Condividi la notizia

Vittime della strada

In arrivo "l'omicidio stradale" e "l'ergastolo della patente"

Il vice-ministro Nencini si dichiara favorevole alla modifica del codice penale e del codice della strada per impedire che "chi ha provocato la morte di qualcuno sotto l'effetto di alcol o droga non passi neanche un giorno nelle patrie galere".

Sono anni che, di fronte alle ricorrenti tragedie della strada, si invoca da più parti l’introduzione di pene più severe, soprattutto per chi guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, causando perdite di vite umane.

Abbiamo visto conducenti di auto ubriachi o drogati, che guidavano senza patente, investire ed ammazzare bambini innocenti e poi fuggire lasciando i loro corpicini sull’asfalto. E poi, una volta arrestati, sono stati spesso rimessi in libertà solo poche ore dopo.

Per questo le associazioni che rappresentano i congiunti delle vittime della strada invocano da decenni l’introduzione del “reato di omicidio stradale”, ma finora non si è mai visto nulla di concreto.

Il vice-ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini, in una intervista a “Il Messaggero” promette che “le cose cambieranno e in tempi strettissimi”. L’esponente socialista eletto nelle liste del PD si schiera per “l’ergastolo della patente”, vale a dire “togliere la patente per sempre” a chi si macchia di questo tipo di reati, anticipando le nuove regole che dovrebbero arrivare entro questo mese.

In sostanza, secondo Nencini, il Governo sta esaminando la possibilità di introdurre sia il reato di omicidio stradale, sia la revoca “a vita” della patente. Attualmente la riforma del Codice della Strada è all’esame della IX Commissione della Camera.

Il vice-ministro si è dichiarato favorevole all’inasprimento delle pene; va tuttavia precisato che in molti sono contrari all’interno del PD. Per Nencini “l’urgenza c’è, ma dobbiamo verificarne la fattibilità”.  Secondo l’esponente dell’Esecutivo, “l’inasprimento della pena richiede una modifica del Codice Penale, quindi rischia di richiedere tempi lunghi. Potremmo accelerare se riuscissimo a prendere strade diverse ……. Una più veloce modifica del Codice della Strada, con l’aggravante specifica e l’ergastolo della patente : se uccidi qualcuno non guidi più”.

Moreno Morando

(8 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 settembre 2015
Giurisprudenza | La formula di Frank nei parametri che fanno ritenere dolosa la condotta dei pirati della strada che provocano incidenti mortali.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2017
Ministero dell'Interno | Riportiamo l'interrogazione a risposta immediata sulle modalità di utilizzo da parte degli enti locali dei proventi delle sanzioni relative ad infrazioni del codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

1 aprile 2016
riforma | Le finalità della nuova legge n. 41/2016. I tre livelli di pena. La fascia sanzionatoria per le lesioni stradali.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Parlamento | Introdotti gli arti.589 bis e 590 bis del codice penale. Sì definitivo al Senato con con 149 voti favorevoli, 3 contrari e 15 astenuti.

 
 
Condividi la notizia

19 agosto 2015
Legge europea | Le modifiche al C.d.S. permetteranno, a chi ha un'età compresa tra i 16 ed i 18 anni, in possesso della patente prevista ed alle condizioni precisate, di trasportare un passeggero a bordo di motociclo.

 
 
Condividi la notizia

18 aprile 2016
Agenzia delle entrate | La riscossione dei proventi contravvenzionali da parte degli organi della polizia stradale. Il trattamento fiscale nella risoluzione n. 35/E del 18.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Particolare tenuità del fatto | La Suprema Corte riconosce l'applicabilità della nuova figura deflattiva al reato ex art.186 del codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
NUOVO CODICE DELLA STRADA | I deputati dicono "sì" alle nuove norme. Multe e decurtazione dei punti "graduali", più strumenti di controllo alle forze dell'ordine in strada, più severità per i minorenni

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Enti locali | Un'indagine di Adnkronos sui bilanci dei comuni italiani rivela che per molti enti gli introiti dalle sanzioni per le violazioni al codice della strada restano una voce fondamentale.

 
 
Condividi la notizia

3 maggio 2014
Riforma | Atti osceni, immigrazione clandestina, falsità in atti, danneggiamento e molti altri delitti diventeranno semplici illeciti amministrativi, in Gazzetta Ufficiale la legge per trasformare i reati in sanzioni e messa in prova degli imputati.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Dematerializzazione | Resta solo il dovere di portare a bordo il certificato relativo, pena l'applicazione delle sanzioni amministrative previste dall'art. 180 del Codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Allevamento di animali | La perimetrazione del territorio comunale ai fini del codice della strada non produce effetti sulla collocazione degli allevamenti. Il principi espressi dai giudici di Palazzo Spada nella sentenza del 5 dicembre 2014.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Codice Penale | Entra in vigore il 18 aprile il nuovo art. 416-ter del codice penale

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2015
Riforme | Il testo della norma appena pubblicata sulla G.U. prevede la non punibilità nei reati per i quali è prevista una pena non superiore a 5 anni, ma con importanti eccezioni.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2016
Riforma | La Camera dei deputati ha approvato in via definitiva i nuovi delitti.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.