Condividi la notizia

Parlamento in seduta comune

Duro monito di Napolitano per lo stallo sulle nomine della Consulta e del Csm

Il Presidente della Repubblica e' di nuovo intervenuto con una nota per stigmatizzare "le immotivate preclusioni" sui candidati.

Il Capo dello Stato è ritornato sullo stallo che si creato in Parlamento per la nomina dei due giudici costituzionali e dei membri ancora mancanti del Consiglio Superiore della Magistratura. Lo ha fatto con un duro monito sulle “immotivate preclusioni” sui candidati, che hanno finora impedito il raggiungimento del quorum necessario.

Subito dopo si è avuta conferma dell’incontro tra Renzi e Berlusconi, nell’evidente tentativo di cercare le necessarie convergenze per uscire dall’impasse. Con una nota, il Presidente della Repubblica ha richiamato l’attenzione delle forze politiche e dei gruppi parlamentari sulle gravi ricadute immediate e future a causa di questa situazione.

In particolare, Napolitano sottolinea che “il succedersi senza risultati conclusivi delle votazioni del Parlamento in seduta comune per le elezioni dei componenti laici del CSM e dei giudici della Corte Costituzionale destinati a succedere ai due che hanno completato il mandato, solleva gravi interrogativi”.

“Non so se tutti i partecipanti alle votazioni in corso abbiano chiara, in modo particolare, una importante questione su cui desidero richiamare la loro attenzione”, ha continuato il Presidente della Repubblica e Presidente del CSM. “Di recente, e specialmente nella discussione in Senato sul superamento del bicameralismo paritario, si è sollevato da varie parti politiche”, ha aggiunto il Capo dello Stato, “il tema di un elevamento dei quorum previsti dalla Costituzione del 1948 per l’elezione da parte dei parlamentari a determinati incarichi di rilevanza costituzionale”.

Giorgio Napolitano, a questo proposito, evidenzia che il ricorso a “quorum elevati per tali operazioni elettorali in Parlamento, implicano tassativamente convergenze sulle candidature e piena condivisione nell’espressione dei voti tra forze politiche diverse di maggioranza e minoranza”.

Tuttavia, fa presente ancora il Capo dello Stato, se prevalgono immotivate preclusioni da parte di forze politiche o singoli rappresentanti in Parlamento “o la settaria pretesa di considerare idonei solo i candidati della propria parte, il meccanismo si paralizza e lo stesso meccanismo di garanzia rappresentato dal sistema dei quorum qualificati si logora e può essere messo in discussione in senso opposto all’orientamento che ho prima richiamato”; vale a dire la scelta fatta finora, in prima lettura, al Senato di elevare ulteriormente i quorum necessari.

In conclusione, Il Presidente della Repubblica evidenzia: “si rifletta dunque bene anche su questo aspetto non secondario delle conseguenze del protrarsi di un complessivo nulla di fatto nelle votazioni in corso che innanzitutto impedisce l’insediamento del nuovo CSM”.

In sostanza, il ragionamento di Giorgio Napolitano è semplicissimo : come si può pensare seriamente di elevare ulteriormente i quorum previsti dalla Costituzione vigente, quando non si è nemmeno in grado di eleggere -con un quorum più basso- i membri mancanti da mesi della Consulta e di mettere in condizioni il nuovo CSM di sostituire quello il cui mandato è scaduto da tempo?

 

 

Moreno Morando

(17 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 novembre 2014
Parlamento in seduta comune | Resta in dubbio l'atteggiamento del Movimento 5 Stelle, al quale e' stato proposto di esprimere la candidatura per il Consiglio Superiore della Magistratura.

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2014
Parlamento in seduta comune | Gaffe clamorosa del Parlamento in seduta comune: ha mandato al Consiglio Superiore della Magistratura Teresa Bene che non ha i requisiti.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2014
Parlamento in seduta comune | Si tratta di Silvana Sciarra, per la Corte Costituzionale ed Alessio Zaccaria per il Csm. Niente quorum per Stefania Bariatti.

 
 
Condividi la notizia

18 ottobre 2014
Corte Costituzionale | Si tratta di Daria De Pretis e Nicolo' Zanon, nominati in sostituzione di Sabino Cassese e Giuseppe Tesauro. Prosegue invece lo stallo del Parlamento in seduta comune.

 
 
Condividi la notizia

22 ottobre 2014
Parlamento in seduta comune | Il Premier-segretario propone ai pentastellati di avanzare una proposta per il Csm e di votare per due "tecnici" alla Corte, ritenendo ormai superata la candidatura di Violante.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Parlamento in seduta comune | Il Capo dello Stato si e' visto costretto a scrivere ai Presidenti dei due rami del Parlamento affinche' siano nominati i 2 componenti della Consulta e gli 8 del CSM che ancora mancano.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2014
Parlamento in seduta comune | I candidati Violante (PD) e Catricala'(FI) non hanno raggiunto il quorum richiesto. Eletti tre membri (sugli otto mancanti) del CSM.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Gazzetta Ufficiale | È stato convocato il Parlamento in seduta comune per il giuramento e messaggio del neo eletto Presidente della Repubblica.

 
 
Condividi la notizia

12 novembre 2014
Corte Costituzionale | Magistrato di Cassazione, alla Corte Costituzionale dal 2008, e' stato eletto con 8 voti su 14 e restera' in carica fino al novembre del 2017.

 
 
Condividi la notizia

14 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Sulla Gazzetta Ufficiale n. 10 del 14 gennaio le dimissioni di Napolitano. Il Presidente del Senato Grasso assume le funzioni di Presidente della Repubblica. Convocato il Parlamento in seduta comune per le nuove elezioni il 29 gennaio ore 15:00.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
MEF | Le dichiarazioni del vice ministro all'Economia in relazione alla decisone della Consulta dell'11 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2018
Consulta | È incostituzionale il quinto comma dell’articolo 656 del Codice di procedura penale.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Previdenza | Pubblicata il provvedimento n. 125 del 25.6.2015 con le istruzioni operative sulle novità in materia di pensioni, ammortizzatori sociali e TFR di cui all'art. 1 del decreto legge 21 maggio 2015, n. 65.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2015
Fiscalità | L'art. 23 della Costituzione stabilisce che "nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge". L'esenzione dipende dall'Elenco Istat "frutto di discrezionalità dell'amministrazione che redige l'elenco..". Nell'articolo il testo integrale dell'ordinanza.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Concorso pubblico | I principi sanciti nella sentenza n. 7/2015.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.