Condividi la notizia

Settore alimentare

Addio al made in Italy?

Negli ultimi anni le Multinazionali straniere hanno acquistato molte delle piu' note aziende italiane di prodotti alimentari

Il made in Italy è molto apprezzato nel mondo, nel campo della moda e del settore manufatturiero in generale, ma -più di ogni altro campo- non teme confronti nel settore alimentare.

Il problema è che, da un po’ di tempo a questa parte, il controllo di molte società che producono nel campo alimentare con marchi italiani molto noti, sta passando in mani estere, come segnalato da MSN.it.

L’ultima in ordine di tempo -ma, probabilmente, anche una delle più significative, proprio perché riguarda un prodotto che “più italiano non si può”- è il controllo del “Pastificio Garofolo”, acquisito dalla spagnola Ebro. Purtroppo è solo l’ultimo di uno dei tanti trasferimenti di proprietà che, senza tanta pubblicità, hanno portato fuori dal nostro Paese il governo di aziende storiche che hanno “fatto la storia” in questo settore e conquistato ampie fette di mercato in tutto il mondo.

Una delle prime  grandi aziende alimentari italiane ad essere “conquistata” da Multinazionali estere è stata la “Perugina”, lo storico marchio dolciario passata nel 1988 al gruppo svizzero Nestlè, assieme alla Buitoni. Col passare del tempo il gruppo d’oltralpe ha acquisito anche il controllo della Motta e dell’Antica Gelateria del Corso, delle acque minerali S. Pellegrino, Levissima, Panna, Vera ed altri marchi ancora.

Anche la birra Peroni non è più “italiana”, dato che è passata sotto il controllo della Multinazionale della birra “Sabmiller” con sede in Sudafrica fin dal 2003, con una operazione completata nel 2005.

La Galbani, fondata nel 1882, specializzata in prodotti caseari (mozzarelle, formaggi, pasta molla) e con un fatturato di 1 miliardo di euro, “parla” francese dal 2006, acquistata dalla Lactalis, che già aveva comprato Locatelli, Invernizzi e Cademartori. Infine, nel 2011 ha messo le mani anche sulla Parmalat; in questo modo ha acquisito un “quasi” monopolio nel mercato del settore lattiero-caseario della penisola.

L’azienda toscana produttrice dell’olio d’oliva Carapelli e la ligure Sasso sono state acquisite dal gruppo spagnolo SOS Corporaciòn Alimentaria (ora Deoleo) nel 2006. Mentre la Bertolli è stata comprata nel 2008 (ma era già di proprietà della Multinazionale anglo-olandese Unilever).

La storica azienda astigiana di produzione di spumanti “Gancia” dal 2011 è di proprietà dell’oligarca russo Rustam Tarike. Mentre l’impresa che produce i salumi “”Cesare Fiorucci” è diventata “americana”, per poi passare definitivamente sotto il controllo della spagnola Campofrio Food Group.

La Star (brodi e sughi) ha ceduto all’estero tutti i suoi marchi; la Mellin è passata alla Numico (della francese Danone) e nel 2008 Orzobimbo è stata acquisita dalla Novarts, per poi essere ceduta alla Multinazionale madrilena Gallina Blanca.

Anche nel settore del vino le notizie non sono migliori : nel 2013 la  Docg Gallo Nero (vino Chianti) è stata acquisita da un imprenditore cinese di Hong Kong.

Nelle altre grandi economie occidentali non si sono verificati fenomeni così vasti di trasferimenti di pacchetti azionari all’estero. I francesi hanno dimostrato di infischiarsene della normativa europea e di saper difendere il “marchio nazionale” con le unghie e con i denti.

In tutta franchezza, non credo che queste manifestazioni di sciovinismo dovrebbero fare scuola. Il problema, semmai, è un altro.

Questi e tanti altri “marchi italiani” avevano e continuano ad avere mercato in Italia ed in tanti altri Paesi del mondo. Insomma, assieme a tante altre griffe continuano a rappresentare quel “made in Italy” che interessa a milioni e milioni di compratori.

Ed allora perché tutta questa corsa a vendere al migliore offerente? Dov’è finito il tradizionale “spirito d’intrapresa italiano”, che nei decenni passati ha conquistato spazi significativi nei mercati mondiali?

Mi spiace pensarlo e dirlo, ma -a questo punto- qualche serio dubbio sulla qualità media complessiva della classe imprenditoriale nostrana sorge spontaneo.

Moreno Morando

(6 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

8 maggio 2019
Sostegno alle imprese | L'accordo prevede la realizzazione di un piano di sviluppo per l'inserimento di nuove aziende e dei loro prodotti nella vetrina di Amazon dedicata al Made in Italy.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Industria e Moda | L'elenco dei marchi italiani famosi nel mondo - nel settore della moda, alimentare e dell'industria - acquisiti dalle multinazionali straniere sembra ormai non avere piu' fine.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2014
Ministero della Salute | Via il segreto su Aziende che usano ingredienti stranieri. Istituita Commissione ad hoc per rendere disponibili le informazioni relative alla provenienza dei prodotti agro-alimentari.

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2015
ECCELLENZE IN DIGITALE | 50 imprese lucane, operanti nell'agroalimentare con produzioni biologiche, nel turismo e nei settori collegati, usufruiranno di vari servizi gratuiti.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2017
Piccole e medie imprese | Beneficio esteso anche alle PMI sotto forma di società di persone, presentazione domande on line a partire dal 21 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2014
CONTRAFFAZIONE ALIMENTARE | Il rapporto di Legambiente e Movimento Difesa del Cittadino: l'Italia perde in Europa 26 miliardi di euro.

 
 
Condividi la notizia

29 maggio 2015
Made in Italy | Il Ministro Martina ha reso noto che è stato presentato ad Expo 2015 il segno unico distintivo della produzione italiana.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Contiene, tra l'altro, disposizioni riguardanti il Giubileo, le aree dell'EXPO, le bonifiche ambientali, la tutela del Made in Italy.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2014
Lotta alla contraffazione | Il Ministro dell'Interno vuole combattere l'abusivismo commerciale ed ha sottolineato che "gli italiani sono infastiditi dai vu cumpra', il made in Italy e' violentato e deturpato ...."

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2019
Economia | Sgravi ed incentivi fiscali, norme per la tutela del Made in Italy ed il rilancio degli investimenti privati, queste ed altre le misure.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Tutela del Consumatore | Il bilancio del Ministero delle Politiche agricole in materia di sicurezza e lotta alla contraffazione. Pubblicato anche l'elenco dei marchi a tutela DOP e IGP: sono 115 i prodotti made in Italy protetti

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Rimodulato il bonus bebè, incrementato il finanziamento degli ammortizzatori sociali, promozione Made in Italy, contributi agli Enti Locali per l'attivazione di mutui. La dichiarazione del Ministro Padoan

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

7 dicembre 2015
Made in Italy | Il Ministro Martina illustra il piano strategico per favorire il rilancio dei consumi interni e difendere la produzione alimentare di qualitá.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
AgID | Un nuovo marchio distintivo. Più semplice per tutti riconoscere immediatamente dove poter utilizzare il sistema dei pagamenti della PA.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.