Condividi la notizia

Il Premier risponde alle critiche

Renzi: "mi interessa solo ridurre la disoccupazione"

Da Detroit, dove ha incassato il sostegno di Sergio Marchionne, si é chiesto "se il reintegro é un obbligo costituzionale, per quale motivo non vale per tutti?"

“Molti nemici molto onore”, è una frase ripresa e rivisitata da Benito Mussolini; ma scommetto che a Renzi piacerebbe di più l’accostamento con l’autore del testo originale, quel “tanti nemici tanto onore” che Giulio Cesare scrisse nel “De Bello Gallico”, riferendosi alle fasi precedenti la battaglia, poi vinta, contro le forze preponderanti dei galli di Vercingetorige.

E che il nostro Capo del Governo,  di nemici, ne abbia parecchi non c’è proprio dubbio. Lasciamo stare le opposizioni parlamentari  (M5S, Lega, Sel e Fratelli d’Italia), che fanno solo il loro dovere; ma ai problemi con la minoranza del partito sulla questione del Jobs act, si è aggiunta ieri anche l’uscita inaspettata del segretario della CEI, il vescovo Galantino, che -sulla situazione complessiva del Paese- ha perentoriamente affermato: “basta slogan, ora bisogna ridisegnare l’agenda”.

Naturalmente, non si può parlare proprio di “nemici”, soprattutto nel caso delle frasi del segretario della Conferenza Episcopale Italiana. Tuttavia, se parliamo di Della Valle, il patron della Tod’s, il termine non è del tutto fuori luogo, tale è il livore crescente che l’imprenditore proprietario della Fiorentina dimostra nei confronti del Presidente del Consiglio, di cui fino a pochi mesi fa si dimostrava un grande sostenitore.

“Renzi non può parlare di lavoro, perché non ha mai lavorato”,  ha affermato Della Valle. Affermazione in verità un po’ strana, perché una buona parte dei leader politici italiani, ancora adesso, non hanno mai svolto una vera e propria professione, nel senso che intende ”mister Tod’s”. Peraltro, la stessa cosa avrebbe potuto dire anche di Clemente Mastella, che fino a pochi anni fa -ora non ci è dato sapere- era un suo buonissimo amico, tanto da ospitarlo spesso sul suo yacht. “Colmo dei colmi”, oltretutto, Il suo amico Mastella ha rivestito anche la carica di Ministro del Lavoro!

Matteo Renzi, comunque, non sembra affatto impressionato da questa specie di fuoco di sbarramento, aumentato considerevolmente dopo la sua partenza per gli Stati Uniti, secondo una bizzarra usanza della politica italiana, che in passato ha interessato sia Berlusconi, poi Prodi, Monti ed anche Enrico Letta.

Nella sua ultima giornata della visita negli Stati Uniti, Matteo Renzi ha visitato gli  stabilimenti della Fiat-Chrysler e nella conferenza stampa congiunta, a Detroit, con l’amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne, ha parlato a lungo della situazione politica italiana. Sulle dichiarazioni di Mons. Galantino si è limitato ad un diplomatico “io rispetto tutte le opinioni”.

Quanto ai rapporti con la minoranza interna del PD, ha escluso spaccature sulla riforma del mercato del lavoro, “non vedo questo rischio”, ha affermato. “Ci attrezzeremo nelle prossime ore a presentare un progetto organico, non di un solo articolo, ma del mondo del lavoro per i prossimi 20 anni”.

Il Premier ha quindi aggiunto: “non sono interessato alla discussione sulle correnti politiche, ma a ridurre la disoccupazione”. Tuttavia, parlando dell’art. 18 non ha rinunciato a tenere fermo il punto principale del suo progetto: “se il reintegro è un obbligo costituzionale (ndr : sono affermazioni di esponenti sindacali e della minoranza PD) perché c’è per quelle aziende sopra i 15 dipendenti e non per tutti? Se è una scelta politica, è la scelta migliore per il sistema italiano?”.

Il Presidente del Consiglio ha continuato sullo stesso tema chiedendosi “è una scelta che assicura la riduzione della disoccupazione? E’ una scelta che garantisce i diritti? Perché qualcuno ha diritti di serie A -se sta in un’azienda di 15 dipendenti- e di serie B se i dipendenti sono 14?”.

Il Premier ha evidenziato che lunedì, in Direzione PD, verrà proposto un sistema organico, collegato con la Legge di Stabilità, per il semplice fatto che “c’è necessità di mettere dei denari su alcuni istituti, in particolar modo su quelli legati agli ammortizzatori sociali”, riferendosi, evidentemente, alle eccezioni sollevate sotto questo profilo da esponenti della minoranza interna, come Stefano Fassina.

Infine, rispondendo ad una domanda sul modello statunitense in materia di lavoro, ha precisato che non esiste un sistema valido per tutti i Paesi. “Loro hanno una disoccupazione al 6,1%, rispetto al nostro 12,6%; ma non farei cambio con il sistema americano di welfare”.

In sostanza, Matteo Renzi procede sempre più convinto sulla strada tracciata, per nulla impressionato dalle critiche che gli piovono addosso, sempre più numerose, anche dalle grandi testate giornalistiche nazionali, come quelle pesantissime di Ferruccio De Bortoli sul corsera, di cui abbiamo riferito.

Il passaggio più delicato per Renzi sarà l’esame dell’Aula, perché nella Direzione del partito dispone di una maggioranza schiacciante. Staremo a vedere se avrà bisogno di chiedere il sostegno di Berlusconi o se, al contrario, riuscirà a ricompattare il partito e a tenere unita la maggioranza di Governo.

 

Moreno Morando

(27 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 marzo 2015
Riforma Lavoro | In vigore i primi due decreti attuativi del Jobs Act. Il d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015 ambedue in attuazione della legge n.183/2014

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Lavoro | Le novità contenute nei decreti legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri n. 51 del 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Due provvedimenti sono stati adottati in via definitiva; gli altri quattro "in esame preliminare'.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Lavoro autonomo | Per il Dipartimento delle Finanze, la tendenza degli effetti derivanti dalle nuove forme contrattuali sembra favorire la costituzione di rapporti di lavoro dipendente.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Riforme | Con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, l'Assemblea ha approvato in via definitiva il disegno di legge rinnovando la fiducia al Governo.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2015
Riforma del Lavoro | Celebrati dal Ministro del Lavoro i primi quindici anni della Facoltà di Economia di Roma dell'Università Cattolica.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Welfare | Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.80 attua la delega prevista dalla Legge n.183/2014.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo ha dato il via libera a quattro provvedimenti, che comprendono anche i controlli a distanza e lo stop alle dimissioni in bianco.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicati nella G.U. n. 221 del 23 settembre, Suppl. Ord. n. 53, i Decreti Legislativi approvati dal Governo nella riunione del 4 settembre scorso.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2015
riforma del lavoro | Intervento del Ministero del Lavoro sul decreto semplificazioni del Jobs Act.

 
 
Condividi la notizia

21 giugno 2014
Lavoro | I ricorrenti sostengono che il "decreto Poletti" violerebbe il diritto comunitario abolendo l'obbligo di indicare la causale nelle proroghe dei contratti a termine

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2015
Ministero del Lavoro | Con una nota del 18 giugno il Dicastero ha risposto alle contestazioni di parte politica e sindacale a seguito dei provvedimenti del CdM.

 
 
Condividi la notizia

7 settembre 2015
Lavoro | Nel convegno si è precisato che il pacchetto di riforme adottate dal Governo Renzi è applicato a tutti gli ambiti del mercato.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2016
Consiglio dei Ministri | Lavoro accessorio con tracciabilità dei Voucher, contratti di solidarietà, dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, queste ed altre le modifiche approvate in via preliminare.

 
 
Condividi la notizia

20 settembre 2014
Jobs act | Nel mirino D'Alema e Bersani. Con un messaggio agli iscritti, il Premier ha attaccato pesantemente chi vuole tornare ad uno scontro ideologico.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.