Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

La critica politica, se non è gratuita, esclude la diffamazione

Il rispetto della verità, in caso di esercizio del diritto di critica politica, assume un rilievo limitato.

Un cittadino veneto veniva tratto a giudizio per diffamazione, per aver offeso la reputazione del Sindaco del proprio Comune, avendo provveduto a stampare ed a distribuire volantini nei quali affermava che il comportamento del Sindaco era “scandaloso” atteso che costui “stava vendendo a terzi il Comune” ed accusandolo di “nascondere” la verità con un contegno arrogante.

In primo grado l’imputato veniva condannato mentre, in appello, era stato assolto, avendo la Corte riconosciuto l’esimente del diritto di critica politica.

Il Sindaco, allora, decideva di ricorrere per cassazione, ai soli effetti della responsabilità civile, censurando la decisione di assoluzione per aver, il giudice di secondo grado, nel momento in cui ribaltava la sentenza di condanna, omesso di offrire una motivazione puntuale e adeguata, in grado di fornire una razionale giustificazione della difforme conclusione adottata in primo grado.

La Suprema Corte, Sezione Quinta, con sentenza n. 32668 del 16 luglio 2018, ha rigettato il ricorso.

Secondo i giudici di legittimità, infatti, giudice di appello ha fatto buon governo dei principi vigenti in materia di continenza delle espressioni lessicali utilizzate, rispondendo la relativa decisione al canone della "motivazione rafforzata", proprio perché si è adeguatamente confronta con la soluzione offerta del primo giudice, ribaltandola sulla scorta di un solido e articolato impianto argomentativo.

La Corte, dopo aver ricordato il principio generale secondo il quale l'esimente del diritto di critica presuppone, per sua stessa natura, la manifestazione di espressioni oggettivamente offensive della reputazione altrui, la cui offensività possa, tuttavia, trovare giustificazione nella sussistenza del diritto di critica, a condizione che l'offesa non si traduca in una gratuita ed immotivata aggressione alla sfera personale del soggetto passivo ma sia "contenuta" nell'ambito della tematica attinente al fatto dal quale la critica ha tratto spunto (fermo restando che, entro tali limiti, la critica, siccome espressione di valutazioni puramente soggettive dell'agente, può anche essere pretestuosa ed ingiustificata, oltre che caratterizzata da forte asprezza), ha rilevato che le espressioni rivolte a mezzo del volantino non investivano in maniera gratuita il nucleo essenziale della personalità morale della persona offesa, che non risultava aggredita nel sé, come persona, ma veniva chiamata in causa per il suo operato politico-amministrativo, peraltro in modo non generico, ma in relazione ad un episodio specifico (l'iniziativa di avviare un progetto di costruzione di un plesso scolastico).

Ed il giudice di appello, secondo la Corte Suprema, ha correttamente evidenziato come il Tribunale non abbia tenuto in debito conto che in riferimento all'esercizio del diritto di critica politica, il rispetto della verità del fatto assume un limitato rilievo, necessariamente affievolito rispetto alla diversa incidenza sul versante del diritto di cronaca, in quanto la critica, quale espressione di opinione meramente soggettiva, ha per sua natura carattere congetturale, che non può, per definizione, pretendersi rigorosamente obiettiva ed asettica.

Rodolfo Murra

(17 luglio 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 novembre 2015
Corte di Cassazione | Risponde di omicidio colposo il Sindaco che abbia omesso di adottare un'ordinanza o comunque qualsivoglia altro atto e/o comportamento impeditivo dell'evento dannoso.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Corte dei Conti | Il Comune non deve versare i contributi al Sindaco in carica per i periodi nei quali ha svolto l'incarico di amministratore locale, se non prova di non aver esercitato la libera professione.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Enti Locali | L'assunzione di collaboratori negli uffici di staff degli organi politici deve avvenire con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. Colpa grave del Sindaco e della Giunta Comunale.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2016
Diffamazione | La sentenza della Cassazione n. 32791 del 27 luglio 2016 sulle problematiche derivanti dall'utilizzo dei Social e sulla dichiarazione di non doversi procedere in caso di condotta riparatoria.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2018
Corte di cassazione | Il caso di un cittadino che insultó pesantemente, sui social network, l'allora ministra dell'immigrazione.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Cassazione Penale | La Suprema Corte equipara gli utenti dei social media a giornalisti.

 
 
Condividi la notizia

22 aprile 2018
Corte di Cassazione | Non sempre l'Amministratore di un "forum" in rete è personalmente responsabile del contenuto.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2016
Suprema Corte | Le frasi incriminate "Fattucchieri, maghi e guaritori" "ve la faccio pagare" e "vi lancio i vasi dal balcone".

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2018
CORTE DI CASSAZIONE | Per la Suprema Corte la diffamazione sui social network nei confronti del proprio datore di lavoro è giusta causa di licenziamento.

 
 
Condividi la notizia

27 ottobre 2014
Delitti contro l'onore | La Cassazione salva intervistato e giornalista. I giudici di legittimità chiariscono, in questa vicenda, gli effetti della remissione della querela nei delitti contro l'onore.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2014
Animali randagi | Il Tar della Puglia annulla un'ordinanza del Comune di Brindisi che vietava alla popolazione di alimentare colombi nonché cani e gatti randagi.

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2016
Corte di Cassazione | Nel linguaggio comune la frase è sinonimo di persona eccentrica ovvero irascibile. La sentenza n. 21021/2016.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2018
Corte di cassazione | La Corte evidenzia l'infondatezza degli indizi a fronte dell'omessa individuazione dell'indirizzo IP.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.