Condividi la notizia

Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Poletti: "non c'e' nessun progetto di intervento sulle pensioni"

Il Ministro ha smentito qualsiasi ipotesi di intervento sulle pensioni nella prossima Legge di Stabilita'. Ma tutto era nato da una sua intervista

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti viene indicato da tanti opinionisti come uno dei componenti più esperti dell’Esecutivo guidato da Matteo Renzi. Infatti, la lunga esperienza fatta negli enti locali (comune e provincia), nella politica locale (segretario del PCI a Imola) e, soprattutto, alla guida del colosso della Lega delle Cooperative, gli hanno procurato una conoscenza dei problemi pratici che molti suoi colleghi di governo -per la giovane età- non possono certamente avere.

Tuttavia, nella conferenza stampa di ieri al Meeting di Rimini ha dato a molti l’idea di stare sulla difensiva. Rispetto alle voci ricorrenti di una sua possibile sostituzione, ha affermato di “sentirsi stabilissimo”. C’è un adagio di origine medievale (“excusatio non petita, accusatio manifesta”, cioè “scusa non richiesta, accusa manifesta”) secondo il quale l’eccessiva difesa delle proprie parole o del proprio comportamento, anche se la situazione potrebbe non richiederlo, spesso potrebbe rivelare la “colpevolezza” di chi parla.

Il Ministro del Lavoro ieri ha affermato che “nella Legge di Stabilità non ci sarà nessun intervento sulle pensioni più alte” ed ha poi cercato di precisare di non aver mai detto il contrario, ma di essersi solo limitato -su specifica domanda- ad una valutazione su “un principio di equità : di fronte ad una situazione nella quale questo Paese deve trovare un modo per gestire insieme alla crescita l’equità, dobbiamo trovare una modalità che lo consenta”.

Poletti, ha quindi spiegato -e ne dà conto TMnews- che “senza far riferimento ad alcun progetto o strumento, ho detto che ci vuole un atto o una possibilità di avere un atto di solidarietà dentro un sistema previdenziale perché è di questo che si stava parlando”.

Le sue parole, contenute nell’intervista pubblicata il 17 agosto scorso dal Corriere della Sera, avevano scatenato un vero e proprio putiferio, con reazioni da parte sindacale, dell’opposizione, ma anche dall’interno della stessa maggioranza di Governo. Ciò è tanto vero che, due giorni dopo, il Premier -in quel momento in visita in Iraq- si era visto costretto ad intervenire smentendo categoricamente l’ipotesi di tassare le pensioni “alte”.

Il termine “pensioni alte”, peraltro, aveva ingenerato parecchi equivoci; tanto che molti avevano parlato di 3.000-3.500 euro, ma il Sottosegretario al M.E.F. Pier Paolo Baretta aveva accennato anche ad importi più bassi. Da quel momento, si era parlato di un’irritazione sempre più grande di Renzi nei confronti di Poletti, che avrebbe involontariamente alimentato una nuova polemica su un tema sensibilissimo come quello delle pensioni.

Il Ministro del Lavoro, quindi, ieri ha smentito tutto, precisando che “come ha detto Renzi : non c’è nessun progetto, anche il direttore dell’INPS ha detto che né Governo né Ministro né Palazzo Chigi hanno chiesto di fare progetti in questo senso”.

Insomma, pare di capire che -anche in questo caso- la colpa sarebbe tutta dei media che si sarebbero inventati un intervento sulle pensioni che nessuno aveva ipotizzato.

Il problema è che il Ministro Giuliano Poletti, nell’intervista del 17 agosto al Corriere della Sera, di cui anche il “Quotidiano della PA” ha dato puntuale notizia, si era dichiarato favorevole ad un contributo di solidarietà sulle pensioni più alte o al ricalcolo delle pensioni più alte con metodo contributivo, “a patto che siano collegati agli interessi a sostegno dei lavoratori che altrimenti rischierebbero di finire esodati”.

Tutti i media italiani avevano interpretato nell’unico modo possibile e nessuno, nelle ore successive, aveva provveduto a smentire alcunchè, rispetto ad una “eventuale errata interpretazione” delle frasi del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

Moreno Morando

(29 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 marzo 2017
famiglia e sociale | L'organismo ha durata biennale ed è stato recentemente ricostituito dai Ministro delegato alle politiche della Famiglia, Enrico Costa, e dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2017
Ministero del Lavoro | Le tappe storicamente più importanti ed i contenuti dei Trattati costitutivi della Comunità Economica Europea (CEE) e della Comunità europea dell'energia atomica (Euratom).

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2014
Ministro dello Sviluppo Economico | Federica Guidi, nella foto, ha preso una netta posizione a favore del superamento della norma, in netto contrasto con le dichiarazioni del Ministro del Lavoro Poletti.

 
 
Condividi la notizia

17 agosto 2014
Lavoro e Politiche Sociali | In un'intervista rilasciata al Corriere delle Sera, il Ministro ha esaminato tutte le questioni all'ordine del giorno.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Mercato del lavoro | Presso la Commissione lavoro della Camera dei deputati sono stati presentati i dati emersi dal sistema informativo Excelsior su gestione dei servizi per il mercato del lavoro nonché sul ruolo ed attività degli operatori.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Lavoro | Il Ministro del Lavoro ha annunciato la fine degli "interventi tampone", con una serie di soluzioni strutturali applicabili a tutti

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
Rilevazioni ISTAT | Il Ministero del Lavoro pubblica dati statistici e relazioni nella propria "Nota Flash".

 
 
Condividi la notizia

23 dicembre 2015
Ministero del lavoro | Il Ministro Giuliano Poletti fornisce chiarimenti sulla circolare ministeriale n. 30 del 09.11.2015

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2015
Istat | Presentate congiuntamente le informazioni più recenti sulla domanda da parte delle imprese e quelle sulla offerta degli individui.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2014
Lavoro 2.0 | Il modello digitale di sviluppo per l'economia futura portando l'esempio del settore editoria.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Jobs act | Ha l'obiettivo di informare sulle principali novità normative introdotte dai decreti legislativi di attuazione della delega in materia di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2015
POLITICHE SOCIALI | L'Esecutivo Regionale ha assegnato alle Province di Potenza e Matera le risorse per la prosecuzione dei percorsi di formazione a favore dei fuoriusciti dalla mobilità in deroga.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2016
Ministero del Lavoro | Sul portale dell'Anpal è possibile richiedere l'assegno di ricollocazione che può variare da 250 a 5000 euro.

 
 
Condividi la notizia

15 gennaio 2015
Ministero del Lavoro | Pubblicata la circolare n. 1/2015 sulla perequazione definitiva delle pensioni per l'anno 2014 e provvisoria per l'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Disoccupazione e crisi | Pubblicato lo studio della Uil "No Pil? No Job" sui dati del mercato del lavoro della cassa integrazione nel periodo 2008 /2013

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.