Condividi la notizia

Il Premier a Rai 3

Renzi spara "ad alzo zero" sulla vecchia sinistra, il sindacato ed i "poteri forti"

Intervistato da Fabio Fazio, Il Presidente del Consiglio ha ribadito fermamente la sua linea su tutti gli argomenti in discussione.

Cgil, Cisl e Uil decideranno insieme, dopo un po’ di tempo, le prossime mosse; e lo faranno proprio qualche ora prima della Direzione del Partito Democratico, che si annuncia infuocata per lo scontro in atto sulla riforma del mercato del lavoro. Un tempo questi segnali avrebbero preoccupato i leader politici oggetto di tutto questo fuoco di sbarramento. Ma Matteo Renzi non si fa mettere nell’angolo, almeno stando alle sue immediate reazioni.

Intervistato da Fabio Fazio su Rai 3 è tornato sul tema oggetto dello scontro frontale che caratterizza il dibattito politico di queste settimane. “Quando hai un disoccupato”, ha dichiarato il Premier, “non devi fare una battaglia ideologica sull’art. 18 ma devi fare in modo che trovi un lavoro. L’unica azienda al di sopra dei 15 dipendenti che non ha l’art. 18 sa quale è?”, ha chiesto Renzi a Fazio. “E’ il sindacato, che poi ci viene a fare la lezione!”

Il Presidente del Consiglio ha preannunciato che il Governo intende riscrivere le regole del mercato del lavoro per i prossimi 30 anni, superando l’articolo 18, ma anche tutte le forme contrattuali che hanno creato il precariato, ormai tanto diffuso. Il Premier ritiene sbagliato mettere nelle mani dei giudici la decisione “sulla sorte dei lavoratori nelle aziende”.

Secondo Renzi “un imprenditore deve poter decidere di lasciare a casa un dipendente, ma poi lo Stato deve prendersi in carco il lavoratore”; a questo proposito ha evidenziato  che “un miliardo e mezzo” è la cifra da mettere sugli ammortizzatori nella legge di stabilità. Il Presidente del Consiglio e leader del PD ha anche precisato: “potremmo mettere il tfr mensilmente in busta paga. E’ complicato, ma se trovassimo il modo di dare liquidità alle piccole e medie imprese” si potrebbe pensare ad una soluzione di questo genere.

Pesantissimo l’affondo di Matteo Renzi contro una Sinistra che ha definito da “museo delle cere”, affezionata alla memoria, ma secondo Renzi “la memoria senza speranze” è vecchia e superata. “La mediazione non si fa tra maggioranza e minoranza del PD, ma con i lavoratori. Devo trovare una risposta che aiuti i lavoratori a uscire dalla crisi. Conservare le regole attuali non è la soluzione”.

Sui c.d. “poteri forti”, ha detto di non aver aver alcun timore “temo solo i pensieri deboli”, ed in giro ha detto di vederne molti. “Possono mandarmi a casa domani mattina, ma non pensino di telecomandarmi come una marionetta”.

Infine, il Premier ha confermato il suo impegno a portare avanti le riforme istituzionali e la legge elettorale: “bisogna fare veloci, le regole si scrivono insieme”; e quanto a Berlusconi, ha affermato con tono perentorio che “FI non può non può girarci intorno. O Berlusconi ci sta o non si va da nessuna parte”. Si è poi impegnato sui diritti civili, confermando che la “civil partnership” alla tedesca e lo “ius soli” sono due interventi “da realizzare”.

 

Moreno Morando

(29 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 settembre 2014
Jobs Act | L'ordine del giorno proposto dal segretario ha ottenuto l'86% dei consensi. Adesso la parola passa ai gruppi parlamentari, dove sara' tutta un'altra storia.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2014
Jobs act | La materia del contendere riguarda in primo luogo l'obbligo, o meno, per il datore di lavoro di procedere al reintegro del lavoratore licenziato.

 
 
Condividi la notizia

7 marzo 2015
Riforma Lavoro | In vigore i primi due decreti attuativi del Jobs Act. Il d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015 ambedue in attuazione della legge n.183/2014

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Lavoro | Le novità contenute nei decreti legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri n. 51 del 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Due provvedimenti sono stati adottati in via definitiva; gli altri quattro "in esame preliminare'.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Lavoro autonomo | Per il Dipartimento delle Finanze, la tendenza degli effetti derivanti dalle nuove forme contrattuali sembra favorire la costituzione di rapporti di lavoro dipendente.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Riforme | Con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, l'Assemblea ha approvato in via definitiva il disegno di legge rinnovando la fiducia al Governo.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2014
Confronto sul Jobs act | Probabilmente sara' presentato un maxiemendamento al ddl sulla riforma del lavoro, che dovrebbe recepire alcune delle modifiche approvate in direzione PD, ma senza impegni specifici sul reintegro.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2014
Il punto sulla giornata politica | In un videomessaggio il Premier ha voluto sottolineare il senso vero del suo viaggio nei luoghi che, piu' di ogni altro al mondo, rappresentano il "Futuro".

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2015
Riforma del Lavoro | Celebrati dal Ministro del Lavoro i primi quindici anni della Facoltà di Economia di Roma dell'Università Cattolica.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Welfare | Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.80 attua la delega prevista dalla Legge n.183/2014.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo ha dato il via libera a quattro provvedimenti, che comprendono anche i controlli a distanza e lo stop alle dimissioni in bianco.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicati nella G.U. n. 221 del 23 settembre, Suppl. Ord. n. 53, i Decreti Legislativi approvati dal Governo nella riunione del 4 settembre scorso.

 
 
Condividi la notizia

25 settembre 2014
Jobs act | Mentre in Italia la minoranza PD presenta emendamenti per modificare la proposta, il Premier dagli Stati Uniti tira dritto per la sua strada.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2015
riforma del lavoro | Intervento del Ministero del Lavoro sul decreto semplificazioni del Jobs Act.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.