Condividi la notizia

Jobs act

Durissimo scontro tra Renzi ed i sindacati sulla modifica dell'art. 18

Anche la minoranza interna del Partito Democratico sta affilando le armi per bloccare in Aula il progetto di Renzi, che ha gia' superato lo scoglio della Commissione.

Il via libera della Commissione Lavoro del Senato al jobs act, compreso l’emendamento che apre le porte alla modifica dell’art. 18 dello statuto dei lavoratori, ha dato fuoco alle polveri. Nella giornata di oggi non si contano le prese di posizione contrarie al progetto del Governo. Particolarmente attivo su questo fronte l’ex segretario PD Pierluigi Bersani; e con lui Cesare Damiano, Civati, Fassina ed altri.

L’attacco più pesante, tuttavia, è arrivato dal fronte sindacale. La leader della Cgil Susanna Camusso, parlando in occasione dell’inaugurazione della sede del sindacato a Milano, ha dichiarato: “mi sembra che il Presidente del Consiglio abbia troppo in mente il modello della Thatcher”. Ne dà notizia TMnews.

Susanna Camusso, fermamente contraria a qualunque modifica dell’art. 18, ha rilanciato una sfida al Presidente del Consiglio, precisando che: “l’idea è che lo Statuto dei Lavoratori si può riformare, ma perché tutti i lavoratori, qualunque sia il loro contratto, abbiano gli stessi diritti che hanno i lavoratori a tempo indeterminato.

In sostanza, Camusso ha evidenziato che il Governo sbaglia quando pensa che il tema più urgente in questo momento di grave difficoltà, sia la riforma del mercato del lavoro. Poco dopo si è fatto sentire anche il leader della Fiom-Cgil Landini -che ha incontrato Renzi qualche giorno fa a Palazzo Chigi- annunciando l’opportunità di anticipare lo sciopero, previsto per il 25 ottobre, al 18 dello stesso mese.

Passa qualche ora ed arriva la replica pesantissima di Matteo Renzi. Non si era mai visto e sentito, in Italia, il leader della Sinistra di Governo attaccare in modo così duro e plateale il sindacato, ed in particolare la Cgil. Il Premier ha optato per un video postato su YouTube, preparato alla perfezione in ogni dettaglio.

Il Presidente del Consiglio e segretario del PD ha ribattuto con durezza a tutte le accuse lanciate da Susanna Camusso, sottolineando in particolare le responsabilità del sindacato “per aver contribuito all’espandersi del precariato”, preoccupandosi soltanto dei diritti di una parte dei lavoratori .

Il video dura circa due minuti e mezzo e l’attacco al ruolo svolto dal sindacato in questi anni, ed in particolare della Cgil, è duro ed incessante. “Noi pensiamo ai precari”, ha dichiarato Renzi, “voi dove eravate?”. Il Premier ha poi aggiunto: “noi vogliamo un mercato del lavoro in cui ci sono cittadini tutti uguali. Vogliamo un mercato del lavoro giusto, vogliamo delle regole sul diritto del lavoro giuste. Deve finire l’ingiustizia tra chi il lavoro ce l’ha e chi il lavoro non ce l’ha, tra chi ce l’ha a tempo indeterminato e chi è precario. Voi avete pensato solo alle ideologie".

In sostanza, Renzi non sembra affatto preoccupato che si ricompattino tutti i fronti contrari al suo progetto di riforma del mercato del lavoro, compresa la minoranza interna del suo partito. E’ quindi possibile che si cominci a pensare ad una sorta di sostegno da parte di Forza Italia, che -ricordiamolo- si è già astenuta in Commissione, agevolando il via libera del jobs act ed il suo approdo in Aula in tempi così ravvicinati.

Quanto al durissimo intervento di Renzi, di cui abbiamo riferito, si segnala la reazione del segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni, che ha evidenziato come il Premier “metta tutti i sindacati sullo stesso piano, per opportunismo politico, così come (Renzi) confonde il ruolo dei sindacati rispetto a quello dei governi nazionali e locali, che sono stati i diretti responsabili della diffusione del precariato nel nostro Paese”.

 

 

 

Moreno Morando

(19 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 marzo 2015
Riforma Lavoro | In vigore i primi due decreti attuativi del Jobs Act. Il d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015 ambedue in attuazione della legge n.183/2014

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo ha dato il via libera a quattro provvedimenti, che comprendono anche i controlli a distanza e lo stop alle dimissioni in bianco.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Mercato del lavoro | Presso la Commissione lavoro della Camera dei deputati sono stati presentati i dati emersi dal sistema informativo Excelsior su gestione dei servizi per il mercato del lavoro nonché sul ruolo ed attività degli operatori.

 
 
Condividi la notizia

7 settembre 2015
Lavoro | Nel convegno si è precisato che il pacchetto di riforme adottate dal Governo Renzi è applicato a tutti gli ambiti del mercato.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Jobs act | Ha l'obiettivo di informare sulle principali novità normative introdotte dai decreti legislativi di attuazione della delega in materia di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Appuntamenti politici | Si partira' con una nuova votazione per la Consulta e per il Csm, poi iniziera' l'esame del jobs act; mentre PD, sindacato e centrodestra appaiono piu' che mai divisi.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
Rilevazioni ISTAT | Il Ministero del Lavoro pubblica dati statistici e relazioni nella propria "Nota Flash".

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Lavoro | Le novità contenute nei decreti legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri n. 51 del 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Due provvedimenti sono stati adottati in via definitiva; gli altri quattro "in esame preliminare'.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Lavoro autonomo | Per il Dipartimento delle Finanze, la tendenza degli effetti derivanti dalle nuove forme contrattuali sembra favorire la costituzione di rapporti di lavoro dipendente.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Mercato del Lavoro | Presentando il programma dei "mille giorni" il Premier ha elogiato la Germania, in particolare sul mercato del Lavoro.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2015
Istat | Presentate congiuntamente le informazioni più recenti sulla domanda da parte delle imprese e quelle sulla offerta degli individui.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Riforme | Con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, l'Assemblea ha approvato in via definitiva il disegno di legge rinnovando la fiducia al Governo.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2014
Lavoro 2.0 | Il modello digitale di sviluppo per l'economia futura portando l'esempio del settore editoria.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2015
Riforma del Lavoro | Celebrati dal Ministro del Lavoro i primi quindici anni della Facoltà di Economia di Roma dell'Università Cattolica.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.