Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Concorso in magistratura: divieto di accesso al disabile

I giudici di Palazzo Spada accolgono l'appello del Ministero della Giustizia e rinviano per la discussione al 1° luglio.

Il giovane abruzzese, affetto da una grave disfunzione renale, non potrà partecipare al concorso in magistratura: a deciderlo è la Quarta Sezione Consiglio di Stato, Presidente Riccardo Virgilio  (decreto n.2435 del 09.06.2014). 

L’aspirante magistrato aveva proposto istanza cautelare al Tar del Lazio, per ottenere lo svolgimento in giorni non consecutivi delle prove scritte del concorso per riuscire a svolgere regolarmente la sessione di dialisi che esegue a giorni alterni. 

L’ordinanza cautelare (n. 2563 del 6 giugno 2014),  del Tar Lazio – Roma sezione prima quater, era stata chiara ritenendo che: “ai sensi dell’art. 16 della legge 12.3.1999 n. 68, deve essere garantita ai disabili la possibilità di partecipazione a tutti i concorsi per il pubblico impiego, da qualsiasi amministrazione pubblica siano banditi, in parità di condizioni con tutti gli altri concorrenti, mediante la previsione di speciali modalità di svolgimento delle prove di esame”, così anche per il concorso in magistratura. 

In particolare, il Collegio aveva affermato che l’articolazione dello svolgimento delle prove scritte in tre giorni non consecutivi, non contrasta con nessuna disposizione di legge, considerato che il Reggio Decreto 1860/1925 (e successive modificazioni e integrazioni) non impone che le prove scritte si svolgano in tre giorni consecutivi. 

Il Ministero, rappresentato e difeso dall’Avvocatura dello Stato, si è limitato a presentare le "ragioni giustificatrici della scelta predetta, connesse a profili di spesa o di organizzazione del lavoro degli addetti alla procedura concorsuale (spese di affitto dei locali, attività di custodia del materiale delle prove ecc.), che devono considerarsi recessive rispetto alla primaria esigenza di garanzia della possibilità di accesso del ricorrente alle prove in parità di condizioni con gli altri concorrenti".

Il Tar ha ordinato al Ministero di Giustizia: “l’individuazione di una diversa articolazione temporale delle prove secondo le esigenze rappresentate dal ricorrente”, ritenendo prevalente l’interesse del candidato ad accedere alle prove in parità di condizioni con gli altri concorrenti ed ha accolto e sospeso il Decreto Ministeriale del 7 marzo 2014. Quest’ultimo disponeva lo svolgimento delle prove nelle date 25, 26 e 27 giugno. 

L’ultima parola, sulla vicenda, è stata quella del Consiglio di Stato: “ha ritenuto che l’adozione del provvedimento cautelare d’urgenza presuppone l’esistenza di una situazione ad effetti irreversibili e irreparabili tale da non consentir neppure di attendere il tempo intercorrente tra il deposito del ricorso e la prima camera di consiglio utile” sospendendo temporaneamente, l’efficacia dell’ordinanza cautelare del Tar sino alla prossima udienza in Camera di Consiglio fissata per il 1 luglio 2014. A prove scritte concluse!

 

Gianmarco Sadutto

(10 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

23 maggio 2015
Concorsi pubblici | Il Consiglio di Stato nella sentenza del 22 maggio 2015, pur condividendo l'orientamento del TAR, apporta un'importante precisazione.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2014
Consiglio di Stato | Il superamento della preselezione è indefettibile requisito di ammissione alle successive fasi. Il superamento delle prove orali non potrebbe porre rimedio all'eventuale insuccesso registratosi in quelle scritte.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2014
Federazione Italiana sport invernali | Il Consiglio di Stato ha confermato l'ordinanza del TAR. I maestri devono superare le prove tecniche.

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2015
Pubblico Impiego | La sentenza della Terza Sezione del 23 febbraio 2015. Obbligo di motivazione solo se il secondo concorso è identico. Nessuna identità tra i due concorsi se il secondo concorso è stato bandito da un altro ente e solo successivamente è intervenuto un accordo per avvalersi reciprocamente delle graduatorie in corso di validità.

 
 
Condividi la notizia

29 marzo 2015
Concorso pubblico | Illegittimo l'operato della commissione che preclude l'accesso all'aula di svolgimento della prova. La sentenza del Consiglio di Stato del 27 marzo 2015.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
Ministero del Lavoro | On line il decreto con cui sono state individuate le condizioni per accedere al Fondo finalizzato a incentivare la partecipazione.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Il mancato rispetto degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse definitivamente accertato impedisce la partecipazione alla procedura d'appalto.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Giustizia amministrativa | La legge Gelmini non preclude la possibilità di individuare sub criteri che specificano i criteri generali. La differenza rispetto alla materia degli appalti.

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2016
Opportunità | 5 posti disponibile. Cinque prove scritte ed una orale nel bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale - Concorsi ed Esami n.30 del 15.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

15 gennaio 2015
Concorsi | Quattro prove scritte ed una orale, facoltativa la lingua straniera. Le domande dovranno pervenire entro 60 giorni dalla pubblicazione del bando.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.