Condividi la notizia

TAR BRESCIA

Rilascio di un permesso di costruire in violazione dei diritti altrui

Ribaditi quali sono gli oneri di verifica in capo al Comune in presenza di contestazioni sulla proprietà dell'area.

Una ditta che gestiva un campeggio impugnava dinanzi al TAR Brescia il permesso di costruire nella parte in cui era stata concessa ad una società controinteressata la costruzione (a seguito di richiesta di variante) di un muro e di un cancello che interesserebbero, inglobandola, un’area di circa dieci metri quadrati di proprietà della ricorrente stessa.

L’area di proprietà della esponente, che sarebbe stata “invasa” qualora la società titolare del permesso avesse proceduto all’esecuzione dei lavori assentiti, riguardava lo slargo posto all’ingresso del campeggio ed utilizzato per manovra e passaggio degli autoveicoli.

Secondo la ricorrente (che assumeva la violazione dell’art. 11, comma 1, del D.P.R. 380 del 2001, che testualmente sancisce: “Il permesso di costruire è rilasciato al proprietario dell’immobile o a chi abbia titolo per richiederlo”) il Comune non solo avrebbe potuto, ma avrebbe dovuto, quanto meno sospendere i lavori per ciò che attiene la costruzione riguardante l’area di sua proprietà, per poi provvedere all’annullamento del titolo in parte qua.

L’Amministrazione comunale, ancorché ritualmente intimata, non si costituiva in giudizio e quindi evitava di difendersi, mentre resisteva la controinteressata.

Il perimetro cognitivo dell’instaurato giudizio concerneva esclusivamente la verifica di legittimità dell’esercizio del potere sostanziatosi nel rilascio del contestato titolo ad aedificadum in favore della parte controinteressata, riguardando, in particolare, la legittima adozione di un permesso di costruire pur in presenza della rappresentata contestazione della titolarità dominicale di parte dell’area sulla quale il titolo edificatorio era destinato ad incidere.

Il collegio lombardo ricordava, innanzitutto alcuni principi fondamentali in materia:

a) in base all’art. 11, comma 1, del T.U. edilizia di cui al D.P.R. 380 del 2001, il permesso di costruire è rilasciato al proprietario dell’immobile o a chi abbia titolo per richiederlo e, quindi, la legittimazione attiva a chiedere il rilascio di un titolo abilitativo edilizio si configura in capo non solo al proprietario del terreno, ma pure al soggetto titolare di altro diritto di godimento del fondo, che lo autorizzi a disporne al riguardo;

b) vi è il contestuale onere della P.A. di accertare, con serietà e rigore, siffatta legittimazione a chiedere il titolo edilizio, dovendo pertanto la P.A. verificare che l’istante sia il proprietario dell’immobile oggetto dell’intervento costruttivo o che, comunque, ne abbia un titolo di disponibilità sufficiente per eseguire l’attività edificatoria;

c) non si sono mai posti dubbi in ordine ai limiti legali, i quali, trovando applicazione generalizzata, concorrono a formare lo statuto generale dell’attività edilizia e non pongono problemi di conoscibilità all’amministrazione che è tenuta a considerarli sempre; diversamente, per le limitazioni negoziali del diritto di costruire, la giurisprudenza in passato ha oscillato fra la soluzione che ne esclude ogni rilevanza, nel presupposto che all’amministrazione sia inibito qualsiasi sindacato anche indiretto sulla validità ed efficacia dei rapporti giuridici dei privati, e quella opposta che, invece, ammette che il Comune verifichi il rispetto dei limiti privatistici, purché siano immediatamente conoscibili, effettivamente e legittimamente conosciuti nonché del tutto incontestati, di guisa che il controllo si traduca in una semplice presa d’atto;

d) la più recente giurisprudenza del Consiglio di Stato, superando l’indirizzo più risalente, è oggi allineata nel senso che l’Amministrazione, quando venga a conoscenza dell’esistenza di contestazioni sul diritto del richiedente il titolo abilitativo, debba compiere le necessarie indagini istruttorie per verificare la fondatezza delle contestazioni, senza però sostituirsi a valutazioni squisitamente civilistiche (che appartengono alla competenza dell’A.G.O.), arrestandosi dal procedere solo se il richiedente non sia in grado di fornire elementi prima facie attendibili.

Facendo applicazione dei menzionati principi al caso di specie, secondo il TAR è evidente che il Comune resistente ha omesso anche il minimo controllo sulla legittimazione dei richiedenti la concessione edilizia a disporre, in virtù di un titolo (legale, giudiziale ovvero negoziale), dell’intera area: compresa la porzione oggetto di formale e circostanziata opposizione all’intervento costruttivo manifestata in sede procedimentale dalla parte ricorrente.

Entro tali limiti, dunque, con sentenza n. 924 del 28 settembre 2018, il ricorso è stato accolto.

 

Rodolfo Murra

(2 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 febbraio 2018
TAR Lombardia | I giudici milanesi affrontano il tema della "precarietà" dell'opera edilizia.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2018
Consiglio di Stato | Un caso particolare di titolo edilizio formatosi per silentium.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2018
TAR CALABRIA | Il richiedente aveva trasformato i cornicioni condominiali in balconi ad uso esclusivo.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2018
Permesso di costruire | Il TAR Salerno chiarisce i limiti della legittimazione ad agire.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2015
Edilizia | Per la sentenza del TAR Napoli del 17.4.2015 n. 2197 si decide caso per caso.

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I tre diversi orientamenti giurisprudenziali nella sentenza del TAR Molise del 4.5.2015, n. 181.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2015
edilizia | I principi sanciti dal TAR Lazio, Roma II Quater, sentenza del 18.3.2015, n. 4312.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2018
TAR PUGLIA | La richiesta di rilascio di un titolo edilizio non può essere messa .... sotto naftalina.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2018
TAR LIGURIA | Per i giudici amministrativi si ravvisa un'ingerenza nel potere riservato al dirigente.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Giustizia amministrativa | I nuovi strumenti di rilevamento non sono sufficienti per la decadenza dal permesso di costruire. La sentenza del TAR Campania del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2018
Abusi edilizi | Il Tar del Lazio si sofferma sulla natura di questo genere di atto.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Consiglio di Stato | Pensiline o tettoie appoggiate sull'edificio che ne modificano la sagoma e il prospetto sono abusive senza il permesso di costruire. Legittimo l’ordine di demolizione che ne disponga la rimozione.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.