Condividi la notizia

edilizia

Permesso di costruire: annullamento solo con adeguata motivazione se é decorso un lungo lasso di tempo dal rilascio

I principi sanciti dal TAR Lazio, Roma II Quater, sentenza del 18.3.2015, n. 4312.

L’art 21 nonies della legge n. 241 del 1990 ha codificato il principio, già affermato da risalente giurisprudenza, per cui un provvedimento amministrativo illegittimo può essere annullato d'ufficio, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati. 

Si tratta, quindi, dell’esercizio di un potere ampiamente discrezionale, rispetto al quale l’amministrazione è tenuta a motivare sulle ragioni di interesse pubblico alla rimozione dell’atto, ciò in particolare quando sia trascorso un lungo lasso temporale dalla sua adozione, come nel caso di specie. 

Posto quanto sopra, il TAR Lazio, Sezione II quater nella sentenza del 18 marzo 2015, n. 4312  ha evidenziato come nella vicenda attenzionata il provvedimento impugnato ha considerato quale unico presupposto la illegittimità del provvedimento annullato, senza alcuna valutazione né del tempo, particolarmente lungo trascorso, né dell’interesse pubblico attuale all’esercizio dell’autotutela e all’affidamento del privato. 

La giurisprudenza è, infatti, costante nel ritenere che il provvedimento di autotutela debba essere adeguatamente motivato con riferimento alla sussistenza di un interesse pubblico concreto ed attuale all'annullamento nonché alla valutazione comparativa dell'interesse dei destinatari al mantenimento delle posizioni e dell'affidamento insorto in capo ai medesimi (Consiglio di Stato n. 2468 del 2014; n.2567 del 2012). 

Non ignora, peraltro, il Collegio che un orientamento giurisprudenziale diffuso ritiene che l’ annullamento d'ufficio di un titolo edilizio non necessiti di una espressa e specifica motivazione sul pubblico interesse, configurandosi questo nell'interesse della collettività al rispetto della disciplina urbanistica (Consiglio di Stato n. 562 del 2015; n. 4982 del 2011; n. 7342 del 2010). 

Nel caso di specie, precisa il giudice amministrativo, si tratta della revoca in via di autotutela di un permesso di costruire rilasciato nel 2009, a conclusione di un procedimento di condono iniziato più di venti anni prima, nel corso del quale l’amministrazione avrebbe dovuto e potuto valutare la affermata difformità delle circostanze di fatto rispetto a quanto dichiarato in sede di domanda di condono, trattandosi di circostanze rilevanti proprio ai fini della positiva conclusione della domanda di condono e facendo l’amministrazione riferimento a foto relative ad anni precedenti al rilascio del permesso di costruire.

 Una volta rilasciato il permesso di costruire dopo ventitre anni dall’avvio del procedimento di condono, le esigenze di tutela dell’affidamento e di certezza dei rapporti giuridici sottese alla norma di cui all’art 21 nonies della legge n. 241 del 1990 devono essere considerate in caso di annullamento di tale permesso.

Il provvedimento impugnato, invece, non contiene alcuna valutazione dell’interesse pubblico concreto ed attuale alla rimozione del provvedimento illegittimo.

Né contiene, anche ai fini della censura di difetto di istruttoria, alcun riferimento ad un eventuale esame condotto circa l’effettiva data di realizzazione delle opere, basandosi solo sulle risultanze delle fotografie, senza tenere conto che anche lo stato dei luoghi, capannoni di un piano fuori terra in area con folta vegetazione, poteva rendere di difficile lettura le foto aeree. 

Inoltre, lo stesso provvedimento impugnato considera le varie opere abusive oggetto delle domande di sanatoria presentate nel 1986, affermando che dalle fotografie, “alcuni fabbricati non erano presenti o non erano delle dimensioni riportate negli elaborati progettuali”. E’ evidente dunque, conclude il TAR , il difetto di istruttoria e di motivazione anche in relazione a tale profilo di difformità totale o parziale rispetto alle domande di sanatoria e al successivo iter procedimentale.

Sotto tali profili il TAR ha accolto il ricorso con annullamento del provvedimento illegittimamente adottato dal Comune.

Per acquisire il testo della sentenza richiederla via mail a info@gazzettaamministrativa.it

Enrico Michetti

La Direzione

(18 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

4 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I tre diversi orientamenti giurisprudenziali nella sentenza del TAR Molise del 4.5.2015, n. 181.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Corte di Cassazione | Il principio ribadito dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 19683 del 3.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2015
Edilizia | L'Amministrazione in presenza di una denuncia di inizio attività illegittima può intervenire, dopo il termine di 30 giorni dall'inizio della realizzazione delle opere o 60 dalla presentazione della denuncia, solo con l'annullamento d'ufficio.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Giustizia amministrativa | I nuovi strumenti di rilevamento non sono sufficienti per la decadenza dal permesso di costruire. La sentenza del TAR Campania del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Consiglio di Stato | Pensiline o tettoie appoggiate sull'edificio che ne modificano la sagoma e il prospetto sono abusive senza il permesso di costruire. Legittimo l’ordine di demolizione che ne disponga la rimozione.

 
 
Condividi la notizia

23 agosto 2014
Pubblica Amministrazione | Tanto più intenso deve essere l'impegno nella motivazione del provvedimento di annullamento quanto maggiore e' l'arco temporale trascorso dall'adozione dell'atto da annullare.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Giustizia amministrativa | E' necessario il permesso di costruire nella sentenza del Consiglio di Stato del 4.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

21 marzo 2016
Processo amministrativo | La differenza in caso di apertura di Centri commerciali nei principi sanciti dalla Sesta Sezione nella sentenza del 21.3.2016 n. 1156.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
Consiglio di Stato | Non basta la reiterazione della presenza del manufatto di anno in anno nella sola buona stagione. La sentenza del Consiglio di Stato del 1 dicembre 2014.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2015
Edilizia | Per la sentenza del TAR Napoli del 17.4.2015 n. 2197 si decide caso per caso.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
edilizia | Da 8000 tipi di moduli a uno solo valido per tutto il territorio nazionale che potrà essere adeguato alle specificità della normativa regionale.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Consiglio di Stato | I principi sanciti dalla sentenza del 16 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2017
Permesso di costruire | Il Consiglio di Stato si pronuncia con sentenza del 25 settembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Edilizia | I principi sanciti dalla Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 7 agosto 2015 n. 3898.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Sanatoria e abitabilità | Non basta l'accertamento dei soli requisiti igienico-sanitari. I principi sanciti dal TAR Campania nella sentenza del 2.4.2015.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.