Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Diffamazione aggravata ai danni di un vigile urbano durante un comizio elettorale

La lesione della reputazione altrui non si configura solo con l'attribuzione di un fatto illecito.

Un candidato Sindaco in un Comune pugliese era riconosciuto colpevole, con conformi decisioni di primo e secondo grado, del delitto di diffamazione aggravata, per avere, nel corso di un pubblico comizio, offeso la reputazione di un vigile urbano (responsabile del Nucleo di Polizia Annonaria) in servizio presso lo stesso Comune, affermando che questi si presentava presso gli esercenti attività commerciale e, incurante dello stato dei procedimenti amministrativi relativi al rilascio delle relative licenze, esigeva il pagamento delle sanzioni minacciando, altrimenti, la chiusura dell'attività.

Avverso la sentenza di appello ha proposto ricorso per cassazione l’imputato affermando l’erroneità della pronuncia poiché l'attribuzione alla parte offesa del comportamento consistito nell'irrogare sanzioni a chi ne era meritevole non poteva dirsi né non corrispondente a quello concretamente tenuto dal pubblico ufficiale, né biasimevole e perciò suscettibile di esporre a dileggio il destinatario delle espressioni che tale comportamento descrivevano.

La Suprema Corte, Sezione Quinta, con sentenza n. 32645 del 16 luglio 2018, ha respinto l’impugnativa.

I giudici di legittimità, invero, hanno ribadito il principio a mente del quale integra lesione della reputazione altrui non solo l'attribuzione di un fatto illecito, perché posto in essere contro il divieto imposto da norme giuridiche, assistite o meno da sanzione, ma anche la divulgazione di comportamenti che, alla luce dei canoni etici condivisi dalla generalità dei consociati, siano suscettibili di incontrare la riprovazione della communis opinio.

E’ stato peraltro sottolineato nella decisione di rigetto del ricorso, quanto al profilo dell'elemento soggettivo, che il tenore delle espressioni utilizzate dall'imputato era tale da disvelare la consapevolezza da parte del soggetto agente di formulare un giudizio oggettivamente lesivo della reputazione professionale della persona offesa. Peraltro la Corte si è periziata di precisare che la condotta dell'imputato non sarebbe stata scusata neppure laddove l'imputato avesse divulgato un fatto vero, tenuto conto che, secondo l'interpretazione prevalente, persino l'errore sulla veridicità dei fatti o sulla correttezza dei giudizi oggetto della condotta incriminata non esclude il dolo richiesto dalla norma di cui all'art. 595 Cod. pen., dal momento che questo non ricade sugli elementi costitutivi della fattispecie, potendo il reato essere consumato anche propalando la verità, ed essendo sufficiente, ai fini della configurabilità dell'elemento soggettivo, la consapevolezza di formulare giudizi oggettivamente lesivi della  reputazione della persona offesa.

Rodolfo Murra

(17 luglio 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

21 aprile 2014
Messi di Conciliazione | Se viene soppresso dal Comune il ruolo di messo ed attribuite tali prestazioni ai Vigili Urbani non è dovuta l'indennità di trasferta

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2018
TAR PUGLIA | Annullata l'ordinanza contingibile ed urgente per difetto dei presupposti.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2018
Corte di cassazione | La Corte evidenzia l'infondatezza degli indizi a fronte dell'omessa individuazione dell'indirizzo IP.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
Opportunità di lavoro | Istruttore contabile, funzionario amministrativo, operatore socio sanitario, agente polizia municipale - vigile urbano, terminalista, insegnante per la Scuola comunale infanzia ed educatore per l'Asilo nido, ingegnere trasportista, geometra, assistente sociale, queste ed altre le figure professionali richieste dai Comuni.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Offesa all'onore di consiglieri comunali. La scriminante dell'esercizio del diritto di critica politica. La sentenza della Suprema Corte del 10.2.2017.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Cassazione Penale | La Suprema Corte equipara gli utenti dei social media a giornalisti.

 
 
Condividi la notizia

22 aprile 2018
Corte di Cassazione | Non sempre l'Amministratore di un "forum" in rete è personalmente responsabile del contenuto.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Corte di Cassazione | Prostitute socialmente pericolose? Quando il questore può emettere il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio. E i clienti commettono reato?

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2016
Corte di Cassazione | Nel linguaggio comune la frase è sinonimo di persona eccentrica ovvero irascibile. La sentenza n. 21021/2016.

 
 
Condividi la notizia

19 agosto 2014
Corte di Cassazione | La raccomandazione, anche se effettuata da un Comandante dei Carabinieri o da un parlamentare, non integra il reato di abuso d'ufficio se avviene al di fuori delle funzioni.

 
 
Condividi la notizia

27 ottobre 2014
Delitti contro l'onore | La Cassazione salva intervistato e giornalista. I giudici di legittimità chiariscono, in questa vicenda, gli effetti della remissione della querela nei delitti contro l'onore.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di cassazione | Il reato è consumato anche se la vittima agisce come agente provocatore. La sentenza del 20 febbraio 2017.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.