risoluzione n. 35/E del 18.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2014
Seconda Guerra Fredda | In un crescendo le cui ragioni restano ancora più o meno oscure, la Russia risponde con un divieto di importazione dei prodotti alimentari alle sanzioni decise dal Consiglio Europeo, senza la consultazione del Parlamento.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Vittime della strada | Il vice-ministro Nencini si dichiara favorevole alla modifica del codice penale e del codice della strada per impedire che "chi ha provocato la morte di qualcuno sotto l'effetto di alcol o droga non passi neanche un giorno nelle patrie galere".

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2017
Ministero dell'Interno | Riportiamo l'interrogazione a risposta immediata sulle modalità di utilizzo da parte degli enti locali dei proventi delle sanzioni relative ad infrazioni del codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Antitrust | Sei operatori rimborseranno i viaggi in Egitto, a suo tempo annullati dopo l'invito del Ministero degli Esteri a non recarsi in quel Paese a causa delle tensioni politiche e sociali. Negli altri casi, l'Agcm ha accertato infrazioni e irrogato sanzioni pecuniarie amministrative.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2014
Patente a punti | Il TAR Friuli ribadisce la giurisdizione del Giudice ordinario

 
 
 
Logo Gazzetta Amministrativa

Il Quotidiano Giuridico

notizie correlate

 
Loading
Caricamento correlati in corso
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.