Condividi la notizia

Ministero dell'Interno

Anagrafe, la circolare sulla migrazione ed allineamento delle banche dati dei Comuni

La circolare n. 1/2015 suii contenuti del nuovo regolamento, che disciplina le fasi e le modalità di subentro dell'ANPR all'INA, all'AIRE e alle anagrafi comunali, nonché le modalità di funzionamento della nuova base dati.

Il Ministero dell'Interno,nDipartimento per gli Affari Interni e territoriali ha emanato la circolare m. 1/2015 avente ad oggetto "Pubblicazione del d.P.C.M. 10 novembre 2014, n. 194 (Regolamento recante modalità di attuazione e di funzionamento dell'Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) e di definizione del piano per il graduale subentro dell'ANPR alle anagrafi della popolazione residente)".

Nella circolare viene precisato che con d.P.C.M. 10 novembre 2014, n.194, è stato adottato, in attuazione delle disposizioni istitutive dell'anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR), di cui all'articolo 62 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale), il regolamento recante modalità di attuazione e di funzionamento dell'Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) e di definizione del piano per il graduale subentro dell'ANPR alle anagrafi della popolazione residente. 
 
Il provvedimento fa seguito al primo regolamento di attuazione, adottato con il d.P.C.M. 23 agosto 2013, n. 109, in relazione al quale sono state diramate le circolari n. 19/2013 e n. 23/2013. 
 
Di seguito si illustrano i contenuti del nuovo regolamento, che disciplina le fasi e le modalità di subentro dell'ANPR all'INA, all'AIRE e alle anagrafi comunali, nonché le modalità di funzionamento della nuova base dati. 
 
L'articolo 1 e l'Allegato A disciplinano il piano per il graduale subentro dell'ANPR alle anagrafi comunali (APR e AIRE), in relazione al quale saranno stabiliti —sulla base di criteri di distribuzione geografica, dimensione demografica, livelli di informatizzazione, uniformità dei sistemi informativi — l'ordine della progressiva migrazione nell'ANPR delle banche dati anagrafiche. 
 
Tale migrazione sarà preceduta dal popolamento iniziale dell'ANPR con i dati dei sistemi informativi INA e AIRE, nel corso del quale si procederà alla validazione dei dati che contribuiscono alla determinazione del codice fiscale (cognome e nome; sesso; luogo e data di nascita), previo confronto con l'anagrafe tributaria. 
 
In tale fase, prevista per il secondo semestre del 2015, i comuni che riceveranno le segnalazioni di eventuali anomalie dovranno rimuoverle, utilizzando le proprie applicazioni, e provvedere ad un nuovo invio dei dati, con le modalità attualmente previste nell'ambito dei sistemi INA ed AIRE. 
 
Terminata tale fase preliminare ciascun comune procederà —sulla base del sopracitato piano, che sarà pubblicato sul sito istituzionale di questa Direzione Centrale con congruo anticipo — alla migrazione nell'ANPR delle proprie banche dati anagrafiche. 
 
I dati anagrafici inviati dai comuni saranno sottoposti a controlli formali e di qualità, sulla base di standard e indicatori definiti d'intesa con l'Istituto nazionale di statistica (Istat), sentito il Garante per la protezione dei dati personali. 
 
Qualora a seguito di tali controlli siano rilevate anomalie ed incongruenze, l'ANPR provvederà a segnalarle al comune mediante un apposito messaggio affinché questi provveda celermente alla relativa risoluzione attraverso le funzionalità dell'ANPR. 
 
Completata la fase di migrazione gli adempimenti anagrafici dovranno essere effettuati dai comuni mediante l'utilizzo dell'ANPR che, con appositi servizi, renderà disponibili ai comuni stessi i dati necessari all'allineamento delle banche dati eventualmente conservate dagli stessi per l'espletamento delle funzioni di competenza. 
 
L'articolo 2 prevede che nell'ANPR siano contenuti i dati del cittadino, della famiglia anagrafica e della convivenza anagrafica,i dati dei cittadini italiani residenti all'estero nonchè il domicilio digitale. I relativi campi sono elencati nell'Allegato B unitamente a quelli necessari per l'allineamento delle basi dati dei comuni per lo svolgimento delle funzioni di competenza. 
 
È, inoltre, previsto che il sistema provveda alla conservazione delle variazioni anagrafiche, dei dati relativi alle situazioni anagrafiche pregresse e, in una distinta sezione, delle schede anagrafiche relative alle persone cancellate. L'articolo 3 rinvia all'Allegato C per la descrizione delle misure di sicurezza finalizzate a garantire l'integrità e la riservatezza dei dati scambiati e conservati, la sicurezza degli accessi ai servizi ed il tracciamento delle operazioni effettuate. 
 
Con specifico riguardo alle procedure di accesso all'ANPR, lo stesso Allegato C prevede per i comuni l'alternativa, sulla base delle proprie scelte operative, tra due modalità: 
 
- nella modalità web service (WS) il comune sarà tenuto a modificare il proprio sistema gestionale — secondo le specifiche che saranno pubblicate sul sito istituzionale di questa Direzione Centrale —e ad utilizzare i meccanismi propri della WS Security (certificato di postazione, pre-registrazione degli utenti e dei profili di accesso, firma dei messaggi); 
 
- nella modalità sito web di ANPR, che non comporta modifiche del sistema gestionale, il comune utilizzerà una smart card nominativa ed un certificato di postazione,che saranno distribuiti in prossimità della migrazione. 
 
La titolarità del trattamento dei dati è attribuita al Ministero dell'interno sotto i profili della conservazione, della comunicazione nonché dell'adozione delle relative misure di sicurezza, ed al sindaco, nell'esercizio delle funzioni di ufficiale di Governo, limitatamente alla registrazione dei dati. La responsabilità del trattamento è attestata in capo alla Società generale di informatica S.p.A., incaricata della realizzazione del progetto. 
 
I servizi resi disponibili dall'ANPR ai comuni, previsti nell'articolo 4 e descritti nell'Allegato D, sono i seguenti: -servizi di registrazione, che consentono di effettuare le operazioni di iscrizione, mutazione e cancellazione; - servizi di consultazione ed estrazione, che consentono di interrogare l'ANPR per campi o combinazioni di campi, per tipo di operazione e per intervalli temporali e di estrarre i dati di competenza; - servizi di certificazione, che rendono disponibili al comune i dati necessari per il rilascio di certificazioni anagrafiche anche in modalità telematica. 
 
Per la verifica dello stato delle operazioni nonché per l'allineamento delle banche dati tenute dai comuni,sono anche previsti servizi e funzionalità accessorie, tra i quali, in particolare, la notifica dell'esito delle operazioni effettuate e degli eventi di competenza. L'articolo 5 ed il citato Allegato D descrivono altresì i servizi resi disponibili dall'ANPR alle pubbliche amministrazioni, quali consultazione ed estrazione, comunicazione dati e variazioni anagrafiche, nonché servizi accessori. 
 
È, inoltre, richiamata la possibilità del comune di consentire alle pubbliche amministrazioni la fruizione dei dati dell'ANPR relativi alla popolazione residente nel proprio territorio mediante la stipula di apposite convenzioni, previa verifica dei presupposti e delle condizioni di accesso da parte del sindaco. È altresì previsto che i dati dell'ANPR siano resi disponibili all'Istat, ai fini della produzione delle statistiche ufficiali sulla popolazione. 
 
Il diritto del cittadino di accedere ai propri dati personali registrati nell'ANPR, presso gli uffici anagrafici, ovvero consolari, anche tramite sito web dell'ANPR, è disciplinato nell'articolo 6, che richiama anche gli altri diritti di cui all'articolo 7 del decreto legislativo n. 196, del 2003. 
 

La Direzione

(12 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 aprile 2015
Enti Locali | Con la Circolare 5/15, il Viminale offre ai Comuni ogni supporto per far fronte alle anomalie connesse alla realizzazione della ANPR.

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2016
Viminale | Uno strumento di orientamento all’interno del complesso “contenitore” legislativo del decreto-legge 30 dicembre 2015 n. 210.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicato in Gazzetta il Decreto 29 settembre 2015 del Ministero dell'Interno. Negli Allegati gli elenchi dei comuni e gli importi.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2015
Comuni | In Gazzetta Ufficiale pubblicato il decreto del Ministero dell'Interno

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2017
Occupazione | Domande entro il 1 giugno. I vincitori saranno inquadrati nel profilo professionale di funzionario amministrativo, Area funzionale terza, posizione economica F1.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2015
Fiscalità Enti locali | È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 28.10.2015 il decreto del Ministero dell'Interno del 22 ottobre 2015 sull'attribuzione per gettiti standard ed effettivi.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2015
Ministero dell'Interno | La circolare del Viminale fornisce chiarimenti ed indicazioni in ordine alle modifiche normative introdotte in materia.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2015
Ministero dell'Interno | Approfonditi i vantaggi derivanti dai risparmi teorici in caso di accorpamento dei comuni di minore dimensione demografica.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2017
Viminale | Gli obiettivi, le priorità, le risorse, dell'attività dell'amministrazione dell'Interno nell'atto di indirizzo emanato dal ministro dell'Interno Marco Minniti

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
Ministero dell'Interno | Presentati al Forum P.A. due progetti per innovare e fare rete

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2016
Fiscalità | Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 92 del 20.4.2016 il decreto del Ministero dell'Interno.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2014
Agenzia per l'Italia Digitale | Crescita delle imprese e diffusione di competenze digitali fra i cittadini. Anagrafe unica per la popolazione residente che entrerà in esercizio a marzo 2016. Razionalizzazione e l’interoperabilità dei sistemi informativi di tutti i comuni italiani.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2015
Gazzetta Ufficiale | La Legge di stabilità 2015 ha istituito, nello stato di previsione del Ministero dell'Interno, un apposito fondo.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Fiscalità locale | Termine 20 luglio 2015 per richiedere in base al decreto del Ministero dell'Interno l'anticipazione di liquidità per l'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Ministero della Giustizia | Solo 1000 comuni hanno attivato la procedura. Rinviato il termine per dare modo ai restanti comuni di procedere alla comunicazione telematica.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.