Condividi la notizia

Lavoro

Articolo 18: come e perché sarà riformato

Si moltiplicano le voci che vorrebbero fra gli obiettivi del Governo Renzi la riforma dell'articolo 18. Cosa vuol dire flessibilità? E perché l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori è al centro del dibattito politico degli ultimi anni?

I sindacati latitano in questa fine estate 2014. Durante la trasmissione "Di-Martedì", il nuovo talk show diretto da Giovanni Floris, è stato il comico Maurizio Crozza a trovare per loro la giusta definizione: "sono rimasti fermi agli anni '70". Ed è negli anni '70 che l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori veniva esibito come un trofeo nella lotta fra operai e industrie. Oggi, a distanza di 40 anni cosa resta di quelle battaglie?

Il Governo Renzi non nasconde la tentazione di mettere mano ad una riforma dell'art.18 in grado di "superarlo". Il discorso del premier Renzi ieri in parlamento è stato molto chiaro: "al termine dei mille giorni il diritto del lavoro non sarà quello di oggi. Io ritengo che non ci sia cosa più iniqua in Italia di un diritto del lavoro che divide i cittadini in cittadini di serie A e di serie B. Se sei un partita iva non conti niente. Se sei un lavoratore di un'azienda sotto i 15 dipendenti, non hai alcune garanzie. Se stai sopra sì. Questo è un mondo del lavoro basato sull'apartheid."

In sostanza: se ci sono maggiori garanzie per aziende con più di 15 dipendenti, bisognerebbe ridurle per non far sentire discriminate le aziende più piccole?

Secondo Palazzo Chigi si tratta di una questione di forma più che di sostanza: "ogni anno ci sono circa 40mila casi affrontati sulla base dell'articolo 18, di questi l'80% sono risolti con un accordo, ne restano 8mila. Di questi 8mila, in 4.500 il lavoratore perde totalmente, in 3.500 il lavoratore vince e in due terzi dei casi ha il reintegro. Insomma, come ha già detto il premier, si sta discutendo di una cosa che riguarda non più di 3mila persone l’anno". 

Quello che da Palazzo Chigi non dicono è che l'articolo 18 scritto, è vero, in un'epoca nella quale la dimensione delle aziende italiane era sicuramente più grande, aveva l'obiettivo di fungere da deterrente. Ed era un deterrente valido specialmente per quei casi di dipendenti attivi nel sindacato che ponevano sempre nuovi ostacoli e rivendicazioni ai propri datori di lavoro. Bisognava pensarci su due volte prima di licenziarli, visto che prima o poi si poteva rischiare di doverli reintegrare. Oggi però gli anni '70 sono ormai alle spalle, le dimensioni delle aziende si sono ridotte drasticamente, il lavoro e prima ancora l'impresa in Italia è in affanno. Dunque perché occuparsi di questo articolo 18 che tutto sommato ha fatto il suo tempo e proprio per questo potrebbe essere lasciato lì dov'è?

In realtà sembrerebbe esserci una forte tensione simbolica, ma anche uno specifico progetto. Di flessibilità nel mercato del lavoro se ne parla sin dal governo D'alema del 1999. E' una ricetta economica teorica secondo la quale, semplificando, se le aziende possono licenziare con maggiore facilità i propri dipendenti in un periodo di recessione, hanno l'opportunità di ritornare a crescere sgravandosi di un eccessivo costo del lavoro. Questo dovrebbe aiutarle a passare senza problemi attraverso la fase recessiva e a riassumere dipendenti quando ritorna la crescita. 

Questa teoria economica è applicata in grande stile negli States ed è alla base di quei "structural adjustements" richiesti dal Fondo Monetario Internazionale in cambio dei suoi prestiti di denaro. Alla flessibilità si aggiunge solitamente la possibilità di ridurre i salari e le ore di lavoro. Si tratta infatti di due strategie economiche che mirano allo stesso obiettivo: snellire i costi per le imprese senza indurle alla chiusura, consentendo così alle stesse di riassumere i dipendenti quando la tempesta sarà passata. Il problema è però che spesso queste misure non solo non aiutano la tempesta a passare, ma finiscono col trasformarla in un devastante uragano. Fuor di metafora aggravano la fase recessiva senza portare alcuna soluzione né a breve né a medio-lungo termine. 

A spiegarlo è stato l'economista statunitense premio nobel Joseph Stigliz: "L’idea che i problemi economici sarebbero risolti con un mercato del lavoro più flessibile è stata completamente screditata dalla crisi. Gli Stati Uniti hanno il mercato del lavoro più flessibile tra i paesi industrializzati occidentali, e ancora oggi, un americani su sei è in cerca di lavoro a tempo pieno senza trovarlo. Non ha funzionato." Secondo Stigliz: "Non bisogna puntare sulla flessibilità. Dobbiamo chiederci come spostare le persone dai settori vecchi ai nuovi. Questo implica flessibilità, ma anche sicurezza e formazione. Non bisogna aumentare l’ansia dei lavoratori, questo non fa che impedire il buon funzionamento del mercato del lavoro."

Stigliz richiama così la teoria keynesiana secondo la quale in una fase recessiva, anche in presenza di salari e prezzi flessibili, non è affatto detto che si torni alla piena occupazione, che è determinata dalla domanda aggregata (data dalla somma di consumi, investimenti, spesa pubblica e domanda estera). Insomma se si tagliano i salari o si licenziano più facilmente i dipendenti questi non potranno più acquistare i beni che il mercato produce, andando ad inasprire la spirale recessiva. 

A questo punto però è inutile chiedersi perché dovremmo riformare l'articolo 18. La risposta è un rumor che circola fra i banchi della maggioranza: i 1000 giorni di Renzi sono l'ultima spiaggia per l'Italia. Dopo non potrà che arrivare la Troika (BCE, UE, FMI), ossia il soggetto economico-burocratico che più di ogni altro negli ultimi anni sta spingendo verso la "flessibilità". L'esempio maturo è quello della Grecia: dopo una innumerevole serie di licenziamenti e di tagli dei salari la disoccupazione sembra arrestarsi. Ma in realtà non si tratta di un positivo effetto della flessibilità, ma di un riversamento in una Grecia più competitiva (leggi più economia per le imprese) di società che in altri paesi europei sono ancora "costrette" a pagare salari sostanziosi e a rispettare stringenti statuti dei lavoratori. Un inseguimento al ribasso, dunque, che dà vita ad una effimera ed illusoria crescita, proprio quando dovrebbero essere le imprese e gli stati ad innovare ed investire. 

Francesco Colafemmina

(17 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 agosto 2014
Riforme | La tesi del Presidente della Bce sembra molto simile a quella di Eugenio Scalfari, secondo cui l'Italia dovrebbe affidarsi alla "troika", cioe' UE, Bce e Fmi.

 
 
Condividi la notizia

10 agosto 2014
Riforme e recessione | Nelle sue interviste a La Stampa e al Financial Times il Premier ribadisce che sara' lui a decidere sulle riforme.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Attualita' politica | In un'intervista a "Millennium" Il Presidente del Consiglio ha affrontato i temi di questi giorni.

 
 
Condividi la notizia

27 maggio 2014
Consiglio di Stato | Deficit di bilancio, insolvenza e riduzione stipendi colpiscono anche i dipendenti della Direzione Investigativa Antimafia. Il giudice conferma la legittimità dei tagli ai salari accessori.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Unione Europea in tempi di cambiamento | Il Governo Renzi ha consegnato un documento indicando le sue priorita' al Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che sta preparando il "programma" della nuova Commissione UE

 
 
Condividi la notizia

8 novembre 2014
Favoritismi fiscali | Juncker, nella foto con Renzi e Van Rompuy, quando era Premier del Lussemburgo aveva concesso favori fiscali a centinaia di multinazionali e societa' estere.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2014
Consiglio Europeo e manovra | Il Premier sembra molto a suo agio nel duro confronto con i vertici UE. Intanto e' stato precisato che il Tfr in busta paga non sara' calcolato nel reddito, per non sforare il tetto degli 80 euro.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Pubblico impiego | Pubblicati i dati dell'Istituto statistico nazionale su stipendi della PA e numero addetti statali.

 
 
Condividi la notizia

25 gennaio 2016
INPS | Pubblicati i moduli per il lavoratore distaccato e per chi svolge la propria attività di lavoro in più Stati UE.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2016
Governo | Il contributo e la lettera del Presidente Renzi inviati a Jean-Claude Juncker e Donald Tusk.

 
 
Condividi la notizia

2 giugno 2014
Lavoro | La commissione europea si esprime sulle riforme nel nostro Paese e su emergenza lavoro.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
Retribuzioni contrattuali | I dati Istat sulle retribuzioni rivelano una crescita annua dell'1,2%, la più bassa degli ultimi 30 anni. Incremento delle retribuzioni nel settore privato.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2014
Economia | Mario Draghi annuncia nuove misure per contrastare la deflazione in Europa. Scende allo 0,15% il tasso principale della BCE. In cantiere nuove aste di liquidità a lungo termine e operazioni per il rilancio del credito bancario.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2014
Andamento delle economie UE | La Commissione UE ha messo a punto 11 parametri per valutare i rischi macroeconomici dei 28 Paesi membri ed il nostro Paese non da' segnali di pericolo.

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2014
Blocco dei contratti nel pubblico impiego | I segretari generali chiedono un'immediata smentita alle voci di proroga del blocco degli stipendi per altri 2 anni.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.