Condividi la notizia

Libertà del malato

Eluana Englaro aveva il diritto di morire

A distanza di più di 5 anni dalla morte della donna che, a seguito di un incidente stradale, e' stata oltre 17 anni in stato di coma vegetativo, il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittima la decisione della Regione Lombardia che di fatto intralciò la sentenza della Cassazione che autorizzava la sospensione del trattamento terapeutico.

Con la sentenza n. 4460 del 2014, pubblicata il 2 settembre, i giudici amministrativi si sono definitivamente pronunciati su uno dei casi più dibattuti degli ultimi anni relativo al delicatissimo “diritto alla morte”.

La sentenza è importante in quanto apre nuove prospettive per le tante persone che attualmente sono in una situazione di stato vegetativo permanente in carico al Servizio Sanitario Nazionale.

Le complesse questioni esaminate dai Giudici di Palazzo Spada vertevano sull’assenza di una specifica regolamentazione legislativa della materia che attiene al fondamentale diritto di autodeterminazione terapeutica del paziente e al suo delicato rapporto con le strutture del servizio pubblico deputate all’assistenza sanitaria.

Ripercorrendo brevemente la vicenda, il primo fondamentale spiraglio per la famiglia Englaro si era aperto nel 2007 quando la Cassazione si era pronunciata a favore del diritto Costituzionale di rifiutare le cure come un diritto di libertà assoluto.

Dopo la sentenza tuttavia, la ragazza in stato vegetativo, era stata costretta ad essere trasportata in Friuli alla clinica “La Quiete” di Udine, per vedere attuata la sentenza della Cassazione che autorizzava la sospensione del trattamento terapeutico e del sondino nasograstrico, e che la Lombardia si rifiutò di attuare. 

La Regione, l'avvenuto decesso di Eluana, ha deciso di adire il Consiglio di Stato per ottenere una pronuncia sulla legittimità del proprio operato, sottolineando, anzitutto, "che attualmente esistono più di 400 persone in situazione di stato vegetativo permanente in carico al Servizio Sanitario Regionale e,quindi la sentenza del T.A.R. Lombardia costituirebbe un pericoloso precedente, capace di rendere addirittura “attraente” il sistema sanitario lombardo per famiglie di soggetti in stato vegetativo permanente che desiderino un trattamento analogo a quello richiesto dal tutore di Eluana."

Aggiunge la Regione che "Nella perdurante assenza di un intervento del legislatore nazionale, che regoli i drammatici aspetti relativi alle dichiarazioni anticipate di trattamento, un eventuale passaggio in giudicato della sentenza ...costituirebbe infatti un precedente “pericolosissimo”, capace di influenzare le eventuali richieste, di analogo contenuto, da parte di altri pazienti e le scelte dell’Amministrazione sanitaria."

Nel merito, secondo la tesi oggi rigettata dai giudici, l’Amministrazione non sarebbe tenuta in alcun modo a soddisfare tale richiesta, poiché compito di questa è, quindi, solo quello di garantire che il malato sia mantenuto in vita, accudito e “curato”.

Sbagliato, dice il Consiglio di Stato: l’evoluzione sociale ha fatto emergere il fondamentale e incomprimibile diritto di autodeterminazione terapeutica, quale massima espressione della personalità dell’individuo.

Esiste quindi il “diritto del singolo alla salute, il quale, come tutti i diritti di libertà, implica la tutela del suo risvolto negativo: il diritto di perdere la salute, di ammalarsi, di non curarsi, di vivere le fasi finali della propria esistenza secondo canoni di dignità umana propri dell’interessato, finanche di lasciarsi morire”.

Nella lunga sentenza si parla di una nuova “alleanza terapeutica” dove “il singolo paziente è soggetto e non oggetto di cura al centro del percorso sanitario, nel quale medico e paziente concorrono nella scelta della strategia terapeutica più rispondente alla visione della vita e della salute propria della persona che si sottopone alla cura”.

Che non resti solo inteso, ma sia ben chiaro: ciò non deve comportare un pericoloso soggettivismo curativo nel quale è “cura” tutto ciò che il singolo malato vuole o crede, perché nell’alleanza terapeutica è, e resta fondamentale, l’insostituibile ruolo del medico nel selezionare e nell’attuare le opzioni curative scientificamente valide e necessarie al caso.

Sulla bufera mediatica del caso, molti si erano pronunciati. Tra chi chiedeva al padre di Eluana di lasciarla nella struttura ospedaliera e di “dimenticarsi di lei” e chi, invece, si era schierato a favore di un pieno diritto all’autodeterminazione.

Oggi la cura come “beneficio” non deve più essere intesa solo come prosecuzione della vita ma anche come accettazione della morte da parte del paziente consapevole.

Questa nuova dimensione della prestazione sanitaria risponde alle esigenze più profonde di un moderno diritto amministrativo prestazionale.

Non può dunque l’Amministrazione sanitaria sottrarsi al suo obbligo di curare il malato e di accettarne il ricovero, anche di quello che rifiuti un determinato trattamento sanitario nella consapevolezza della certa conseguente morte, adducendo una propria ed autoritativa visione della cura o della prestazione sanitaria.

Come ripete più volte il Collegio, l’arretratezza della legislazione sanitaria, l’assenza di norme di azione, o di adeguate misure organizzative, non può esimere l’Amministrazione sanitaria dall’erogare un doveroso servizio. Questo, a maggior ragione, perché la Regione non può sollevare un’obiezione di coscienza della struttura sanitaria nel suo complesso, attenendo l’obiezione di coscienza, per sua stessa natura, al foro interno del singolo medico e non certo all’istituzione pubblica.

Una vicenda questa, come altre simili, profondamente toccante considerando anche che per ottenere questo risultato la famiglia Englaro ha dovuto affrontare undici anni di processi, quindici sentenze della magistratura italiana e una della Corte Europea, l’opposizione del governo in carica, le proteste, le manifestazioni e gli appelli di numerose associazione.

Questa sentenza è una ulteriore “scossa” per il nostro Paese dove, nonostante ci siano stati vari tentativi più o meno incerti, si è ancora privi di una legge per regolare il trattamento del cosiddetto “fine vita” e l’alimentazione forzata in uno stato vegetativo permanente.

Luca Tosto

(13 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 febbraio 2016
Alimentazione e Salute | Su richiesta del Ministero elaborato un parere sulle conseguenze per la salute dell'utilizzo dell'olio di palma come ingrediente alimentare.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

19 gennaio 2022
Pandemia | La circolare non impone ai medici prescrizioni terapeutiche vincolanti ma raccomandazioni.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2017
Sanità | Le FAQ predisposte dal Ministero della Salute, Istituto superiore di sanità (ISS) e Agenzia italiana del farmaco (AIFA).

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Giustizia amministrativa | Solo la tutela della salute, dell'ambiente e dei beni culturali può limitare la libera apertura di strutture commerciali.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

30 ottobre 2015
Giustizia Amministrativa | Il Consiglio di Stato apre la strada per l'assunzione a tempo indeterminato dei dirigenti amministrativi, tecnici e professionali con contratto a tempo determinato.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Interdittiva antimafia | Il Consiglio di Stato precisa che la partecipazione alla cerimonia di commiato per la morte di un mafioso è un indizio che di per sé non è sufficiente a giustificare un'accusa di vicinanza ad un clan mafioso.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Garante Privacy | Intervento del Garante per assicurare il rispetto di cautele anche nella stesura delle certificazioni richieste per fini amministrativi.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2014
Decreto competitività | La politica sanitaria la fa il Ministero della Salute insieme alle Regioni e non il Ministero dell'Economia.

 
 
Condividi la notizia

10 novembre 2015
Servizi pubblici | Il Presidente della Regione è intervenuto in Consiglio Regionale: 'tutto si può fare tranne che mortificare le istituzioni e coloro che mettono cuore e passione per difendere gli interessi legittimi dei nostri cittadini'.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.