Condividi la notizia

Informativa prefettizia antimafia

Processi in corso o pregresse condanne non sono presupposti indefettibili del tentativo d'infiltrazione

I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 27 febbraio 2015.

La vicenda approfondita dal Consiglio di Stato riguarda la revoca operata dal Comune di Casagiovese dell'aggiudicazione di una gara pubblica a favore di una impresa con riaggiudicazione alla seconda classificata.

Tale revoca veniva adottata dall'Ente Locale in virtù di informativa interdittiva della Prefettura di Cosenza recante la sussistenza di tentativi di infiltrazione mafiosa a carico della società. 

Nella sentenza del 27 febbraio 2015 la Terza Sezione del Consiglio ha rigettato il ricorso proposto dalla società ed a tal fine ha dapprima ricostruito il quadro normativo (l'art. 4 Dlgs n. 490/1994 e l’art. 10 del d.P.R. n. 252/1998) per poi enunciare una serie di principi interessati in materia di informativa prefettizia.

In particolare, dall’esame della normativa il Consiglio di Stato rileva come risulta evidente che processi in corso, o pregresse condanne o la trascorsa applicazione di misure di sicurezza non sono presupposti indefettibili per individuare situazioni esposte al tentativo di infiltrazione mafiosa nei confronti dell’impresa, dal momento che l’art. 4 del d.lgs n. 490/1994 prevede come presupposto solo gli accertamenti svolti dal prefetto competente e l’art. 10 del d.P.R. n. 252/1998 attribuisce a tali accertamenti in alternativa lo stesso peso di quelli derivanti da condanne, procedimenti penali in corso o misure di sicurezza.

Sottolinea poi il Collegio l'irrilevanza dei soli legami parentali a dare conto del tentativo di infiltrazione in assenza di ulteriori elementi quali la frequentazione e la evidente solidarietà di comportamenti. Tuttavia viene ribadito che la normativa della cui applicazione si tratta - e segnatamente l’art. 10 del d.P.R. n. 252/1998 che specifica in dettaglio diversi presupposti - non richiede necessariamente che gli elementi da cui si deduce il “pericolo” di infiltrazione mafiosa consistano in procedimenti di carattere giurisdizionale o in misure di sicurezza adottate nei confronti degli interessati. Pertanto, l’assenza di tali elementi non è significativa, se, oltre ai rapporti familiari con persone riconducibili al fenomeno mafioso, concorrono altri elementi a comporre un sufficiente quadro indiziario del pericolo di permeabilità mafiosa.

Da ultimo precisa il Consiglio di Stato che l’art. 10 del d.P.R. n. 252/1998 nel punto 9.1., prevede, tra l’altro, al comma 8, che, anche sulla documentata richiesta dell'interessato, la Prefettura aggiorna l'esito delle informazioni al venir meno delle circostanze rilevanti ai fini dell'accertamento dei tentativi di infiltrazione mafiosa. E’ pertanto questa la strada che l’interessato deve seguire per far valere eventuali aspetti della sua vicenda o fatti sopravvenuti che in questa sede non siano emersi con sufficiente evidenza per essere rilevabili dal giudice amministrativo.

Per acquisire gratuitamente al sentenza richiederla via mail a info@gazzettaamministrativa.it.

Enrico Michetti

La Direzione

(1 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Appalti pubblici | Nessuna irrilevanza della sentenza penale sopraggiunta anche a notevole distanza di tempo dai fatti accertati. La sentenza del Consiglio di Stato sul caso Banda della Magliana.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2014
Lotta alla criminalità | Il Consiglio di Stato estende anche agli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria la possibilità di richiedere l'interdittiva antimafia.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2015
Infiltrazioni criminali | L'attualità dei rapporti criminali non può escludersi dalla risalenza dei fatti accertati in sede penale. La sentenza del Consiglio di Stato n. 3653/2015.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Imprese e infiltrazione mafiosa | Ricostruzione dell'istituto ed ampia casistica nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 3 maggio 2016 n. 17343.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Nessun rapporto di automatismo tra un legame familiare, sia pure tra stretti congiunti, ed il condizionamento dell'impresa nei principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza n. 3310 del 3 luglio 2015.

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2015
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 17 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Attività imprenditoriali | Il Consiglio di Stato si pronuncia su una interdittiva che aveva permesso ad un Comune di dichiarare inefficace una S.c.i.a. per l'apertura di una sala giochi.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2015
Consiglio di Stato | Il rapporto di stretta collaborazione tra la società e la realtà politica locale compromessa con la camorra nella sentenza del 9.12.2015 n. 5606.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Riforma | C'è tanto da riscrivere a partire dal nome di battesimo. "I tempi stretti di redazione hanno comportato inevitabili refusi, incoerenze e difetti". I punti principali del parere 1 aprile 2016, n. 855.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2015
Giustizia amministrativa | Tempi duri per gli avvocati prolissi. In Gazzetta Ufficiale pubblicato il decreto che fissa le dimensioni dei ricorsi e degli altri atti difensivi.

 
 
Condividi la notizia

24 giugno 2015
A.N.AC. | Il Presidente dell'A.N.AC. evidenzia l'obbligo di integrare l'annotazione dell'adozione dell'interdittiva antimafia con quella del commissariamento.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Gare pubbliche | Il Consiglio di Stato assimila le concessioni agli appalti.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.