Condividi la notizia

Borse taroccate

Contraffazione del marchio: la non rilevanza della conoscenza della falsità

I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

Con sentenza del maggio 2014 la Corte di Appello di Genova riformava la sentenza emessa dal Tribunale del luogo in data 7 febbraio 2011, nei confronti di uno straniero imputato del reato di cui all'art. 474 Codice penale nella qualità di legale rappresentante di una ditta di pelletteria per avere concorso nella contraffazione e nell’introduzione nel territorio dello Stato, di  n. 209 colli contenenti 8.875 borse riportanti il segno distintivo della ditta "Luis Vuitton" contraffatto.

La Corte, in accoglimento dell'appello proposto dal PG e dalla costituita parte civile, dichiarava l'imputato responsabile del reato ascrittogli e lo condannava alla pena di anni uno e mesi 4 di reclusione, € 1.300,00 di multa, nonché al risarcimento del danno a favore della parte civile, da liquidarsi in separata sede.

Avverso tale sentenza proponeva ricorso per cassazione il difensore dell'imputato deducendo (citando Cass., Sez. V, n. 111240 del 13 marzo 2008) che il reato presuppone la contraffazione in senso rigoroso e non la mera imitazione del segno distintivo originario, rilevando a tal proposito che le borse oggetto di imputazione risultavano da foto allegate e da quanto sostenuto dal giudice di appello dotate di una sigla semplicemente simile a quella del prodotto originale.

La Corte di cassazione, Sez. V, con sentenza n. 1108 del 2016, rigettava il ricorso.

I giudici di legittimità hanno infatti stabilito che ai fini della configurazione del reato di cui all'art. 474 Codice penale, nell'ipotesi dell'immissione in circolazione di prodotti contrassegnati da falsi marchi di provenienza, non rileva che il singolo acquirente sia stato effettivamente ingannato o fosse addirittura consapevole della falsità, bensì importa che il marchio contraffatto sia idoneo a fare falsamente apparire quel dato prodotto come proveniente da un determinato produttore.

Fonte: Corte di Cassazione

Rodolfo Murra

(19 febbraio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

13 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Sezione Terza nella sentenza n. 9209/2016.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza della Prima Sezione Penale n. 26776/2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Corte di Cassazione | Prostitute socialmente pericolose? Quando il questore può emettere il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio. E i clienti commettono reato?

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Convalida dell'arresto | Quando la nozione di "inseguimento" ad opera della forza pubblica comprende anche l'arresto di chi è "trattenuto" dal cittadino nella sentenza n. 13001/2016.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2014
REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA | La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla successione di norme extrapenali.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza della Sezione Terza del 21 marzo 2016 n. 11675.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2016
Cassazione | I principi sanciti dalla Seconda Sezione nella sentenza n. 16916/2016.

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.