Condividi la notizia

INPS e previdenza

In una "busta arancione" la futura pensione del lavoratore

Si concretizza la possibilità di poter comunicare ad ogni lavoratore il proprio status previdenziale.

Durante la presentazione a Montecitorio della consueta relazione annuale dell'Inps il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, nel suo intervento, si è dimostrato possibilista circa la fattività di sperimentare, su larga scala, entro la fine del 2014' la più volte invocata e conclamata "Busta Arancione".

Tale strumento, così denominato, consiste in una comunicazione che l'Ente previdenziale effettuerebbe nei confronti dei lavoratori, nella quale verrebbe a sostanziarsi una "stima" della futura pensione di ciascuno degli interessati.

Piu' concretamente si tratta di una "proiezione" simulata, con parametri attuariali,che si supportano sui valori degli accantonamenti previdenziali avuti per ciascun lavoratore, ipotizzando conseguentemente l'entita' monetaria pensionistica che si avrà all'atto del pensionamento.

Tale esercizio di "cultura previdenziale" che in altri paesi europei, come ad esempio la Svezia, e' già da tempo realtà consolidata, nel nostro Paese, fino ad oggi, ha avuto invece alterne vicende con vari stop and go che ne hanno vanificato la concreta e diffusa realizzazione.

Per il vero l'Inps ha già testato il sistema sopra enunciato su una mini platea di circa 100.000 utenti, come anche fatto, da alcune Casse previdenziali dei professionisti che hanno promosso e sperimentato un progetto simile alla citata busta arancione (estratto contributivo integrato) attivando altresì on line dei simulatori, con parametri modificabili, per il calcolo delle pensioni future dei loro iscritti (Inarcassa, Enpacl, ecc.)

Entrando nel dettaglio della recente relazione Inps la questione previdenziale e' stata affrontata dallo stesso Commissario straordinario, Vittorio Conti, il quale si è detto pronto, come Istituto, che è bene precisarlo e' sottoposto alla vigilanza e supervisione dei Ministeri del Lavoro e dell'Economia, ad avviare convintamente un sistema che permette di fornire ai cittadini lavoratori giusti supporti e conoscenze idonei per rendere possibili decisioni che hanno ricadute di natura previdenziale.

Sicuramente la conoscenza per ogni uno dei lavoratori attivi circa possibili "stime veritiere" sulla propria pensione attesa renderebbe concreta una conseguente decisione circa la necessita/opportunità di dotarsi di strumenti e coperture pensionistiche ulteriori, siano esse di natura assicurativa ovvero di natura previdenziale complementare/integrativa (Fondi).

Ovviamente sugli assegni pensionistici futuri e il tasso di sostituzione ovvero il rapporto tra l'ultimo stipendio percepito e il rateo di pensione spettante, incidono fattori economici estrinseci ed intrinseci, come l'andamento del tasso di sviluppo nel lungo periodo, con l'andamento del Pil, come altresì incide l'andamento delle carriere lavoristiche dei lavoratori e la loro permanenza, prolungamento della vita lavorativa.

Il problema reale, che si sta appalesando agli occhi dei politici, relativamente al futuro previdenziale di chi si si è immesso da poco nel circuito lavorativo come anche di chi si immetterà da ora in avanti e' la tipologia e qualità del lavoro anche rispetto a caratteri di discontinuità e precarietà sempre più frequenti per le giovani generazioni di lavoratori, e questo e' il risvolto di natura previdenziale che inciderà fortemente su chi non riuscira' a garantirsi una vita lavorativa continua e regolare fin dall'inizio.

E' dovere di tutti, quindi, preoccuparsi dell'adeguatezza delle pensioni future per sostenere una società civile, degna di questo nome, con adeguati livelli di welfare diffuso.

Stefano Olivieri Pennesi

(12 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 maggio 2014
COVIP | Presentata in data odierna presso il Palazzo della Cancelleria in Roma la relazione sull'esercizio 2013 della Commissione di vigilanza sui fondi pensione.

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
Agenzia delle Entrate | I chiarimenti sule novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 in materia di previdenza complementare.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2015
Inps | Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'Ente di previdenza.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
INPS | Disponibili gli esiti del progetto "La mia pensione" dopo un mese dall'attivazione.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2016
Previdenza | Anche i dipendenti pubblici devono inviare all'Inps la domanda di pensione diretta, di vecchiaia e anticipata utilizzando il servizio online

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
Inps | L'Istituto Nazionale di Previdenza, con il messaggio n. 4162/2015, ha specificato tutti i passaggi per arrivare alla liquidazione.

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2015
Cessione Quinto Pensione | Lo ha comunicato l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale con il Messaggio n. 7116 del 23 novembre 2015.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2017
Previdenza | L'istituto di previdenza ha pubblicato le schede informative.

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
INPS | I lavoratori del pubblico impiego come i lavoratori del settore privato, possono costruirsi una trattamento di previdenza complementare aderendo ad un fondo negoziale o ad una delle forme di previdenza individuali.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2014
Finanza e sviluppo | Presentata ieri con una conferenza stampa la SpA ARPINGE sorta su impulso delle casse di previdenza Inarcassa, Eppi, Cipag.

 
 
Condividi la notizia

22 marzo 2014
Giovani e Lavoro | La pensione si costruisce con i contributi versati nel corso dell'’intera vita lavorativa ed è per questo che l'Inps ha realizzato un video che illustra le prestazioni rivolte ai giovani, ai lavoratori saltuari e a coloro che hanno appena perso il lavoro

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2016
Previdenza pubblica | Emanata circolare INPS sui contributi lavoratori pubblici iscritti nella gestione ex inpdap

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2014
Corte di Cassazione | Rivoluzionaria sentenza della Cassazione. Per l'ammissibilità della domanda di condanna al pagamento dei contributi, oltre al datore di lavoro, è necessario citare anche l'Inps. È escluso il pagamento dei contributi in favore del lavoratore.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2015
Inps | Disponibile il simulatore "Calcolo Quote di pensione" che determina gli importi secondo i diversi regimi pensionistici.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
Presidenza del Consiglio | Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 28.4.2015 il bando per l'anno 2014 per l'assegnazione di contributi.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.