Condividi la notizia

Lavoro e Diritto

Bollino blu antipedofilia per lavorare con i minori

Certificazione necessaria per il datore di lavoro che intende assumere lavoratori che svolgono attività a contatto di minori

È entrato in vigore il 6 aprile 2014 il d.lgs. 39/2014 (in G.U. n.68 del 22 marzo 2014) di lotta alla pornografia minorile e contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori. In particolare si segnala quanto disposto con l’art. 2 circa le modifiche apportate al DPR n.313/2002 relativamente a sanzioni comminate ai datori di lavoro, segnatamente all’introduzione dell’art. 25 bis del citato DPR 313, inerente l’introduzione del certificato penale del casellario giudiziale richiesto dal datore di lavoro a seguito del novellato:

“1. Il certificato penale del casellario giudiziale di cui all'articolo 25 deve essere richiesto dal soggetto che intenda impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori, al fine di verificare l'esistenza di condanne per taluno dei reati di cui agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, ovvero l'irrogazione di sanzioni interdittive all'esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori.».

2. Il datore di lavoro che non adempie all'obbligo di cui all'articolo 25-bis del decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre, n. 313, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da euro 10.000,00 a euro 15.000,00.

Ebbene tale art. aggiuntivo, il 25 bis, reca disposizioni puntuali per l’impiego al lavoro di persone che, in ragione delle mansioni attribuite, hanno contatti diretti con minori. In sintesi, il d.lgs. 39/2014 introduce, in capo al datore di lavoro, l’obbligo di acquisire il certificato penale del casellario giudiziale, prima di stipulare un qualsivoglia nuovo contratto di lavoro dipendente. Obbligo che non sorge nel caso in cui ci si avvalga di forme di collaborazione ovvero lavoro atipico, e quindi non strutturate come vere e proprie tipologie di rapporti di lavoro standard. Da qui l’esatta individuazione del Legislatore che prevede la comminazione della sanzione amministrativa pecuniaria (di rilevante entità) per un importo che va dai 10.000 ai 15.000 euro in capo al “datore di lavoro” assumendo, con questa veste giuridica, l’ambito vincolante di applicazione della norma.

Da questo aspetto partono legittime perplessità interpretative della norma, sul punto inerente la richiesta del certificato del casellario per soggetti ovvero indirettamente associazioni di riferimento svolgenti “attività volontarie organizzate” o per meglio dire di volontariato, per le quali potrebbe individuarsi una oggettiva estraneità nonostante una lettura vincolante della norma.

Anche il grande impatto della norma relativamente alle potenziali categorie di lavoratori interessati assurge a tema derimente. Lavoratori delle istituzioni scolastiche; personale medico e paramedico degli ospedali e reparti pediatrici; personale dei centri sportivi e ricreativi, dei centri estivi, dei parchi giochi, beby sitter; personale domestico; ecc.

Non da meno è anche il problema di natura burocratica ovvero il carico esponenziale di lavoro per le procure della Repubblica, i tempi di rilascio dei certificati ed il loro costo; la validità temporale degli stessi; la possibilità di autocertificazione in attesa del certificato originale; gli oneri della vigilanza per appurare eventuali inadempienze dei datori di lavoro.

Non da ultimo è anche il problema attinente al fatto che il certificato del casellario evidenzia l’omnicomprensività di più tipologie di eventi delittuosi passati in giudicato con sentenze definitive e non soltanto per le fattispecie previste dalla norma in argomento.

Probabilmente il legislatore comunitario e nazionale aveva animo la tutela dei minori tout court e pertanto sarebbe stato magari più stringente un intervento normativo che prevedesse altresì la verifica per accadimenti inerenti la pedofilia rilevabili più analiticamente con il ricorso anche ai cosiddetti carichi pendenti.

Stefano Olivieri Pennesi

(11 aprile 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 giugno 2014
Attività Dicasteri | Pubblicato dal Ministero del Lavoro il Rapporto annuale 2014 sulle CO comunicazioni obbligatorie - le dinamiche del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2014
Andamenti economici | Il Ministero del Welfare ha pubblicato i dati del secondo trimestre 2014 sull'andamento del mercato del lavoro.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2014
Mestieri artigianali | Emanati bandi specifici di Italia Lavoro in ambito artigianale.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
Rilevazioni ISTAT | Il Ministero del Lavoro pubblica dati statistici e relazioni nella propria "Nota Flash".

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Lavoro | Creata una nuova banca dati disponibile su portale web, frutto della sinergia tra Isfol - Istat - Ministero del Lavoro.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2014
Formazione e Lavoro | Al via la sperimentazione sull'apprendimento scuola-lavoro. Assunzione di 145 giovani. Gli studenti lavoratori percepiranno, oltre la formazione, una indennità di circa 440 euro.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2014
Ispezioni del lavoro | Per le aziende agricole di qualità aderenti alla rete INPS stop alle ispezioni sul lavoro

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Lavoro | La famosa azienda di Cupertino alla ricerca di nuova forza lavoro per le sedi italiane. All'interno dell'articolo tutte le figure professionali richieste.

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2014
Offerte di lavoro "natalizie" | Sul portale Cick lavoro sono state pubblicate numerose offerte di lavoro emerse in vista del periodo natalizio. Nell'articolo tutte le opportunità e i link per candidarsi.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2014
RIVOLUZIONE LAVORO | Approvato in Commissione lavoro del Senato un emendamento della Lega che permetterebbe la cessione di giorni di riposo tra colleghi dipendenti a favore di un genitore che ha bisogno di accudire un figlio.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2014
Ispezioni sul lavoro | Una nuova vita per l'attività ispettiva in materia di lavoro che prevede la creazione dei una Agenzia unica.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2014
Tecnologia e lavoro | Commissionata recentemente una ricerca del sito LastMinute.com. sul lavoro. Il telefono squilla anche in vacanza! Digli di smettere.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2015
Jobs Act | La circolare ministeriale sugli illeciti in materia di lavoro nero, di Libro unico del lavoro, di prospetti paga e di assegni per il nucleo familiare.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2014
Ministero del Lavoro | Presentato da Italia Lavoro il nuovo strumento di mappatura del rischio per il contrasto al lavoro sommerso.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Lotta al caporalato | L'intesa Tra il Ministero del Lavoro e l'Automobile Club d'Italia consentirà di accedere con immediatezza al Pubblico registro Automobilistico.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.