Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Violenza sessuale: titolare di una ditta condannato per “abuso di autorità”

La Terza Sezione della Suprema Corte ha affermato che nel concetto di "autorità" di cui all'art. 609 bis del codice penale (violenza sessuale), rientra anche ogni potere di supremazia di natura privata utilizzato per costringere la vittima a compiere o a subire atti sessuali.

Quell’uomo, titolare della ditta, era un accorto pianificatore che proponeva lavoro a giovani prede e le faceva cadere nella sua ragnatela.

La Cassazione, sezione terza penale, con sentenza n. 36704 del 3 settembre, ha confermato la sentenza d’appello che aveva condannato l’uomo a quattro anni (oltre pene accessorie e risarcimento) per il reato continuato di violenza sessuale aggravata e altri reati minori (sequestro e lesioni personali) nei confronti di varie donne e soggetti minori di sesso femminile.

Il modo di operare era sempre lo stesso. La scusa era sempre quella di un contatto, spesso via email, con donne giovani ed inesperte sul piano relazionale, in vista di un possibile futuro rapporto di lavoro, mentre le “toccatine” precedute da immancabili complimenti sull’aspetto fisico delle ragazze e frasi di dubbio gusto (sempre allusive ad approcci sessuali) erano il leit motiv.

Le giovani ragazze poi, in preda ad un vero e proprio terrore, erano con le spalle al muro, bloccate alle prime avvisaglie di repulsione.

Oggi la Cassazione chiarisce un importante aspetto: il concetto di “abuso di Autorità” deve essere  inteso nel senso più ampio.

Tale espressione, che come alla violenza e alla minaccia è elemento alternativo della consumazione del reato, è fonte di un contrasto nella giurisprudenza dove taluni giudici intendono la supremazia derivante da autorità solo quella che derivi da “una posizione formale di tipo pubblicistico” e dove altri intendono la posizione “indifferentemente pubblica o privata, di cui l’agente abusi per costringere il soggetto passivo a compiere o a subire atti sessuali”.

Il collegio aderisce alle pronunce, tutt’altro che isolate, che hanno il pregio di allargare il confine dell’abuso di autorità anche a soggetti che non rivestono una carica pubblica.

Chiarisce il giudice che “l’abuso di autorità vale quale mezzo di costrizione ulteriore ed alternativo rispetto alla violenza o minaccia nei riguardi di soggetto che, rispetto all’agente, si trova in una posizione di subalternità e di rispetto delle gerarchie. Il concetto di autorità riferito alla violenza sessuale non può essere inteso in senso formale di appartenenza ad un pubblico potere”.

A differenza della normativa precedente oggi non c’è più distinzione: la persona dotata di autorità è anche il privato che utilizzi la sua posizione per dominare la vittima e condizionarne il comportamento.

Gli Ermellini ricordano inoltre alcuni principi cardine del nostro sistema penale: risponde di due reati chi compie violenza sessuale con mezzi che producono lesioni personali (graffi, escoriazioni, lividi). Il codice penale, dice il giudice, distingue infatti le situazioni, considerato che la violenza sessuale è collegata a lesioni personali esteriori. I due reati in sostanza non si assorbono ma rimangono ben distinti.

Inoltre, anche se la vittima ritira la denuncia, una volta “innescata” la macchina della giustizia non si ferma. Ciò e dovuto, dice il giudice, alla “irretrattabilità della querela per i delitti a sfondo sessuale” ed anche al fatto che il reato di lesioni personali aggravato per commettere un reato – fine (la violenza sessuale) è perseguito d’ufficio.

Una sentenza importante questa, inserita nel contesto di pronunce attente alla interpretazione della normativa che possa tutelare nel migliore dei modi le povere vittime di violenza.

Un monito anche per tutte le ragazze: attenzione a chi vi offre spontaneamente del lavoro con ripetute avances, spesso è meglio rinunciare subito per evitare di rimanere segnate a vita.

Fonte: Corte di Cassazione

Luca Tosto

(7 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.