Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Interdittiva antimafia: il rischio di condizionamento mafioso nei rapporti di colleganza

Il rapporto di stretta collaborazione tra la società e la realtà politica locale compromessa con la camorra nella sentenza del 9.12.2015 n. 5606.

La Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 9.12.2015 n. 5606 ha confermato la legittimità della sentenza del TAR campano che ha rigettato il ricorso proposto da una società contro il provvedimento interdittivo emesso dalla Prefettura di Caserta, e il conseguente Decreto con il quale il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Provveditorato Interregionale per le OO.PP. Campania e Molise – Sede Centrale di Napoli – Stazione Unica Appaltante Ente delegato dal Comune di Quarto, ha proceduto alla revoca dell’aggiudicazione definitiva di un appalto per i lavori di riqualificazione ed ampliamento del secondo tratto di via Seitolla nel predetto Comune di Quarto (NA).

La sentenza impugnata ha, in particolare, sottolineato i seguenti aspetti, posti a fondamento dell’informativa, e cioè: 

1. il rinvio a giudizio della moglie di uno degli amministratori della società in un processo penale per reati di scambio elettorale politico-mafioso, di cui si sarebbe avvantaggiato l'allora sindaco di Casal di Principe; 

2. l’attivismo, dovuto alla comune militanza politica, e il sostegno dei due amministratori all’attività del sindaco, anche durante la campagna elettorale;

3. il contesto di tale rapporto di appoggio e collaborazione tra i due amministratori e il sindaco, dapprima rimosso dalla carica per vicende legate alla raccolta dei rifiuti e, successivamente, tratto in arresto per reati di stampo mafioso.

 Il T.A.R. campano ha ravvisato il pericolo di una prossimità dell’impresa con le organizzazioni criminali di stampo camorristico, per la intensità dei rapporti a vario titolo intercorsi tra gli imprenditori e il sindaco colluso con la camorra, rapporti che, almeno in un caso, hanno dato adito a misure di custodia cautelare e al rinvio a giudizio per vicende penali collegate all’attività di un’organizzazione di stampo mafioso.

Il Consiglio di Stato ha fatto proprie le motivazioni del giudice di prime cure, rigettando l'appello.

In particolare, il Collegio ha evidenziato come appaia chiaro il rapporto di colleganza, non solo politica, e di collaborazione degli amministratori – l’uno organizzatore della campagna elettorale del 2007 e l’altro eletto consigliere nella consiliatura che ha visto quale sindaco – con un contesto politico locale, facente capo all'ex sindaco di Casal di Principe, fortemente compromesso dalla camorra, tanto da avere determinato l’arresto di quest’ultimo, nel 2011, per legami con la camorra stessa.

Il rapporto di stretta collaborazione della Società con tale realtà politica locale, indiscutibilmente compromessa con la camorra, rapporto confermato anche dalla personale frequentazione di essi con l’ex sindaco poi arrestato - ad avviso del Collegio - "è un elemento tutt’altro che impalpabile e inidoneo a giustificare la valutazione al rischio di condizionamento mafioso, poiché al contrario dimostra, in modo non equivoco, che i due amministratori, proprio per lo stretto collegamento con tale realtà, hanno avuto un profondo e costante rapporto di collaborazione e di cointeressenza con un soggetto riconducibile, in sostanza, ad una realtà criminale di stampo mafioso potente e pervasiva, capace di infiltrarsi tanto facilmente, per i più vari motivi di convenienza e/o connivenza personale, tanto nella vita politica dell’ente locale quanto, altrettanto facilmente, anche nelle dinamiche economiche delle imprese, con conseguente rischio, logico e ragionevole, di condizionamento mafioso dell’odierna società appellante".

Fonte: Consiglio di Stato

Enrico Michetti

La Direzione

(10 dicembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 luglio 2015
Infiltrazioni criminali | L'attualità dei rapporti criminali non può escludersi dalla risalenza dei fatti accertati in sede penale. La sentenza del Consiglio di Stato n. 3653/2015.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Imprese e infiltrazione mafiosa | Ricostruzione dell'istituto ed ampia casistica nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 3 maggio 2016 n. 17343.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Appalti pubblici | Nessuna irrilevanza della sentenza penale sopraggiunta anche a notevole distanza di tempo dai fatti accertati. La sentenza del Consiglio di Stato sul caso Banda della Magliana.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Nessun rapporto di automatismo tra un legame familiare, sia pure tra stretti congiunti, ed il condizionamento dell'impresa nei principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza n. 3310 del 3 luglio 2015.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2014
Lotta alla criminalità | Il Consiglio di Stato estende anche agli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria la possibilità di richiedere l'interdittiva antimafia.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2015
Soccorso istruttorio | Il Consiglio di Stato guarda alla sostanza. La sentenza del 27.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Il mancato rispetto degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse definitivamente accertato impedisce la partecipazione alla procedura d'appalto.

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2015
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 17 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2015
Informativa prefettizia antimafia | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 27 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Riforma | C'è tanto da riscrivere a partire dal nome di battesimo. "I tempi stretti di redazione hanno comportato inevitabili refusi, incoerenze e difetti". I punti principali del parere 1 aprile 2016, n. 855.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2015
Giustizia amministrativa | Tempi duri per gli avvocati prolissi. In Gazzetta Ufficiale pubblicato il decreto che fissa le dimensioni dei ricorsi e degli altri atti difensivi.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Interdittiva antimafia | Il Consiglio di Stato precisa che la partecipazione alla cerimonia di commiato per la morte di un mafioso è un indizio che di per sé non è sufficiente a giustificare un'accusa di vicinanza ad un clan mafioso.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Gare pubbliche | Il Consiglio di Stato assimila le concessioni agli appalti.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Gare | La custodia tra una seduta e l'altra, l'individuazione del luogo, del responsabile e delle misure di conservazione nella sentenza della Terza Sezione del 23.7.2015 n. 3649.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.