Condividi la notizia

Giustizia amministrativa

Interdittiva antimafia, non basta la sola parentela con personaggi legati a clan camorristici

Nessun rapporto di automatismo tra un legame familiare, sia pure tra stretti congiunti, ed il condizionamento dell'impresa nei principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza n. 3310 del 3 luglio 2015.

Siamo a Casal dei Principi (CE) ed un allevatore si vede recapitare una richiesta del Commissario straordinario per l’emergenza brucellosi di restituzione di somme già liquidate a titolo di indennizzi relativi agli abbattimenti di capi bufalini infetti nonchè il diniego dell’erogazione degli ulteriori indennizzi e ciò sulla base dell'informativa della Prefettura di Caserta di accertamento delle cause interdittive di cui all’art. 4 del d.lgs. 8 agosto 1994, n. 490.

L'elemento che ha fatto scattare il provvedimento - confermato in primo grado dal TAR - è la convivenza dell'allevatore con la sorella sposata con un personaggio che "annovera numerosissimi controlli di polizia con personaggi affiliati al clan camorristico dei casalesi”. Di qui l’emersione del pericolo di infiltrazione mafiosa con valenza condizionante delle scelte e degli indirizzi della ditta del ricorrente.

La Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 3.7.2015 n. 3310 ha accolto il ricorso proposto dall'allenatore ritenendo insufficiente il quadro istruttorio posto a sostegno della misura di rigore in quanto il provvedimento del Prefetto "anche se espressione di un’ ampia sfera di discrezionalità quanto all’elevazione della soglia di prevenzione dei fenomeni di condizionamento criminale di attività economiche finanziate con risorse economiche dello Stato o di altri organismi pubblici – deve, in ogni caso, delineare un sufficiente quadro che renda significativo, anche se su un piano i solo indiziario, il pericolo di condizionamento e di infiltrazione mafiosa".

Relativamente alla convivenza, il Collegio ha ritenuto significativa la circostanza che l'allevatore ha documentato la sua limitata durata temporale (circa tre mesi) e la cessazione della convivenza stessa in data antecedente a quella di adozione della misura interiettiva, venendo quindi meno la comunanza di vita quale condizione agevolativa del condizionamento mafioso, evidenziando al contempo come la stessa relazione dei Carabinieri non attribuiva al periodo di convivenza valore significativo.

Con riguardo alla rilevanza del rapporto di parentela (nella specie di affinità) con soggetti che si affermano appartenenti o in rapporto di contiguità con la criminalità organizzata, agli effetti dell’inibitoria della costituzione di rapporti contrattuali e di sovvenzioni da parte di enti che utilizzano risorse pubbliche, il Consiglio di Stato ha ribadito la prevalente giurisprudenza a tenore della quale il mero rapporto di parentela, in assenza di ulteriori elementi, non è di per sé idoneo a dare conto del tentativo di infiltrazione. 

Non può, infatti, configurarsi un rapporto di automatismo tra un legame familiare, sia pure tra stretti congiunti, ed il condizionamento dell'impresa, che deponga nel senso di un'attività sintomaticamente connessa a logiche e ad interessi malavitosi.

Conclude il Consiglio di Stato che l'attendibilità dell'interferenza dipende anche da una serie di circostanze ed ulteriori elementi indiziari che qualifichino, su un piano di attualità ed effettività, una immanente situazione di condizionamento e di contiguità con interessi malavitosi. 

Per maggiori informazioni scarica gratuitamente la sentenza

Enrico Michetti

La Direzione

(6 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Appalti pubblici | Nessuna irrilevanza della sentenza penale sopraggiunta anche a notevole distanza di tempo dai fatti accertati. La sentenza del Consiglio di Stato sul caso Banda della Magliana.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2015
Infiltrazioni criminali | L'attualità dei rapporti criminali non può escludersi dalla risalenza dei fatti accertati in sede penale. La sentenza del Consiglio di Stato n. 3653/2015.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Imprese e infiltrazione mafiosa | Ricostruzione dell'istituto ed ampia casistica nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 3 maggio 2016 n. 17343.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2015
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 17 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2015
Consiglio di Stato | Il rapporto di stretta collaborazione tra la società e la realtà politica locale compromessa con la camorra nella sentenza del 9.12.2015 n. 5606.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Attività imprenditoriali | Il Consiglio di Stato si pronuncia su una interdittiva che aveva permesso ad un Comune di dichiarare inefficace una S.c.i.a. per l'apertura di una sala giochi.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2015
Informativa prefettizia antimafia | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 27 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.