Condividi la notizia

Giustizia amministrativa

Elenco Istat delle Pubbliche Amministrazioni: la sentenza sulle modalità di aggiornamento

L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

Un Ente teatrale regionale ha impugnato la determinazione dell’Istat recante l’elenco delle Amministrazioni pubbliche inserite nel c.d. “conto consolidato” ai sensi del comma 3 dell’articolo 1 della L. 31 dicembre 2009 n. 196 nella parte in cui include(va) anche lo stesso Ente.

L’ambito giuridico da affrontare nella controversia era quindi relativo al “se” la richiamata previsione legislativa potesse essere interpretata (conformemente a quanto ritenuto dal giudice di primo grado) nel senso che il presunto effetto di “legificazione” e “cristallizzazione” – quand’anche sussistente – operi anche per gli anni successivi al 2010-2011 per effetto di una sorta di “trascinamento” normativo idoneo a sortire i propri effetti in modo diacronico.

Il Consiglio di Stato, Sesta Sezione, con  sentenza (non definitiva) n. 2643 del 28 maggio 2015 ha fornito risposta negativa al quesito, accogliendo in parte qua l’appello dell’Ente teatrale, sulla base delle seguenti argomentazioni:

1) è condivisibile la tesi dell’Ente appellante secondo cui la richiamata previsione legislativa non sembra poter sortire l’effetto di aver disposto una sorta di “legificazione a regime” degli elenchi annuali che l’Istituto di statistica avrebbe di tempo in tempo adottato per gli anni 2012 e successivi. E’ infatti opinabile se un tale effetto possa essere ricollegato all’espresso richiamo (contenuto al comma 2 del citato art. 1) degli elenchi relativi agli anni 2010 e 2011. Tuttavia, tale effetto non può persuasivamente essere postulato per quanto riguarda gli aggiornamenti annuali dell’anno 2012 e successivi (aggiornamenti che mantengono la loro valenza squisitamente amministrativa a prescindere dal richiamo – generico e comunque non tipizzante – che ne è stato fatto dal Legislatore del 2009);

2) è parimenti condivisibile l’argomento secondo cui l’espresso richiamo agli aggiornamenti annuali, non essendo idoneo ad incidere sulla valenza squisitamente amministrativa degli elenchi in questione comporta che l’assoggettamento alle disposizioni in tema di finanza pubblica è idoneo ad operare a condizione che l’inserimento nell’elenco vi sia stato e che sia stato legittimamente disposto. Il Consiglio di Stato con ciò ha significato che l’elenco in quanto tale permane intatto nella sua consistenza di atto amministrativo di cui può essere certamente censurata l’erroneità o l’illegittimità. E laddove tale illegittimità venga accertata in sede giudiziale, l’effetto sarà quello di comportare l’annullamento in parte qua dell’elenco e la sua inidoneità a fungere da parametro cui ancorare l’assoggettamento alle disposizioni in materia di finanza pubblica;

3) secondo i giudici di Palazzo Spada non appare persuasiva la tesi trasfusa nella sentenza di primo grado secondo la quale, pur dandosi atto del carattere “dinamico” del rinvio agli elenchi per l’anno 2012 e successivi, il Legislatore avrebbe di fatto “cristallizzato” il novero dei soggetti già inclusi negli anni 2010 e 2011, laddove la possibilità di successivi aggiornamenti annuali potrebbe operare solo in via – per così dire – “additiva” (attraverso cioè l’inserimento di nuovi e ulteriori Enti e organismi) ma non anche in via “sottrattiva”.

Non vi sarebbe, infatti, alcuna ragione testuale o sistematica atta a ritenere che il richiamo “in senso dinamico” ai “successivi aggiornamenti” degli elenchi possa operare solo attraverso nuovi e ulteriori inserimenti (rispetto a quelli già cristallizzati negli anni 2010 e 2011) e non anche attraverso l’ordinaria dinamica di espunzione di Enti e organismi che non abbiano più ragione alcuna per essere inseriti nell’elenco annuale o nei cui confronti sia stata accertata in sede giurisdizionale l’erroneità o l’illegittimità dell’iniziale inserimento.

In definitiva, il Consiglio di Stato ha convenuto con l’appellante nel senso che l’espresso richiamo normativo agli elenchi per gli anni 2010 e 2011 abbia svolto la finalità di pura e semplice “identificazione storica” degli Enti ed organismi inclusi fino a un determinato momento storico, senza che ciò valga a tramutare la valenza degli elenchi per l’anno 2012 e successivi o a modificarne la portata puramente amministrativa. Con la conseguenza che allora l’attività (anch’essa amministrativa) di verifica dei presupposti e delle condizioni per l’inserimento nell’elenco annuale resta assoggettata al tipico vaglio in sede giurisdizionale. 

Rodolfo Murra

(3 giugno 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 gennaio 2015
Anac | 340 segnalazioni di inadempimento. 215 Enti inadempienti. Nell'articolo l'elenco delle Pubbliche Amministrazioni verificate e gli esiti del monitoraggio.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Social network e p.a. | L'utilizzo di Twitter da parte delle pubbliche amministrazioni e la forma degli atti amministrativi in un'importante decisione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

5 febbraio 2017
FUnzione Pubblica | Incentivare azioni positive e comportamenti collaborativi è questo l'obiettivo del provvedimento del Ministro Madia.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Agenzia delle entrate | Semplificazioni per le comunicazioni da trasmettere alle Entrate. Per commercianti al dettaglio e tour operator niente obbligo sotto i 3mila euro.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
AgID | Presenta una nuova veste grafica e un'organizzazione dei contenuti più vicina ai non addetti ai lavori.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2015
opportunità di lavoro | Sulla Gazzetta Ufficiale n. 20 del 13 marzo 2015, il bando a valere sul progetto RIPAM Coesione. Le domande vanno presentate entro il 15 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Attività di estetista | Per lettini abbronzanti e lampade UVA, anche se direttamente ed autonomamente utilizzati da soci di circoli privati, e' necessaria l'autorizzazione comunale.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Accesso agli atti | Il diritto di cronaca si piega davanti all'interesse ad accedere agli atti.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.