Condividi la notizia

TAR BASILICATA

Annullamento del permesso di costruire e "legge Madia"

Sull'ammissibilitá del superamento del termine di 18 mesi.

Un Comune lucano nel giugno 2015 rilasciava un permesso di costruire per la edificazione di un fabbricato per civile abitazione. A seguito di invito all’autotutela di un confinante l’Ufficio tecnico comunale, dopo aver tempestivamente disposto la sospensione dei lavori di edificazione, annullava (appunto in via di autotutela) il permesso a costruire con atto del maggio 2017. Il provvedimento era motivato in considerazione del fatto che al momento del suo rilascio, lo stato di fatto e di diritto del terreno interessato dal costruendo fabbricato non corrispondeva a quello rappresentato in planimetria dal tecnico di parte e con la richiesta di rilascio del permesso di costruire, contravvenendo alle vigenti disposizioni normative del Piano Regolatore Generale e del Regolamento Edilizio sulle distanze dai confini e tra i fronti.

Il privato, destinatario del provvedimento di annullamento, insorgeva deducendo in primo luogo che l’atto sarebbe intervenuto oltre il limite temporale di 18 mesi previsto dall’art. 21-nonies, comma 1, della L. n. 241/1990.

Il TAR della Basilicata respingeva il ricorso con sentenza 5 novembre 2018 n. 725.

Preliminarmente, il Collegio ha chiarito che l’art. 21-nonies, comma 1, della L. 7 agosto 1990 n. 241, modificato dall’art. 6, comma 1, lett. d), n. 1), della L. 7 agosto 2015 n. 124 (c.d. “legge Madia”), è applicabile anche ai provvedimenti di primo grado adottati anteriormente al 28 agosto 2015, data di entrata in vigore della riforma recata dalla legge da ultimo citata, con l’avvertenza che in tali casi il termine massimo di diciotto mesi per l’esercizio dell’autotutela comincia a decorrere dalla predetta data, con scadenza, dunque, il 28 febbraio 2017.

Il TAR, inoltre, ha sancito che il comma 2-bis dell’art. 21-nonies cit. debba essere interpretato nel senso di consentire il superamento del termine di diciotto mesi, oltre che nel caso in cui vi sia stata una falsa attestazione inerente i presupposti per il rilascio del provvedimento ampliativo (occorrendo all’uopo un accertamento definitivo in sede penale), anche qualora l’erroneità dei ridetti presupposti risulti comunque non imputabile (neanche a titolo di colpa concorrente) all’Amministrazione, ed imputabile, per contro, esclusivamente alla malafede o alla negligenza della parte.

In tal caso, non essendo ragionevole pretendere dall’incolpevole Amministrazione il rispetto di una stringente tempistica nella gestione della iniziativa rimotiva (non dovuta ad un ripensamento o ad errori dell’apparato), si deve esclusivamente far capo al canone di ragionevolezza per apprezzare e gestire la confliggente correlazione tra gli opposti interessi in gioco, fermo restando che la scorretta rappresentazione delle circostanze in fatto e in diritto da parte del privato esclude o comunque attenua fortemente la configurabilità, in suo favore, di una posizione di affidamento legittimo.

Ciò premesso, il provvedimento in contestazione non è stato qualificato “tardivo” in quanto:

– ricorreva il presupposto dell’erronea rappresentazione da parte dell’istante di una rilevante circostanza in diritto (la situazione dominicale dell’area su cui insiste l’attività edificatoria);

– rilevava non una falsa dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 (per la quale il superamento del termine dei diciotto mesi esige il previo giudicato penale di condanna), ma una scorretta rappresentazione dovuta quantomeno a negligenza della parte a fronte della quale, per le anzidette ragioni, l’esercizio dell’autotutela ultra diem deve ritenersi possibile a prescindere dalla pregiudiziale penale, in funzione dell’ordinato svolgimento dell’attività edificatoria e del rispetto dei canoni di lealtà, di clare loqui e di responsabilità che devono ispirare le relazioni tra i privati e l’Amministrazione;

– tale circostanza espone il privato ricorrente alle conseguenze della negligenza che gli è imputabile e, per converso, non può ridondare a pregiudizio dell’Amministrazione comunale che ha subito incolpevolmente la menomazione di alcune delle sue prerogative di controllo sulla corretta formazione del titolo edilizio;

– l’autotutela si è estrinsecata in coerenza con il canone di ragionevolezza, in quanto l’Amministrazione, una volta acquisito il fumus della possibile irregolarità (in data 13 giugno 2016), ha immediatamente avviato i necessari approfondimenti in contraddittorio con la ricorrente (il successivo giorno 20), adottando l’atto di annullamento in autotutela il 23 maggio 2017, a meno di tre mesi dalla scadenza del termine dei diciotto mesi;

– l’annullamento è stato giustificato dalla necessità di assicurare il rispetto delle “vigenti disposizioni normative del Piano Regolatore Generale e del Regolamento Edilizio sulle distanze dai confini e tra i fronti”, concretamente vulnerate dalla localizzazione del manufatto su terreno parzialmente condominiale, che hanno dato chiara evidenza agli interessi pubblici sottesi all’autotutela;

– in ottica di contemperamento delle posizioni contrapposte, è stato da un lato escluso il consolidamento in capo al ricorrente di un qualsivoglia affidamento legittimo meritevole di tutela, dall’altro è stato apprezzato come il tempo di reale efficacia del permesso a costruire si è comunque ridotto in concreto ad un anno, considerato che l’attività edificatoria è stata sospesa previa con tempestiva ordinanza comunale.

 

Mattia Murra

(14 novembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 aprile 2014
Consiglio di Stato | Pensiline o tettoie appoggiate sull'edificio che ne modificano la sagoma e il prospetto sono abusive senza il permesso di costruire. Legittimo l’ordine di demolizione che ne disponga la rimozione.

 
 
Condividi la notizia

23 agosto 2014
Pubblica Amministrazione | Tanto più intenso deve essere l'impegno nella motivazione del provvedimento di annullamento quanto maggiore e' l'arco temporale trascorso dall'adozione dell'atto da annullare.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2015
edilizia | I principi sanciti dal TAR Lazio, Roma II Quater, sentenza del 18.3.2015, n. 4312.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Corte di Cassazione | Il principio ribadito dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 19683 del 3.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2018
TAR LIGURIA | Per i giudici amministrativi si ravvisa un'ingerenza nel potere riservato al dirigente.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2018
TAR BRESCIA | Ribaditi quali sono gli oneri di verifica in capo al Comune in presenza di contestazioni sulla proprietà dell'area.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2018
Procedimenti di secondo livello | Interessante decisione del Consiglio di Stato su un tema dibattuto.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Giustizia | Il decorso di un notevole periodo di tempo non impedisce sempre ed in ogni caso l'esercizio del potere di autotutela. L'art. 21 nonies della Legge n. 241/90 nella sentenza del TAR Basilicata del 22 luglio 2015 n. 442.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
edilizia | Da 8000 tipi di moduli a uno solo valido per tutto il territorio nazionale che potrà essere adeguato alle specificità della normativa regionale.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Giustizia amministrativa | E' necessario il permesso di costruire nella sentenza del Consiglio di Stato del 4.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I tre diversi orientamenti giurisprudenziali nella sentenza del TAR Molise del 4.5.2015, n. 181.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2018
Consiglio di Stato | Un caso particolare di titolo edilizio formatosi per silentium.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2018
TAR CALABRIA | Il richiedente aveva trasformato i cornicioni condominiali in balconi ad uso esclusivo.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2015
Edilizia | L'Amministrazione in presenza di una denuncia di inizio attività illegittima può intervenire, dopo il termine di 30 giorni dall'inizio della realizzazione delle opere o 60 dalla presentazione della denuncia, solo con l'annullamento d'ufficio.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.