Condividi la notizia

corte di Cassazione

Quando il cliente attento che spulcia la parcella fa condannare penalmente l'avvocato

I principi sanciti nella sentenza n. 34887 del 16 agosto 2016

Integra "il reato di cui all'art. 640 cod. pen. la condotta di quell'avvocato che, inducendo in errore la propria cliente, mediante la redazione di una parcella in cui inserisce attività professionali mai svolte, si procuri l'ingiusto profitto del pagamento di competenze non spettanti, con pari danno per la persona offesa." 

È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 34887 del 16 agosto 2016 (Presidente Rotundo - udienza 9.9,2016) con la quale è stata confermata la condanna di un avvocato a quattro mesi di reclusione, 40 euro di multa ed euro 2.500,00 per il danno alla parte civile perché si faceva corrispondere da una cliente gli onorari per un'attività mai svolta (presentazione di denuncia querela alla Procura della Repubblica e ritiro della predetta denuncia).

Inutile è stato il tentativo dell'avvocato truffaldino di richiamare i precedenti giurisprudenziali a tenore dei quali non integra il reato di truffa la condotta dell'avvocato che si faccia dare un'anticipazione sugli onorari al momento dell'assunzione di un incarico giudiziale e che poi non dia inizio al contenzioso, ponendo in essere raggiri per tacitare la richiesta di informazioni sull'andamento della controversia e quindi per evitare la restituzione di quanto indebitamente percepito, dal momento che la condotta fraudolenta, perché ci sia il reato, deve essere già presente al momento della ricezione dell'ingiusto profitto.

La Suprema Corte ha confermato la condanna ritenendo inapplicabile tale principio di diritto alla vicenda in esame perchè qui non ci troviamo in presenza di un acconto richiesto al momento dell'assunzione di un incarico professionale che successivamente non veniva svolto, ma l'avvocato richiese ed ottenne dalla propria cliente il pagamento di una parcella nella quale veniva indicata un'attività professionale, che lo stesso non aveva mai svolta, riguardante il deposito in Procura di una denuncia, e del suo successivo ritiro.

Da ultimo la Cassazione ha rigettato anche la richiesta di applicazione della causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto prevista dall'art. 131 bis del codice penale evidenziando che la condotta dell'avvocato veniva realizzata nel contesto delicatissimo ed assai rilevante del rapporto fiduciario avvocato-cliente, risultando lesiva dell'affidamento della parte offesa e delle sue aspettative. Tale aspetto è da considerarsi ben più rilevante della eventuale esiguità degli importi lucrabili. 

Si é trattato di un'azione rimarchevole, grave ed intrinsecamente dotata di una carica di offensività penale palese, anche perché consumata nell'esercizio della professione forense a danno di un soggetto che con fiducia aveva chiesto aiuto legale ad un professionista del settore.

Enrico Michetti

La Direzione

(21 agosto 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | L'ordinanza della Suprema Corte n. 27276 del 4 luglio 2016 sull'applicazione dell'art. 131 bis del codice penale per tenuità del fatto.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | La sentenza sulla nuova causa di esclusione della punibilità per “particolare tenuità del fatto”.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2016
corte di cassazione | La sentenza della Sezione Seconda della Suprema Corte n. 20186/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Sesta Sezione della Suprema Corte n. 29618/2016.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2016
Deontologia forense | In caso di condotta protratta nel tempo il termine di prescrizione non decorre. I principi sanciti dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione nella sentenza n. 13379/2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2016
Corte di Cassazione | Il reato di truffa anche se non esiste l'obbligo di timbratura. I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale nella sentenza del 2 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2016
Spese legali | La corretta applicazione della voce “esame e studio” nella sentenza della Terza Sezine n. 1467 del 13.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Reati contro la P.A. | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2016
Corte di cassazione | I giudici affrontano la questione della corretta competenza territoriale e del momento consumativo. La sentenza n. 37400 dell’8 settembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza delle Sesta Sezione Penale del 20 febbraio 2017.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.