Condividi la notizia

Corte di cassazione

Elezioni: il risarcimento dei danni da tardiva proclamazione

Elezioni provinciali del 2002: chi ha sbagliato nel computare i voti (oggi) non paga più. La sentenza n. 19911 del 5 ottobre 2016.

Nell’anno 2002 si svolgevano le elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale di Campobasso.

Un candidato, ritenuta la sussistenza di un errore nel computo delle preferenze, adiva il TAR locale per ottenere la correzione dei risultati elettorali. Il giudice amministrativo gli dava ragione ed ordinava la proclamazione del ricorrente tra gli eletti (dichiarando al contempo inammissibile, perché tardiva in quanto proposta solo con i motivi aggiunti, la domanda risarcitoria).

La proclamazione, ovviamente, avveniva con ritardo rispetto a quella originariamente effettuata all’indomani del voto e per questo motivo l’eletto ha proposto successivamente un giudizio risarcitorio per ottenere il ristoro dei danni subiti, evocando in giudizio il Comune (dove si erano determinati gli errori) ed il Ministero, mentre la Provincia risultava terza chiamata in causa. Giudizio incardinato, stavolta, davanti all’A.G.O.

Il Tribunale molisano rigettava la domanda proposta contro Comune e Provincia, ma condannava il Ministero, liquidando l’importo dei danni per una cifra pari a poco meno di trentaseimila euro.

Appellava il Ministero, che ad ottobre del 2014 otteneva il ribaltamento della sentenza di primo grado. La Corte, infatti, declinava la giurisdizione del giudice ordinario.

Insorgeva, allora, dinanzi alla Suprema Corte di cassazione, l’eletto, sostenendo l’erroneità della statuizione.

La Corte gli ha respinto il ricorso con sentenza n.  19911 del 5 ottobre 2016.

I giudici di Piazza Cavour hanno rilevato che, in relazione alla collocazione della vicenda elettorale che ha occasionato la controversia, risalente alle elezioni regionali molisane del 2002, la pretesa risarcitoria del ricorrente per gli errori commessi dalle Amministrazioni gerenti le operazioni elettorali e determinativi del ritardo nella sua proclamazione come eletto, trovava come normativa di riferimento regolatrice della giurisdizione l'art. 7 della L. n. 1034 del 1971 e precisamente il primo periodo del suo primo comma, nel testo sostituito dal comma 4 dell'art. 35 del D.L.vo n. 80 del 1998, come a sua volta sostituito – poi – dall'art. 7, comma 1, lettera c), della L. n. 205 del 2000.

Ciò posto come momento identificativo della normativa regolante, all’epoca, la fattispecie in parola, la Corte ha affermato il seguente principio di diritto: “Nel regime dell'assetto della giurisdizione di cui all'art. 7, della L. n. 205 del 2000, la controversia introdotta da un consigliere regionale, per ottenere il risarcimento dei danni sofferti, in conseguenza del ritardo nella consecuzione della carica, a causa di errori commessi dagli organi amministrativi preposti alle operazioni elettorali, apparteneva alla giurisdizione generale di legittimità del giudice amministrativo ai sensi dell'art. 7, primo periodo, primo comma, della L. n. 1034 del 1971 (nel testo sostituito dall'art. 7, comma 4, del D.L.vo n. 80 del 1998, come sostituito dalla lettera c) del comma 1 dell'art. 7 della citata L. n. 205 del 2000). Ciò, ancorché la domanda — come nella specie – fosse stata proposta successivamente alla sentenza del giudice amministrativo che, accertata l'erroneità delle operazioni elettorali e dei suoi risultati quanto alla posizione del consigliere, ne aveva disposto la correzione in senso a lui favorevole, rigettando, per ragioni di rito afferenti alla sua tardiva proposizione, la domanda risarcitoria proposta nel giudizio di impugnazione del risultato elettorale”.

Rodolfo Murra

(9 ottobre 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
responsabilità Professionale | Per il "consenso informato" "occhio" ai moduli da far sottoscrivere ai pazienti. La sentenza della Corte di Cassazione n. 2177/2016.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Infiltrazioni mafiose | È sufficiente che sussista, per colpa dello stesso amministratore, una situazione di cattiva gestione della cosa pubblica, aperta alle ingerenze esterne e asservita alle pressioni delle associazioni criminali. La sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Acquisizione sanante | Sull'art. 42 bis T.U. la Prima Sezione della Corte di Cassazione rimette gli atti al Presidente.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione della Corte di Cassazione n. 18057/2016.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
diritto alla riservatezza | La pubblicazione sull'Albo Pretorio on line. Il tempo non perentorio di affissione on line. I dati sensibili e la risarcibilità dei danni non patrimoniali. La sentenza della Cassazione del 13.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Legge Pinto | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 3 settembre 2015 n. 17572.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2016
Fiscalità | I principi sanciti dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.