Condividi la notizia

Politiche Sociali

Nuovo ISEE: i dati del primo semestre

Il Dicastero del Lavoro ha fatto il punto sul nuovo indicatore: dichiarazioni più veritiere sono sinonimo di maggiore equità nell'accesso alle prestazioni.

Con un Comunicato del 28 ottobre, pubblicato sul sito istituzionale, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fatto il punto sul tema dell’ISEE.

Politiche Sociali, nuovo Isee.

I dati del primo semestre confermano che per due terzi della popolazione interessata il nuovo indicatore è più favorevole o uguale al vecchio, al netto di redditi e patrimoni precedentemente non dichiarati; le dichiarazioni con patrimonio nullo passano da quasi il 75% a meno del 20%.

Il 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo ISEE. Molte sono state le innovazioni, sia dal punto di vista procedurale che delle regole di calcolo.

Nel primo semestre sono oltre 2 milioni i nuclei familiari che hanno presentato una Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) a fini ISEE. È un patrimonio informativo che permette di consolidare le conoscenze rispetto agli effetti delle nuove regole.

I dati di monitoraggio, che aggiornano quelli già pubblicati sul primo trimestre, sono stati sinteticamente illustrati nel Comunicato del Dicastero (vedi testo integrale in calce).

Nei primi sei mesi del 2015 la "popolazione ISEE" è già il 10% di quella complessiva.

Innanzitutto, il Ministero del Lavoro conferma la buona capacità del sistema ISEE di assorbimento delle nuove procedure, ricordando che, accanto a un ISEE profondamente riformato, è cambiato anche il modo in cui si richiede l'indicatore.

Non più sulla base di informazioni tutte autocertificate, ma con la "post-compilazione" della dichiarazione da parte di INPS mediante rilevazione automatica delle informazioni nei propri archivi e in quelli dell'Agenzia delle entrate.

Allo stesso tempo sono stati rafforzati i controlli, in particolare sui conti correnti e sul patrimonio mobiliare in generale.

A fronte di tali importanti novità, proseguono le tendenze già osservate nel primo trimestre: i tempi di rilascio dell'attestazione sono sempre più rapidi – ormai si è stabilmente intorno ai quattro giorni, cioè meno di un terzo di quanto previsto dal regolamento ISEE – e gli "errori" nella compilazione sono sempre meno frequenti, tanto da ridursi a giugno a percentuali fisiologiche.

La percentuale di popolazione coperta da dichiarazione ISEE a livello nazionale è pari nel primo semestre al 10,1%, passando da poco meno del 9% nel Centro-Nord a più del 13% nel Mezzogiorno.

Rispetto al passato, la distribuzione territoriale della "popolazione ISEE" è molto più omogenea: il Mezzogiorno resta l'area dove si presentano più dichiarazioni, ma la distanza con il resto del paese si è ridotta, osservandosi sostanzialmente solo in queste regioni un calo di DSU.

In realtà, sembra venir meno un'anomalia osservata gli anni scorsi, quando all'elevato numero di DSU presentate in tali territori non corrispondeva un altrettanto elevato livello di prestazioni erogate attraverso l'ISEE.

Per quasi due terzi della popolazione il nuovo Isee è più favorevole o indifferente rispetto al vecchio; per il terzo per cui è meno favorevole pesano i valori patrimoniali – Le DSU con patrimonio mobiliare (conti correnti e libretti di deposito) nullo passano da quasi il 75% a meno del 20%.

Discorso a parte meritano i nuclei delle persone con disabilità. In questo caso le regole di calcolo dell'indicatore sono state molto modificate e appare opportuno un approfondimento.

A differenza che per la popolazione complessiva e per i nuclei con minorenni, nel caso delle persone con disabilità la distribuzione per classi di ISEE cambia moltissimo con una densità molto maggiore nelle classi più basse di ISEE e un incremento in quelle più alte.

In particolare, rilevantissimo è il numero di nuclei per i quali l'ISEE si azzera: passano da meno del 9% a più del 20%.

Inoltre, il primo quartile (il valore che separa il quarto più povero dal resto della popolazione) si riduce di oltre due terzi e la mediana si riduce di oltre l'11%.

Ma non solo la metà più povera della popolazione trova il nuovo modo di considerare la disabilità più vantaggioso: se si prescinde dalle variazioni della componente patrimoniale (di natura trasversale a tutti i gruppi di popolazione), per poco meno di tre quarti dei nuclei le nuove modalità di definizione dell'ISEE per le persone con disabilità sono più favorevoli (58,1%) o indifferenti (10,4%).

Per il Ministro Poletti i dati confermano le prime impressioni positive: dichiarazioni ISEE più veritiere sono sinonimo di maggiore equità nell'accesso alle prestazioni.

Per saperne di più:

vai al testo integrale del Comunicato 28.10.2015

vai al Monitoraggio del primo semestre

Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

 

Moreno Morando

(29 ottobre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

8 maggio 2015
Lavoro e Politiche Sociali | Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sull'applicazione del nuovo Indicatore della situazione economica equivalente.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2015
Prestazioni sociali | Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali interviene sull'applicazione del nuovo Indicatore della situazione economica equivalente.

 
 
Condividi la notizia

7 marzo 2016
Lavoro | Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali chiarisce la nuova procedura telematica operativa dal 12 marzo.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2016
Ammortizzatori sociali | Le indicazioni applicative nella circolare n. 2 del 11 luglio 2016 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicato il Decreto del 14 maggio scorso del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con Salute e Mef.

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2015
Associazionismo | Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali comunica che sono state attribuite le quote di contributo per l'annualità 2014 alle associazioni di volontariato ed Onlus.

 
 
Condividi la notizia

2 agosto 2015
Garante Privacy | L'Autorità ha espresso il suo parere su uno schema di decreto interministeriale elaborato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2015
Sostegno al reddito | Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la Circolare n. 30 del 9 novembre 2015, nella materia di cui al D.Lgs. n. 148 del 2015.

 
 
Condividi la notizia

12 gennaio 2018
INPS | Il 15 gennaio 2018 termina la validità delle Dichiarazioni Sostitutive Uniche presentate nel 2017.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2015
Occupazione | E' quanto emerge dal Rapporto Annuale sulle comunicazioni obbligatorie 2015.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Politiche sociali | Il Ministero del Lavoro ha pubblicato l'elenco n. 15 contenente le nuove erogazioni per i lavori socialmente utili.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2017
DECONTRIBUZIONE | L'agevolazione riguarda i contratti sottoscritti dal 1° gennaio 2017 al 31 agosto 2018, per i dettagli leggi l'articolo.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2017
Ministero del Lavoro | Le tappe storicamente più importanti ed i contenuti dei Trattati costitutivi della Comunità Economica Europea (CEE) e della Comunità europea dell'energia atomica (Euratom).

 
 
Condividi la notizia

27 gennaio 2015
Previdenza | Stipulata una convenzione tra Inps e Centri di assistenza fiscale per l'attività relativa alla certificazione ISEE per l'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Comune di Matera | Sono queste le due principali novità del sistema formativo dell’infanzia annunciate dall’assessore alle Politiche sociali Antonicelli.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.