Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Se i rapinatori entrano in casa e vanno dritti al malloppo non c'é il reato di violazione di domicilio

Rapina, violazione di domicilio, reati complessi, aggravanti, i giudici di Piazza Cavour spiegano i criteri per il calcolo della pena.

I tre rapinatori di questa vicenda non sono certo stati assolti.

La Corte di Cassazione, tuttavia, ha “alleggerito” la loro pena annullando la sentenza nella parte in cui aggiungeva alla pena già inflitta per la rapina aggravata, anche la pena per la violazione di domicilio.

Perché? i rapinatori sono entrati a casa col solo fine impossessarsi con violenza e minaccia della cosa mobile altrui, senonché la violazione di domicilio, per se stessa, non conta.

Senza scagliarsi contro i giudici gridando allo scandalo, occorrono dei chiarimenti, per comprendere la ragionata soluzione degli Ermellini.

Dicono i giudici della 3° sezione, con la sentenza n. 40382/2014 del 30 settembre:  la rapina aggravata dall’introduzione in edificio abitativo è reato complesso, unificandosi in esso, quale circostanza aggravante, la violazione di domicilio consumata, poiché questa costituisce reato-mezzo, legato dal nesso di strumentalità a quello di rapina.

Cosa significa? Solo in apparenza devono contestarsi due reati; in realtà il reato è uno solo (seppur aggravato) e ciò porta ad una riduzione complessiva della pena nel caso in cui, come questo, i giudici territoriali abbiano duplicato la pena.

A fondamento della soluzione la Suprema Corte ha richiamato una tradizionale interpretazione in tema di furto presso dimora privata, applicabile alla rapina a seguito della modifica della fattispecie penale con la legge 94/2009 (“pacchetto sicurezza”).

Infatti, chiariscono i giudici, dopo l’introduzione nel 2009 di specifica aggravante (n. 3 bis del comma 2°, art. 628 c.p.), la commissione di una rapina in edifici o altri luoghi destinati a privata dimora, da luogo ad un “reato complesso” quando il fine unico dell’introduzioni in tali luoghi era quello di impossessarsi con violenza e minaccia della cosa mobile altrui.

Il reato più grave della rapina in questo caso “assorbe” anche la violazione di domicilio.

Vi chiederete qual è l’effetto pratico in termini di pena da scontare. Non si deve applicare un cumolo delle due pene ma solo la pena prevista per il reato complesso.

Dice la Cassazione riguardo alla posizione dei rapinatori: “ha errato il giudice di merito, dopo aver quantificato la pena per la rapina aggravata, ad aumentarla – ai sensi dell’art. 81 c.p. – per il delitto di violazione di domicilio, dovendosi considerare tale ultimo delitto assorbito nel primo”.

In conclusione, l’effetto della sentenza, dice la Corte, si estende automaticamente ai tre imputati (nonostante si stato eccepito da uno solo) con il vantaggio, non di poco conto, di una eliminazione dell’aumento di pena fatto dalla Corte d'ppello, pari a quatto mesi di reclusione e 300 € (266 € per uno dei tre) di multa.

Per gli aspiranti rapinatori: meglio andare dritti al malloppo, senza distrazioni. Se entrando in casa altrui i rapinatori avranno questo “unico fine”, la pena potrebbe essere minore. 

Fonte: Corte di Cassazione

Luca Tosto

(7 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

23 marzo 2021
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione Penale.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2021
Giustizia | La Corte di Cassazione esclude il delitto di peculato.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2014
REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA | La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla successione di norme extrapenali.

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2020
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 16.11.2020.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 15 novembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2021
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione Penale del 31 dicembre 2020.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza della Suprema Corte pubblicata il 22 febbraio 2017.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.