Condividi la notizia

Riforme

Da dicembre per divorziare si potrà andare dal Sindaco

Con la legge n. 162/2014 di conversione del decreto legge n. 132, entra in vigore la riforma del processo civile che semplifica e snellisce alcune procedure.

Per divorziare si potrà andare dal Sindaco. Niente più trafile nei tribunali e l’assistenza dell’avvocato sarà facoltativa.

Questa è una delle novità, operativa dall’11 dicembre, introdotte dal c.d. “decreto giustizia” (d.l. n. 132/2014), convertito in legge il 6 novembre scorso, con l’obiettivo di semplificare le procedure in materia di separazione e divorzio, evitando di dover sovraccaricare di lavoro le cancellerie dei tribunali per quelle questioni dove è sufficiente una procedura amministrativa.

Il Decreto Legge convertito, che persegue l'obiettivo del miglioramento della complessiva efficienza del processo civile, disciplina la novità all’articolo 12.

Rubricato “Separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione o di divorzio innanzi all'ufficiale dello stato civile”, l’articolo prevede una procedura snella.

I coniugi potranno presentarsi di fronte al sindaco del Comune di residenza di almeno uno di loro (o presso il quale il matrimonio è stato iscritto o trascritto), per concludere un accordo di separazione personale, di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili oppure per modificare le condizioni di separazione o di divorzio precedentemente stabilite.  

Una volta ricevute le dichiarazioni da ciascuno dei coniugi personalmente (con l’eventuale e facoltativa assistenza di un avvocato) viene sottoscritto l’accordo che avrà valore di provvedimento giudiziale.

Fatta eccezione per l’accordo sulla modifica delle condizioni di separazione e divorzio, per le altre ipotesi è previsto, tuttavia, un doppio passaggio, per concedere alla coppia un po’ di tempo per ripensarci.

Le parti dovranno recarsi nuovamente davanti al Sindaco, non meno di 30 giorni dopo, per confermare la loro decisione, altrimenti la decisione non ha valore.

È importante chiarire le limitazioni alla procedura.

Non si applica in presenza di figli minori, maggiorenni non ancora economicamente autosufficienti e portatori di handicap grave. In questi casi rimane necessario il passaggio dal giudice. Tuttavia anche per questi caso sono state previste semplificazioni.

Si potrà ricorrere alla negoziazione assistita, istituto, introdotto dalla stessa riforma (art. 6), che consente alla coppia di separarsi, sciogliere o far cessare gli effetti civili del matrimonio ovvero di modificare le condizioni di separazione o di divorzio prefissate, con l’assistenza di uno o più legali di fiducia, anche in presenza di figli, previo nulla osta del procuratore della Repubblica. “quando ritiene che l’accordo risponde all’interesse dei figli”.

Di notevole rilievo è il fatto che la procedura in esame non incide sul decorso del tempo necessario per ottenere il divorzio, una volta conclusa la separazione. Peraltro l'accordo non potrà contenere patti di trasferimento patrimoniale.

Nonostante le limitazioni un passo è stato fatto ed insieme alle altre novità della mini riforma sulla giustizia civile, si attende un alleggerimento del carico di lavoro per gli uffici giudiziari.

Come ricordato, le novità entreranno in vigore  l'11 dicembre

Luca Tosto

(17 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

23 novembre 2014
Riforme | Un nuovo passo in avanti per semplificare e rendere più celere l'addio tra i coniugi. Ok agli emendamenti proposti al disegno di legge sul "divorzio breve”.

 
 
Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Nel decreto del 9 gennaio 2015 tutte le formule per la redazione degli atti in materia di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
Rivoluzione divorzio | Sei mesi per sciogliere il matrimonio se la separazione e' consensuale, stop alla separazione obbligatoria di tre anni.

 
 
Condividi la notizia

14 settembre 2014
"Negoziazione assistita" | Sara' possibile separarsi e divorziare senza rivolgersi al Tribunale, ma solo in caso di accordo consensuale e in mancanza di figli minorenni o, in alcuni, anche di maggiorenni.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2014
Camera dei Deputati | Questione di ore per la decisione finale.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2015
Viminale | In attesa della pubblicazione in G.U. della legge sul c.d. "divorzio breve", la circolare n. 6/15 interviene su negoziazione assistita, accordi di separazione e divorzio davanti al Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

27 novembre 2014
Bruxelles | Pubblicato il primo rapporto sui progressi compiuti nelle riforme dall'Italia nella correzione degli squilibri macroeconomici.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Basta andare due volte davanti all'Ufficiale di Stato civile, anche senza avvocato. La circolare ministeriale sui nuovi adempimenti.

 
 
Condividi la notizia

27 maggio 2014
Europee | "L'Italia ha tutte le condizioni per cambiare" ha affermato il Premier, ma il cambiamento passa per una "accelerazione delle riforme" per essere credibili in Europa.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Corte Costituzionale | Solo in astratto l'assegno deve garantire al coniuge economicamente più debole il medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Il "diritto vivente" secondo la Consulta.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Matrimonio | In attesa del sinodo che dovrà pronunciarsi sulla riammissione ai sacramenti dei divorziati risposati, Bergoglio promuove una commissione per studiare la riduzione dei processi canonici di annullamento.

 
 
Condividi la notizia

27 maggio 2015
Italia semplice | Il report raccoglie 37 "azioni" che hanno il digitale come comune denominatore e riducono la complicazione.

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2015
Stato civile | La Cassazione lo ha stabilito nei confronti di una coppia già sposata che ha deciso di mantenere fermo il rapporto affettivo.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2014
P.A. | Il T.U. sulla sicurezza d.lgs.81/2008 si migliora ricorrendo al "modello unico" per comunicare costruzioni/modificazioni degli edifici/locali adibiti a produzioni industriali alle autorità competenti.

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2014
Consiglio dei Ministri | Intervento su cinque settori strategici: cittadinanza digitale, welfare e salute, fisco, edilizia e impresa. Nell'articolo le azioni, le responsabilità, le scadenze e gli obiettivi.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.