Condividi la notizia

Interdittiva antimafia

Vai al funerale del mafioso?
La P.A. non ti può togliere l'appalto

Il Consiglio di Stato precisa che la partecipazione alla cerimonia di commiato per la morte di un mafioso è un indizio che di per sé non è sufficiente a giustificare un'accusa di vicinanza ad un clan mafioso.

In fondo, un funerale è pur sempre un funerale. Partecipare e porgere le condoglianze, soprattutto nei piccoli centri, è usanza anche se non si è parenti o amici. Non importa di chi sia: è un saluto, un atto di rispetto.

A non pensarla allo stesso modo è stata la società di gestione di servizi nei territori dell’Emilia che, a seguito di interdittiva antimafia, a deciso di cacciare fuori il titolare calabrese di una ditta (parte della cooperativa aggiudicatrice dell’appalto di trasporto rifiuti) per aver presenziato al funerale di due noti mafiosi conterranei.

Ciò sarebbe stato sufficiente, come sintomo di pericolo di vicinanza mafiosa del titolare della ditta, a legittimarne l’allontanamento.

Una valutazione discrezionale, che per non sconfinare in mero arbitrio, può dirsi ragionevole e attendibile solo se sorretta almeno da indizi seri, precisi e concordanti, oggettivamente riscontrabili, che secondo l’esperienza comune assumono un significato univoco.

Dopo un ricorso sfavorevole davanti al Tar, il titolare della ditta ha tirato un sospiro di sollievo davanti al Consiglio di Stato che lo ha riconosciuto come “pulito”.

Dice il giudice amministrativo, nella sentenza del 11 luglio, che il grave quadro indiziario richiesto per l’adozione dei provvedimenti discrezionali di allontanamento non può essere ipotetico.

Seppur è vero che per l’informativa antimafia non è necessario che siano stato accertati fatti di rilevanza penale o ci siano prove di condizionamento mafioso, l’amicizia mafiosa non può essere immaginaria.

Per di più, da indagini della finanza, nessuna ombra sulla ditta che aspirava all’inclusione nella “white list” per partecipare ai lavori post sisma.

Nessuna assidua frequentazione? Né affari in comune? Allora il rischio di infiltrazione non esiste.

Per il commiato a due defunti, ha rischiato il lavoro (e la faccia).

Luca Tosto

(12 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

10 dicembre 2015
Consiglio di Stato | Il rapporto di stretta collaborazione tra la società e la realtà politica locale compromessa con la camorra nella sentenza del 9.12.2015 n. 5606.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Appalti pubblici | Nessuna irrilevanza della sentenza penale sopraggiunta anche a notevole distanza di tempo dai fatti accertati. La sentenza del Consiglio di Stato sul caso Banda della Magliana.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2015
Infiltrazioni criminali | L'attualità dei rapporti criminali non può escludersi dalla risalenza dei fatti accertati in sede penale. La sentenza del Consiglio di Stato n. 3653/2015.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Imprese e infiltrazione mafiosa | Ricostruzione dell'istituto ed ampia casistica nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 3 maggio 2016 n. 17343.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Nessun rapporto di automatismo tra un legame familiare, sia pure tra stretti congiunti, ed il condizionamento dell'impresa nei principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza n. 3310 del 3 luglio 2015.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2015
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 17 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2015
Informativa prefettizia antimafia | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 27 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Attività imprenditoriali | Il Consiglio di Stato si pronuncia su una interdittiva che aveva permesso ad un Comune di dichiarare inefficace una S.c.i.a. per l'apertura di una sala giochi.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Attività di estetista | Per lettini abbronzanti e lampade UVA, anche se direttamente ed autonomamente utilizzati da soci di circoli privati, e' necessaria l'autorizzazione comunale.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.