Condividi la notizia

TAR CALABRIA

Il permesso di costruire in sanatoria se gli abusi sono commessi su proprietà comune

Il richiedente aveva trasformato i cornicioni condominiali in balconi ad uso esclusivo.

Un cittadino calabrese chiedeva al Comune il rilascio di un permesso di costruire in sanatoria relativo alla messa in opera di ringhiera metallica e pavimentazione su “esistenti balconi” ed apertura di un accesso su un parapetto al sesto piano di un edificio. L’Amministrazione non ha concesso il richiesto titolo in quanto le opere sarebbero state realizzate non già su balconi preesistenti, bensì su un cornicione e su un parapetto, e cioè su beni che ricadrebbero in comunione e in relazione ai quali, in ogni caso, il richiedente non avrebbe dato prova del titolo di disponibilità.

Il privato ricorreva al TAR eccependo che l’Amministrazione non avrebbe tenuto conto della documentazione presentata in sede endoprocedimentale, avrebbe travisato i fatti e avrebbe strabordato dai propri limiti, pretendendo di risolvere una controversia circa la titolarità del diritto di proprietà sull’area interessata dai lavori e, infine, non avrebbe nel caso di specie consentito un’attività edilizia che in altri casi è stata assentita.

Il TAR Catanzaro (I Sez.), con sentenza n. 1556 del 21 agosto 2018, ha rigettato il ricorso.

E’ risultato in corso di causa (dalle stesse fotografie presenti nel fascicolo di parte ricorrente) che il richiedente la sanatoria inteso trasformare in balconi i cornicioni del più ampio fabbricato condominiale.

Ora, ha osservato preliminarmente il Collegio, per la loro attinenza alla facciata, i cornicioni debbono di regola considerarsi parte comune dell’edificio. Ebbene, in base all’art. 11, comma 1 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, il permesso di costruire è rilasciato al proprietario dell’immobile o a chi abbia titolo per richiederlo.

Secondo un pacifico orientamento giurisprudenziale, il Comune, prima di rilasciare il titolo, ha sempre l’onere di verificare la legittimazione del richiedente, accertando che questi sia il proprietario dell’immobile oggetto dell’intervento costruttivo o che, comunque, ne abbia un titolo di disponibilità sufficiente per eseguire l’attività edificatoria. Alla richiesta di sanatoria e agli adempimenti relativi può provvedere anche ogni altro soggetto interessato al conseguimento della sanatoria medesima; ciò, però, a condizione che sia acquisito in modo univoco il consenso comunque manifestato dal proprietario-

Non a caso, ha ricordato il Collegio calabrese, è stato considerato inapplicabile l’istituto del condono, laddove l’abuso sia realizzato dal singolo condomino su aree comuni, in assenza di ogni elemento di prova circa la volontà degli altri comproprietari, atteso che, diversamente opinando, l’amministrazione finirebbe per legittimare una sostanziale appropriazione di spazi condominiali da parte del singolo condomino, in presenza di una possibile volontà contraria degli altri, i quali potrebbero essere interessati all’eliminazione dell’abuso anche in via amministrativa e non solo con azioni privatistiche.

In questi termini, l’operato dell’Amministrazione intimata è stato ritenuto legittimo.

Mattia Murra

(4 settembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 novembre 2018
CORTE DI CASSAZIONE | La Corte analizza il concetto di precarietá e affronta il tema della sanatoria rifiutata per silentium.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2018
TAR BRESCIA | Ribaditi quali sono gli oneri di verifica in capo al Comune in presenza di contestazioni sulla proprietà dell'area.

 
 
Condividi la notizia

7 novembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Quando non è illegittimo ordinare la demolizione senza pronunciarsi sulla richiesta di accertamento in conformità.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2015
Consiglio di Stato | La sentenza del 5 gennaio 2015 sull'insufficienza della dichiarazione sostitutiva di atto notorietà.

 
 
Condividi la notizia

15 ottobre 2018
Edilizia | I giudici di Palazzo Spada danno ragione al Comune che aveva ordinato la demolizione.

 
 
Condividi la notizia

6 febbraio 2015
Abusi edilizi | Il Comune, prima di pronunciarsi sulla domanda e solo all'esito negativo, può applicare le sanzioni previste per l'abuso edilizio. La sentenza del TAR Lazio, Sez. II bis del 6.2.2015.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2018
Corte di Cassazione | Le differenze tra l'art. 34 e l'art. 36 del T.U. dell'Edilizia in caso di sequestro penale dell'immobile abusivo.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Solo la parte interessata può attivare il procedimento di accertamento di conformità urbanistica. La sentenza del TAR Campania del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Consiglio di Stato | Pensiline o tettoie appoggiate sull'edificio che ne modificano la sagoma e il prospetto sono abusive senza il permesso di costruire. Legittimo l’ordine di demolizione che ne disponga la rimozione.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
Consiglio di Stato | Non basta la reiterazione della presenza del manufatto di anno in anno nella sola buona stagione. La sentenza del Consiglio di Stato del 1 dicembre 2014.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2018
TAR LIGURIA | Per i giudici amministrativi si ravvisa un'ingerenza nel potere riservato al dirigente.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Giustizia amministrativa | E' necessario il permesso di costruire nella sentenza del Consiglio di Stato del 4.5.2015.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.