Condividi la notizia

Giustizia

Concorsi per militari: esclusione legittima se si ha un carico penale pendente

Per il TAR Lazio non è illogico che l'Amministrazione limiti la platea dei concorrenti escludendo quelli che si trovano in una ambigua posizione giudiziaria.

Un caporal maggiore dell’Esercito italiano raffermato è stato escluso dal concorso relativo all’anno 2009 per l’immissione di 3392 unità nel ruolo dei volontari di truppa in servizio permanente (VSP) dell’Esercito perché risultava, nel certificato dei carichi pendenti rilasciato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore, un procedimento penale a suo carico.

Avverso tale esclusione è insorto giudizialmente dinanzi al Tar Lazio il militare affidando il ricorso ad una articolata censura, con la quale contesta la previsione del bando che prevede l’esclusione dal concorso del concorrente imputato di un fatto penale non colposo, pur in assenza di una condanna definitiva. 

Ciò sarebbe in contrasto con il comma 2° dell’art. 27 della Carta, in uno con la violazione dell’art. 6, paragrafi nn.2 e 3 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo e con l’art. 48 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Il Tar adito (Sezione I bis) ha dato torto al militare, con sentenza n. 11197 del 10 settembre 2015.

In primo luogo, il Collegio ha ricordato che il requisito in parola, costantemente riprodotto in tutti i bandi per l’arruolamento del personale militare, faceva, originariamente, riferimento all’abrogato art. 4 co. 1 lett. e) della legge n. 226/2004, che dettava i requisiti per il reclutamento dei volontari in ferma annuale, e dell’art. 11 co. 1 della medesima legge per i volontari in ferma quadriennale (che prevedeva, tra i requisiti generali per il reclutamento nelle Forze Armate, quello di non essere imputati in procedimenti penali per delitti non colposi): che costituisce appunto la disciplina di riferimento per il concorso oggetto del ricorso. 

Tale norma è stata abrogata e pedissequamente riprodotta nell’art. 635, co. 1, lett. g) del d.lvo n. 66/2010, per, poi, informare il bando di reclutamento contestato.

Ne consegue che, una volta riscontrata l’esistenza dello status di imputato in capo al ricorrente, l’Amministrazione era tenuta “in qualunque momento” a dichiarare la decadenza dalla ferma, ovvero, come nel caso di specie, ad escludere il candidato.

Non è, pertanto, né irragionevole, né illogico che la P.A., nella scelta preselettiva dei candidati, prediliga quanti risultino immuni, non solo da pregiudizi penali accertati in via definitiva, ma anche coloro che non risultano imputati, qualifica questa che si materializza nel momento conclusivo delle indagini, allorquando all’indagato è attribuito il reato e nelle altre ipotesi singolarmente previste (art. 60 c.p.p.).

Si tratta, cioè, di una posizione soggettiva qualificata da una significativa probabilità della commissione dell’addebito penale originariamente configurato. 

Allora non è illogico, né viola i principi di riferimento costituzionali, che l’Amministrazione, proprio per le delicate funzioni istituzionali demandate ai militari, limiti la platea dei concorrenti, indipendentemente dal fatto che gli stessi abbiano o avessero la qualifica militare, escludendo quelli che al momento del concorso e prima della definizione dello stesso si trovano in una ambigua posizione giudiziaria, già sommariamente scrutinata dall’autorità giudiziaria.

Il Tar ha rilevato che una diversa interpretazione (anche nella pregevole intenzione di una giustizia più aderente al caso concreto) verrebbe a trasformare il processo amministrativo, da giudizio sulla legittimità dell’atto a giudizio sul rapporto.

In tal modo, infatti, si finirebbe per snaturare il giudizio di legittimità sul provvedimento amministrativo, così come attualmente sanzionato dall’ordinamento giuridico, trasformando il giudice amministrativo in organo di amministrazione attiva, in cui l’impugnativa del provvedimento cambia natura e funzione costituendo un mero pretesto per stabilire l’esatta posizione giuridica del ricorrente, cui risulterebbero estranei e non più adeguati i termini decandenziali di reazione giudiziaria attualmente previsti.

Pertanto, l’individuazione dei requisiti soggettivi necessari per la partecipazione ad un concorso, anche con riferimento a quello relativo al reclutamento dei volontari in servizio permanente, riguarda il merito dell’azione amministrativa, censurabile dal giudice di legittimità solo per palese contraddizione, ovvero irrazionalità della scelta operata, ovvero, nel caso di previsioni ricavate, come nel caso di specie, dalla normativa primaria, affidando il relativo giudizio alla Corte Costituzionale, come anche richiesto dal ricorrente.

Sul punto il Collegio ha ritenuto che i principi che regolano le procedure concorsuali (cioè quelli di imparzialità, par condicio competitorum, trasparenza) vanno bilanciati e confrontati con i diversi principi, di eguale valore costituzionale, di eguaglianza sostanziale, ragionevolezza, buona amministrazione, tenendo conto che i presupposti di fatto e di diritto, alla base del potere amministrativo nel caso concreto esercitato, devono sussistere, e vanno perciò verificati, al momento di adozione del provvedimento.

Spetta quindi al solo legislatore intervenire nella questione con scelte politiche che, rimeditando l’attuale sistema di reclutamento, provveda secondo criteri più elastici ed asseritamente più adeguati all’attuale assetto sociale, come di recente è accaduto, ad esempio, in materia di altezza dei candidati. 

Rodolfo Murra

(14 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

10 gennaio 2019
TAR LAZIO | Il caso di un aspirante militare: per il TAR il concetto penalistico di imputato non può essere applicato in modo formalistico.

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2016
Ministero della Difesa | La domanda di partecipazione puo' essere presentata dal 7 novembre al 6 dicembre 2016 da coloro che hanno raggiunto il 18° anno di eta' e non hanno superato il giorno del compimento del 25° anno di eta'.

 
 
Condividi la notizia

24 gennaio 2016
Ministero della Difesa | Banditi concorsi per 140 posti nell'Esercito, 118 posti in Marina, 80 posti nell'Aeronautica, 50 posti nei Carabinieri. Scadenza 15 febbraio.

 
 
Condividi la notizia

6 dicembre 2015
Consiglio dei Ministri | Il Governo ha approvato lo schema di D.P.R. riguardante il regolamento in materia di requisiti per l'ammissione in attuazione della legge 12 gennaio 2015, n. 2.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2015
Ministero della Giustizia | Avviato il servizio per prenotare on line e ritirare il certificato presso 40 uffici.

 
 
Condividi la notizia

5 gennaio 2019
Miur | il bando, la scheda del concorso e tutte le informazioni utili all’inoltro della domanda.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2018
Offerte in gare d'appalto | Per il Tar Calabria la sentenza di applicazione della pena su richiesta è assimilata ad un accertamento di responsabilità.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Spese pazze | Si va dalle spese pazze per l'energia elettrica a quelle dei contratti per la telefonia mobile delle forze armate. Colpiti dalle lettere dei commissari non solo comuni e amministrazioni provinciali, ma anche ministeri e forze armate.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2014
Stipendi P.A. | Servono 800 milioni di euro per garantire la possibilità di aumenti degli stipendi di polizia e forze armate. L'accordo è vicino secondo i ministri Alfano e Pinotti. Confermato tuttavia lo sciopero del 23 settembre.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Fiscalità locale | La sentenza non definitiva del TAR Lazio del 4 agosto.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Concorsi pubblici | Ai tempi medi impiegati non può riconoscersi alcun decisivo rilievo inficiante il procedimento valutativo. La sentenza del TAR Lazio, Sez. I del 6 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

23 maggio 2015
Giustizia amministrativa | Ancora una esclusione dichiarata illegittima dal Consiglio di Stato nella sentenza del 20 maggio 2015.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2017
Magistratura amministrativa | Termine al 9 gennaio 2018 per la presentazione delle domande.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.